Chakra: campi ordinatori di energie planetarie

Maggio 2, 2019 on 4:07 pm | In Affinita' d'anima, Amici, Astrologia, Astropsicologia, Corpo-Spirito, Olistico, Spirito-Corpo, Voglia di cambiare
| No Comments

Rosanna Bianchini striges7@yahoo.it

Conferenza tenuta presso l’associazione Jaya di Perugia il 25.02.2007

Circa un anno fa per caso mi è capitato tra le mani un

libro di Roberto Zamperini “Anatomia sottile per i

tipi della Macro edizioni; anche se l’argomento non mi

interessava più di tanto, data la mia notoria bulimica

smania di lettura, ho cominciato a sfogliarlo prima e

poi a studiarlo attentamente e dell’autore ho anche

acquistato le altre opere ed ho frequentato un

seminario di introduzione alle energie sottili; da

questa esperienza esce rafforzata la mia convinzione

di astrologa che il caso non esiste e nasce il

contenuto di questo articolo integrato, comunque,

oltre che con la mia formazione astrologica, anche con

l’esperienza più che ventennale di lavoro sul corpo,

con la pratica delle arti marziali e dello yoga.

Nel momento in cui l’ovulo si unisce allo spermatozoo

nasce la nostra storia, storia che nel grafico del

tema natale si legge nell’analisi della casa VIII; a

livello genetico il patrimonio di due cellule

portatrici di Dna si uniscono in maniera però non

uguale; il codice genetico della nuova cellula è la

fusione dei due codici genetici genitoriali, ma il Dna

mitocondriale viene sempre e comunque passato

dall’ovulo materno, è matrilineare e questo a livello

simbolico già ci dice come il rapporto con nostra

madre sia più profondo, sia Luna, quindi di fusione

empatica.

A livello energetico ogni cellula è un chakra inteso

con questo termine un campo ordinatore di energia che

presiede alla vita della cellula, dell’organo, della

funzione fisica, quindi quando l’ovulo e lo

spermatozoo si uniscono, si uniscono anche due campi

energetici che danno origine ad una nuova cellula, un

nuovo campo e dal quel momento parte la storia,

l’esperienza dell’individuo; da quel momento nasce un

programma energetico che può durare come esperienza di

vita terrena anche poco tempo, nel caso di aborto o

molto tempo per una persona longeva, ma che comunque a

livello energetico è eterno: l’evoluzione della terra

intesa come Gaia è la somma delle esperienze che tutti

gli esseri, da quelli minerali ai vegetali agli

animali fanno e ogni vita che nasce modifica il tutto

e porta il suo contributo all’evoluzione di Gaia.

Dall’analisi della casa VIII, il segno in cui si

trova, il suo governatore, dai pianeti in essa

contenuti e dai loro aspetti possiamo decifrare il

nostro campo ordinatore profondo, quello che ha

origine sia dal patrimonio genetico dei nostri avi che

dalle loro esperienze di vita, ma anche dalle nostre

pregresse esperienze; penso che oltre agli indicatori

classici delle vite- passate, nodi lunari in primis

poi Saturno, Luna e Luna nera, la casa VIII compendi e

integri tutto il canovaccio del cielo di nascita nella

visuale della lettura karmica.

Con lo sviluppo fisico della nuova cellula, lo zigote,

comincia anche lo sviluppo energetico e già al quinto

mese di gravidanza il circuito energetico è quasi

completamente formato; alla nascita è formato così

come sono attivi i sette chakra corporei che la

tradizione indiana ci ha tramandato; chakra significa

ruota o vortice inteso come collettore di energia;

attraverso di essi c’è un continuo interscambio di

energia con il cosmo e con l’energia tellurica di Gaia

che a sua volta fa parte del cosmo; possiamo

visualizzare i chakra come una pompa energetica che si

ricarica di energia ed espelle quella di scarto,

quella negativa; i problemi nascono, sia a livello

fisico che a livello psicologico, quando queste pompe

non funzionano più bene, quando sono intasate dalle

energie sporche dovute a uno stile di vita non sano,

ma anche ai campi energetici problematici creati dalla

nostra psiche e da quelli delle persone con cui

veniamo in contatto dalle esperienze che noi facciamo

che si possono leggere attraversi i transiti

planetari.

Questi chakra sono posizionati lungo l’asse centrale

del corpo, dalla zona perineale , primo chakra, alla

sommità del capo, settimo chakra e già il numero sette

li lega ai sette pianeti della tradizione astrologica;

l’attribuzione al chakra di un pianeta o di un altro è

oggetto di controversie anche nell’astrologia indù a

seconda delle varie scuole; le attribuzioni che

seguono sono quelle che mi sono sembrate più logiche

in relazione alle funzioni psicologiche dei chahra e

all’elemento che la tradizione indiana associa ad ogni

chakra.

Tutte le tradizioni esoteriche parlano di corpi di

energia sottile oltre al corpo fisico ed ancora la

tradizione ne conta sette; anche questi corpi sono

coordinati da centri ordinatori; ce ne sono sette che

partono dal settimo chakra e ci connettono all’energia

del cosmo e mi piace pensare che questi sette centri

ordinatori di energia ci connettano alla nostra stella

secondo la tradizione medievale risalente

all’astrologia araba che indica ogni individuo legato

alla sua stella nel cielo delle stelle fisse; ce ne

sono altri sette che partono dal primo chakra e ci

uniscono al cuore pulsante di Gaia, al centro della

terra ed al suo campo energetico e ipotizzo che quando

noi ci spostiamo di parecchio dal nostro abituale

luogo di residenza, non solo veniamo in contatto con

modi di vivere, linguaggio, cucina, diversi dai

nostri, ma cambiano anche l’angolo di ricezione di

questo campo e questo potrebbe dare una spiegazione al

perché funziona lo spostamento dell’Ascendente di

Rivoluzione Solare o la rilocazione attraverso

l’astrocartografia.

I corpi sottili extra corporei cominciano a formarsi

dopo la nostra nascita; a tre anni sono attivi i primi

tre centri celesti e tellurici; la formazione è

completa a quattordici anni, momento in cui Saturno si

oppone alla sua posizione radix e questo già ci indica ALLA

quanto il signore del tempo non solo costruisca la

nostra struttura portante fisica e psicologica, ma

anche quella eterica.

Nel momento in cui noi portiamo in asse la colonna

vertebrale, automaticamente allineamo tutti i chakra

ed i centri di ricezione extra corporei e l’energia

scorre meglio, ci sentiamo meglio; un portamento

eretto è indice di stabilità psicologica e buona

salute; quando ci ripieghiamo su noi stessi, posizione

tipica delle persone con forte segnatura saturnina, o

siamo sbilanciati in avanti, tipico di Mercurio e

Urano o all’indietro, tipico di Giove, questo è già un

indicatore di problemi di circolazione energetica che

poi possono somatizzarsi a livello fisico.

I centri energetici tellurici sono indicatori delle

energie che vengono dal nostro passato ancestrale, ma

anche dalle esperienze passate; i centri celesti sono

la via che indica il nostro sviluppo futuro, oltre

questa esperienza terrena.

I chakra sono campi ordinatori di energia e ogni

chakra ha la funzione di un pianeta tradizionale;

secondo la mia visione il primo chakra è governato da

Saturno,segue la Luna, poi Marte, Venere, Mercurio,

Giove e Sole, ultimo chakra che connette al cosmo; i

centri extra corporei celesti partono dal primo

governato dal Sole per arrivare all’ultimo governato

da Saturno in contatto energetico con il freddo dello

spazio sidereo; i centri tellurici partono dal primo

governato da Saturno per arrivare al settimo governato

dal Sole in contatto con il cuore caldo, col magma di

Gaia.

Analisi astropsicologica dei chakra

Primo chakra Muladhara campo ordinatore Saturno

È posto alla base del nostro tronco, nella zona

perianeale, è il fondamento della circolazione

energetica del corpo, collegato alla terra; la

traduzione del suo nome sanscrito significa radici e

dalle radici poi si sviluppa la pianta, da esso inizia

la costruzione del corpo; ordina le funzioni

essenziali alla vita, il nutrimento, la capacità di

crescita fisica e psicologica, la capacità di porre

confini e di accrescere le sostanze materiali, il

rapporto col denaro e la prosperità; è deputato

all’auto conservazione dell’individuo, al suo diritto

di esistere e di avere.

Un funzionamento sano di questo campo ordinatore porta

salute fisica e energia; la persona è a suo agio nel

corpo e affronta con fiducia il mondo; ha un senso di

sicurezza di fondo che lo aiuta ad affrontare la vita,

sa rilassarsi e riesce a costruirsi una buona

stabilità materiale; i traumi che colpiscono questo

chakra sono quello della nascita, la mancanza di

contatto fisico con la madre, l’essere abbandonato e

trascurato fisicamente, difficoltà di nutrizione,

gravi malattie o operazioni durante l’infanzia, vivere

in un ambiente violento o subire violenza fisica.

Questi traumi portano ad essere sconnessi dal corpo,

problemi alimentari in eccesso o in difetto, paura,

ansia, poca capacità di programmare e poca disciplina,

la persona è pigra e stanca, ha paura dei cambiamenti,

può essere disorganizzata o essere estremamente rigida

nel modo di prendere la vita; a livello fisico le

disfunzioni si somatizzano a livello intestinale, con

problemi alle parti solide del corpo, alle ossa ed ai

denti e agli arti deputati al radicamento, i piedi, le

gambe, le ginocchia, la base della colonna e i glutei.

L’associazione con Saturno viene immediata; il signore

degli anelli è quello che governa il distacco e la

crescita con le proprie forze; è la struttura che ci

permette di stare in piedi, lo scheletro; è un pianeta

di Terra portato a cercare sicurezza ed accrescerla,

portato ad inserirsi nella società attraverso

l’introiezione delle sue regole che passano però dal

filtro delle proprie regole interne.

Le problematiche, le tensioni che il pianeta ha

scatenano la paura, paura di vivere prima di tutto,

paura di perdere, quindi il bisogno di accumulare, ma

anche il rischio poi comunque di vivere l’esperienza

della privazione che può essere affettiva o materiale

e questa paura deriva da deprivazioni che si sono

vissute durante l’infanzia; sarà l’insieme del tema ad

indicarci quando e perché c’è stata questa perdita che

in età adulta si traduce in una perdita di auto stima

e, come tutti i traumi porta a problemi di

compensazione per difetto o per eccesso.

Saturno è terra ed è il contatto con la materia è la

via per arrivare ad equilibrare il suo campo

energetico, passa attraverso il recupero del contatto

con il proprio corpo e le proprie radici fisiche.

Secondo chakra Swadhisthana campo ordinatore Luna

È collocato nell’addome, quattro dita sotto

l’ombelico; il suo nome significa dolcezza e la sua

funzione è quella di movimento e cambiamento; centro

delle emozioni, delle sensazioni, del piacere

sensuale, del desiderio, dei bisogni di ognuno di noi;

il suo elemento è l’Acqua e questo parla di fluidità,

di qualcosa che non ha struttura, ma liberamente

scorre, esattamente come dovrebbero scorrere gli stati

emozionali, il desiderio sessuale.

Come non associare a tutto questo la Luna? La Luna con

la sua luce riflessa, cangiante, a volte scura che ci

parla dell’ombra, delle potenzialità positive e di

tensione, nascoste nella nostra psiche e di cui noi

non abbiamo coscienza ma che proprio per questo con la

loro danza ci conducono dove vogliono loro; la Luna

pianeta della fusione e della simbiosi; per eccellenza

spinta istintiva alla sessualità nella ricerca

spasmodica di fare di due parti uno, di ricreare il

mito dell’androgino originario; la Luna, spinta

emozionale alla ricerca del piacere che la cultura

delle religioni monoteiste ha demonizzato, ha chiamato

peccato ed il blocco di questo chakra, di questa

funzione energetica scatena i sensi di colpa, le

perversioni.

Un funzionamento equilibrato di questo campo

ordinatore d’energia porta il corpo a muoversi in

maniera morbida ed aggraziata, alla capacità di vivere

il piacere senza sensi di colpa, all’intelligenza del

cuore, alla capacità di accudire se stessi e gli

altri, dona la capacità di cambiare e modificarsi,

pone sani limiti tra i bisogni propri e quelli altri;

se il pianeta è disturbato i problemi possono nascere

da abusi sessuali o emotivi, da situazioni familiari

instabili e conseguente senso d’abbandono, da un non

ascolto o repressione degli stati emotivi infantili,

da un clima familiare molto rigido in senso morale o

religioso e questo può portare ad un corpo rigido, a

non avere contatto con il proprio corpo e negarsi il

piacere, stare continuamente sulla difensiva, avere

paura del cambiamento se c’è blocco della funzione;

invece in caso di iper attivazione del chakra c’è

l’esatto opposto, la continua ricerca del piacere

sessuale, l’ossessione per il sesso e per il piacere;

emozioni che la persona non riesce a controllare, che

la travolgono; la possibilità di essere manipolati

dagli altri, la dipendenza emotiva, la capacità di

manipolare in maniera seduttiva.

A livello fisico problemi agli organi riproduttivi,

alle bile, al sistema emuntori, problemi mestruali;

tutte le problematiche legate alle sessualità;

livello di energia sottile il chakra controlla

l’attività delle gonadi ( testicoli ed ovaie).

La Luna parla di emozioni e del rapporto che noi

bambini abbiamo avuto con nostra madre e la terapia

per curare questo campo ordinatore passa dal recupero

del nostro bambino interiore, dalla nostra capacità di

entrare in contatto con lui, ascoltare i suoi bisogni

che sono i nostri bisogni e cercare di soddisfarli.

Terzo chakra Manipura campo ordinatore Marte

È collocato nella zona del plesso solare; la

traduzione del nome significa gemma luminosa, il suo

elemento è il Fuoco e la sua funzione è quella di

trasformazione ed è campo ordinatore della forza,

dell’energia vitale; spinge all’affermazione

personale, a costruire la propria identità, l’Io;

stimola l’attività, il raggiungimento del potere; è la

base della nostra autostima, della capacità di agire a

proprio vantaggio, porta l’individuo a camminare con

le proprie gambe, ad essere autonomo.

Il Fuoco di Marte brucia attraverso questo campo che

ci spinge ad avere coraggio per affrontare la vita,

per essere individui autonomi che sanno prendere

decisioni giuste; il pianeta quando è equilibrato

porta la persona ad essere affidabile, ad avere una

volontà di realizzazione; porta il carisma del leader,

calore alla persona, fiducia nei propri mezzi, il

senso del proprio potere, ma anche una buona

autodisciplina che non calpesta i diritti degli altri,

porta la capacità di accettare le sfide.

Le tensioni su Marte scatenano la vergogna, fanno

diventare la persona autoritaria, la portano a vivere

sempre in situazioni precarie, la fanno soggetta a

traumi e violenze.

Se l’energia di Marte è carente c’è debolezza, poca

energia fisica, una persona facilmente manipolabile,

incapace di portare a termine i suoi programmi, con

bassa autostima, che dà la colpa agli altri per quello

di cui si ritiene vittima, freddo a livello emotivo e

fisico; invece se il pianeta è iper stimolato ecco la

persona aggressiva, che vuole controllare e dominare

tutti, che vuole sempre avere ragione, che è soggetto

ad attacchi di collera furiosi, ostinato, con

l’ambizione del comando, molto competitivo, arrogante

ed in perenne iper attività.

A livello fisico questo chakra disturbato porta e

disordini dell’alimentazione, ulcere, problemi allo

stomaco al pancreas, al fegato, possibilità di

calcoli, diabete, problemi ai muscoli, stanchezza

cronica ed iper tensione.

La terapia per curare questo chakra passa attraverso

il radicamento ed il contatto emotivo (I e II chakra

perché mano a mano che si sale nella scala dei centri

di energia che sono un sistema chiuso ed in

equilibrio, se qualcosa non funziona al disotto del

campo preso in esame, scompensa questo); il prendere

contatto con la propria forza attraverso un esercizio

fisico molto energico, le arti marziali, ma anche gli

esercizi di controllo delle proprie reazioni corporee,

imparare la capacità di rilassare i muscoli.

Questi tre primi chakra sono le base materiale del

nostro essere al mondo; sono costituiti da elementi

visibili, Terra, Acqua e Fuoco e sono essenziali per

la nostra struttura fisica e psicologica; nasciamo

indifferenziati, ci dobbiamo separare e poi costruire

l’Io; a questo punto siamo pronti a fare il balzo

negli elementi più sottili, ma per potervi accedere in

maniera sana la base materiale dalla quale partire

deve essere solida e ben strutturata, i primi tra

campi ordinatori devono funzionare a dovere.

Quarto chakra Anahata campo ordinatore Venere

È collocato nella zona del cuore, al centro del nostro

corpo ed è lo snodo tra i centri energetici inferiori,

fisici e quelli superiori, mentali ed energetici; la

traduzione del suo nome significa non colpito;

l’elemento è l’Aria che pone in comunicazione tutto

quello che circonda, fa da ponte tra i bisogni fisici

e quelli mentali; lo scopo di questo campo ordinatore

è il raggiungimento dell’amore e dell’equilibrio nella

relazione con gli altri e con l’altro/a in

particolare, ed è una funzione diversa da quella del

secondo chakra che spinge alla fusione ed al

soddisfacimento dei bisogni sessuali ed emotivi; in

questo campo ordinatore c’è lo scambio di amore tra

due persone mature che si scelgono, strutturano il

rapporto e si lasciano libere, non dipendenti l’uno

dall’altra; è un amore che trascende i bisogni e che è

possibile quando prima di tutto l’individuo ama se

stesso, non certo con sfumature narcisistiche, ma con

la piena accettazione di sé ; con questo campo

ordinatore entriamo nel sociale, nella relazione con

gli altri che è caratteristica di tutti gli altri

chakra che seguono.

L’amore, l’equilibrio nella relazione, lo sguardo

benevole verso di sé,la relazione con l’altro,

l’intimità, la capacità di aprirsi ed accogliere, di

integrare la parte maschile e femminile della psiche

dentro di sé sono funzioni di questo campo ordinatore

che porta alla propria accettazione ed

all’accettazione degli altri.

È il diritto fondamentale di amare ed essere amati che

se è ben sviluppato porta empatia con gli altri,

altruismo, pace, compassione.

La ferita di questo chakra provoca dolore ed i traumi

vengono da situazioni di rifiuto, perdita, abbandono,

dall’essere continuamente criticati che porta

vergogna; da situazioni di violenza e sopraffazione,

da lutti, tradimenti, dal vivere in un ambiente

ostile, senza amore.

Le ferite di Venere possono portare a staccarsi dagli

altri, ad essere freddi, iper critici verso se stessi

e gli altri, senso di solitudine ed isolamento,

depressione, mancanza di empatia ed intimità, ma anche

alla possibilità di non avere confini di essere

dipendenti emotivamente dagli altri, la tendenza ad

attaccarsi, la gelosia, il sacrificio pur di

trattenere il partner.

A livello fisico le lesioni di questo chakra possono

portare problemi cardiaci, polmonari, al seno, alle

braccia, al timo, problemi circolatori, di asma,

problemi al sistema immunitario.

La cura per i problemi di questo chakra passa

attraverso l’amore e la scoperta di se stessi,

attraverso gli esercizi fisici che ci aprono

all’abbraccio degli altri, attraverso il lavoro di

psicoterapia per integrare anima ed animus.

Quinto chakra Vissudha campo ordinatore Mercurio

È collocato nella gola; la traduzione del suo nome

significa purificazione e già questo vocabolo ci parla

di un processo che lascia il piano strettamente fisico

per vibrare su toni più alti e proprio la vibrazione,

il suono sono il suo elemento; il fine di questo campo

ordinatore è la comunicazione e la creatività non

intesa in senso fisico, riproduzione, ma il senso

mentale ed è il campo ordinatore di Mercurio deputato

all’ascolto ed alla parola, ad entrare in risonanza

con tutto quello che circonda per avere gli strumenti

per creare; è la chiave del pensiero astratto.

Il mondo lo creiamo in base a come percepiamo le cose,

in base a questo campo c’è la nostra auto espressione;

un Mercurio equilibrato dona abilità nel comunicare,

creatività e la capacità di dire ed e ascoltare la

verità; l’espressione della voce è armonica e c’è un

buon senso del ritmo e tempismo.

I problemi nascono da bugie e messaggi contraddittori

ricevuti nell’infanzia, da un eccesso di senso critico

nei confronti del bambino, dal divieto di esporre le

proprie opinioni, da famiglie in cui c’è qualcosa da

nascondere, ad esempio l’alcolismo di un genitore; in

età adulta ci può essere paura di parlare o parlare in

eccesso, una voce debole o eccessivamente alta e senza

toni, meccanica, difficoltà ad esprimere a parole i

propri sentimenti, ma anche di ascoltare quelli degli

altri, timidezza ed introversione o la tendenza a

spettegolare; a livello fisico le disfunzioni di

questo campo ordinatore si somatizzano con disturbi

alla gola, alle orecchie, tensione al collo ed alla

mascella.

La cura di questo campo ordinatore passa a livello

fisico attraverso lo sblocco delle tensioni del collo,

ma soprattutto dal contatto con il proprio suono, con

la voce, dal cantare alle emissioni pure e semplici di

vocalizzazioni, dal raccontare storie allo scrivere un

diario, dalla ricerca del contatto e comunicazione con

il proprio bambino interiore.

Sesto chakra Ajna campo ordinatore Giove

È collocato nella fronte, al centro tra le

sopracciglia; il suo nome significa percepire e

comandare; il suo elemento è la luce; è il chakra in

cui i due canali energetici, ida e pingala in

sanscrito, che scorrono attraverso i centri inferiori

intersecandosi fra loro, attorcigliandosi attorno alla

colona vertebrale che fa da asse, si uniscono per poi

canalizzare tutta l’energia del sistema sull’ultimo

chakra, il settimo; questo campo è il collettore delle

energie e delle esperienze materiali e spirituali dei

centri inferiori, il suo campo ordinatore è Giove,

pianeta che porta la funzione di comprensione

superiore e ponte fra il piano materiale e quello

spirituale.

Lo scopo di questo campo è quello di riconoscere gli

schemi attraverso i quali si percepiscono le cose e

renderli coscienti; la vista superiore, l’immagine,

l’intuizione, l’introspezione, i sogni e la visione

sono sotto il campo ordinatore di Giove che spinge ad

una maggiore consapevolezza, alla riflessione su se

stessi; con questo campo ordinatore possiamo stabilire

la nostra identità personale attraverso la nostra

capacità di percepire i modelli comportamentali.

Una funzione sana di questo chakra porta intuito e

capacità percettive, potere immaginativo, buona

memoria, capacità di ricordare i sogni e capire i loro

messaggi, capacità di pensare per simboli e

visualizzare

Una funzione distorta di questo campo porta

all’illusione e i problemi hanno origine nell’infanzia

in una percezione delle cose che non era congrua a

quello che ci veniva detto; a traumi ambientali che

hanno bloccato la fantasia ed il sogno ad occhi

aperti; i problemi in età adulta possono portare a

mancanza di sensibilità, memoria carente, difficoltà a

vedere un futuro diverso da quello in cui si vive,

difficoltà a ricordare i sogni, vedere solo una via di

risoluzione dei problemi, ma anche allucinazioni,

illusioni, ossessioni, difficoltà di concentrazione ed

incubi.

A livello fisico l’energia distorta di questo campo si

somatizza con mal di testa e problemi alla vista.

La possibilità di sanare questo campo energetico passa

attraverso la creazione artistica, la meditazione, la

psicoterapia, la terapia del disegno e del colore, il

lavoro sulla memoria e le tecniche di regressione alla

vite passate, il lavoro sui sogni e l’ipnosi.

Settimo Chakra Sahasrara campo ordinatore del Sole

È situato alla sommità del capo; è il centro che

collega il nostro essere all’energia dell’universo, al

campo ordinatore universale ed il suo elemento è il

pensiero.

Sahasrara significa mille, è il loto dai mille petali

che accoglie l’energia dell’intero universo, ma che ha

radici nella fisicità della terra, nel primo chakra

collegato a Madre Terra, si unisce a Padre Sole, ma i

suoi mille petali ricadono verso il basso in modo da

riversare l’energia dei campi ordinatori superiori su

quelli inferiori, di nutrire il corpo.

Il Sole è il pianeta ordinatore di questo campo che

porta la realizzazione del Sé, del progetto della

nostra vita, la ricerca di unione con l’universo che

però non è un annullamento in esso, ma una fusione

della propria identità con il tutto; c’è la coscienza

del proprio essere, dello scopo della propria vita ed

a questo punto c’è il superamento della barriera del

finito per entrare in comunione con il tutto.

Lo scopo di questo campo ordinatore è quello di avere

comprensione dell’esperienza di vita, una comprensione

superiore che percepisce il progetto che c’è dietro la

quotidianità che in questo modo diventa una via di

accesso al sacro, alla trascendenza da essa; c’è

l’unione con il divino, la visione superiore delle

cose; il suo compito è l’assimilazione della

conoscenza, lo sviluppo della saggezza, la capacità di

illuminare tutte le nostre esperienze dando loro un

senso.

Una distorsione di questo campo porta attaccamento

agli schemi che precludono l’apertura della coscienza

e questo è dovuto ad un’educazione che blocca la

curiosità, ad un insegnamento negato, ad imposizioni

religiose coatte, all’obbedienza coatta, così come a

informazioni distorte della realtà avute durante

l’infanzia; i problemi possono portare blocchi a

percepire il lato spirituale della vita, un pensiero

rigido, apatia, difficoltà di apprendimento, ma anche

una iper intellettualizzazione o confusione,

ossessione spirituale, dissociazione dal corpo.

A livello fisico i problemi si possono somatizzare in

mal di testa, amnesie, tumori al cervello, distorsioni

cognitive.

Vivere la funzione solare in modo sano dona la

capacità di percepire il mondo attorno a noi, le sue

informazioni, assimilarle, dona l’apertura mentale

capace di mettere in discussione gli schemi coatti,

porta saggezza e capacità di connettersi con il campo

energetico informatore di tutto il cosmo, con il campo

spirituale e da esso ricavare la visione del senso

dell’esperienza di vita.

La cura per sanare questo campo ordinatore passa dalla

capacità di riunire il corpo con le emozioni, di

riconnettersi al lato spirituale della vita attraverso

la meditazione o discipline spirituali, attraverso lo

yoga e la psicoterapia.

Bibliografia

Roberto Zamperini Energie sottili Macro ed.

“ “ Anatomia sottile Macro ed

“ “ Fisiologia sottile Macro ed

“ “ La cellula madre Macro ed

Anodea Judith Il libro dei chakra Neri Pozza

M.Margaretha Mijnlieff Chakra Xenia ed

Johannes Walter Far esperienza con i chakra Macro ed

Ruth White Chakra Sonzogno ed

Rodney Collin Le influenze celesti Mediterranee ed

A. Tadd Mann L’arte rotonda Gremese ed

Pesci – Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali

Marzo 5, 2019 on 6:54 pm | In Amici, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Donne, Emozioni, Evoluzione, Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali di Gabriella Leopizzi, Oroscopo, Pratica Astrologica, Segni zodiacali
| No Comments

di Gabriella Leopizzi

 

Pesci è il dodicesimo Segno dello Zodiaco; doppio, mobile, di Acqua, esso va dal 19 febbraio al 20 marzo, con due giorni di fluttuazione all’inizio ed alla fine, a seconda degli anni. L’Elemento Acqua indica, in Astrologia, emotività, sensibilità ed intuizione, spesso con lampi di preveggenza. Del tutto assenti la razionalità, la tenacia e la “grinta” così nei Pesci come nell’altro Segno di Acqua, il Cancro; fa eccezione il terzo Segno di Acqua, Scorpione il quale, essendo dominato da due pianeti fortissimi (Marte e Plutone) sa essere estremamente combattivo ed aggressivo. L’Acqua pescina è resa ancora più fluida dall’essere, il Pesci, un Segno mobile, con conseguente forte tendenza all’adattamento, alla mediazione.

Acqua di mare, quella dei Pesci; acqua nella quale si riversano tutti i fiumi e che si può presentare, di volta in volta, trasparente o torbida, tranquilla o ruggente. Acqua tiepida, iridescente, piena di fruscii e sussurri in superficie, quanto gelida, tenebrosa ed irrealmente silenziosa negli abissi. Acqua che contiene una infinità di vite, di forme, di colori, tenuti gelosamente nascosti ed offerti alla vista soltanto di quelli che accettano la sfida, il pericolo, insiti in una immersione. Con tali presupposti è chiaro che il Segno Pesci simboleggia tutto ed il contrario di tutto.

La Natura è in un delicato momento di passaggio. Gli ultimi freddi, l’ultima neve, l’aria che oscilla tra i rigori dell’inverno ed i primi caldi aliti della primavera ormai alle porte. Le piogge ammorbidiscono le zolle rese pietrose dal gelo invernale. Sui rami scheletriti spunta, qua e là, qualche gemma. Pesci è, quindi, il toccarsi degli estremi. Ciò che si dissolve completamente e ciò che comincia a rinascere. Nascita, Crescita, Morte e Dissoluzione. Ci si ritrova alle vigilia della ripresa del Grande Ciclo.

Sul piano dell’evoluzione umana Pesci potrebbe simboleggiare il morire di grandi civiltà sulle cui rovine attecchiscono e crescono nuovi popoli, idee diverse.

Sul piano del Mito, già in Babilonia Oannes, portavoce della Divina Saggezza, aveva la forma di pesce ed usciva ogni giorno dal mare per trasmettere agli umani i divini insegnamenti. In Fenicia il Dio Dagon aveva testa di Pesce su un corpo di uomo mentre in Oriente c’era Visnù, che salva Manu dal Diluvio Universale e poi si trasforma in Pesce sacro.

Nell’Induismo il dio Veruna è seduto sul dorso di un pesce. Nell’antico Egitto i due Pesci, Ant ed Abtu, erano chiamati i Pesci del Sole perché il primo seguiva il Sole ed il secondo lo precedeva. Anche nello Zodiaco di Shiva (India), c’è questa accoppiata Sole-Pesci; il Governatore dei Pesci, il Dio del Fuoco, (agnello pasquale del Cristianesimo), è rappresentato a cavallo di un Ariete.

Ai primordi della civiltà greca era proibito al popolo mangiare il pesce, probabilmente considerato pasto sacro per i sacerdoti. Nei primi secoli del cristianesimo anche Gesù era simboleggiato con un pesce. Pescatore di Anime.

I Miti specifici legati al Segno Pesci ruotano attorno alle due anime pescine; quella amorevole, soccorritrice e salvatrice e quella che, di fronte alle responsabilità, sceglie spesso la fuga. Il coraggio e l’assunzione in prima persona delle responsabilità non sono tra le virtù del tipo Pesci, a meno che nel Tema Natale non si evidenzino pianeti in Segno di Fuoco o di Terra.

C’è così l’episodio di Eros ed Afrodite, innamorati e perseguitati da Tifone per sfuggire al quale si gettano in mare; Poseidone manda due delfini a salvare gli amanti. Come premio, Giove porta in cielo i delfini e li trasforma in due stelle, incastonate nella Costellazione Pesci. In altra versione Venere è in compagnia del figlio Cupido.

C’è poi il Mito di Cassiopea moglie di Cefeo la quale, convinta di essere la donna più bella dell’Universo, osa rivaleggiare con Venere e con le Ninfe marine. Irritato dalla sua superbia, Poseidone distrugge il suo paese con una terribile inondazione; poi fa emergere dagli abissi un mostro marino spaventoso che tenta di rapire sua figlia Andromeda. Ma accorre Perseo che uccide il mostro e libera la fanciulla innocente.

Due storie di amore e dedizione che parlano della parte bella dei Pesci; poi c’è la parte oscura, sfuggente ed un po’ vile, simboleggiata da Derceto, dea della fertilità; varie sono le versioni del suo Mito ma tutte con un unico nucleo ed una identica conclusione. Derceto, amante e madre, non accetta la responsabilità che tali rapporti richiedono: in una versione la dea evira l’amante ed abbandona la figlia nel deserto per poi gettarsi in mare; nell’altra si getta in mare incinta. Il finale è comunque identico; disgustato dal rifiuto delle proprie responsabilità, Poseidone trasforma Derceto in una Sirena, metà donna e metà pesce: essere ibrido e quindi sterile.

Il pesce era anche simbolo di riconoscimento tra i cristiani, al tempo delle persecuzioni, sotto l’Impero Romano; esso simboleggiava infatti Gesù – Ixtus, in greco -cioè Figlio di Dio, Salvatore: gli stessi cristiani si paragonavano a pesci salvati dalle acque del battesimo. Sorprendente il parallelo tra l’insegnamento di Cristo (di amore, dedizione, carità, sacrificio), con le caratteristiche psicologiche pescine che tra poco andremo ad analizzare. E, infatti, si dice che da poco è finita l’Era dei Pesci durata oltre 2.000 anni e legata all’apparente scorrere delle Costellazioni, cosa che determina le Ere. Sempre stando a queste teorie, si è entrati ora in quella di Aquario; e chi vuol saperne di più in proposito si vada a leggere l’Introduzione.

Sul piano Esoterico, il Segno Pesci simboleggia l’Alfa e l’Omega, l’Inizio e la Fine di ogni cosa. E poiché il mare comincia là dove finisce il cielo e spesso è difficile percepire la linea di demarcazione, tale Segno simboleggia anche l’Infinito. Un altro simbolo pescino è l’involuzione dello Spirito nella Materia (Pesce di sinistra), e l’Evoluzione dalla Materia che torna al suo Principio (Pesce di destra). C’è poi il simbolismo della Realtà e del suo riflesso. Come in una pittura. E si potrebbe continuare ancora. Ma fermiamoci qui.

Tutti i simboli appena esposti si rifanno all’ideogramma del Segno, due semicerchi che si danno le spalle, () ma che sono comunque uniti da una barretta al centro; è la stilizzazione di due pesci che vorrebbero nuotare ciascuno in una opposta direzione, ma non possono farlo perché legati tra loro da un filo che parte dalla bocca.

Pianeta dominante del Segno è stato, fino al 1846, Giove. Ma Pesci ha avuto la stessa sorte di Scorpione ed Aquario, cui i moderni telescopi hanno permesso di arricchirsi di un altro pianeta dominante; nel 1846, appunto, viene scoperto Nettuno e le verifiche degli studiosi hanno permesso di evidenziare le innegabili analogie astrologiche tra il pianeta e le caratteristiche pescine.

L’accoppiata Giove- Nettuno, è già presente nel Sagittario. Ma essendo, il nono, Segno di Fuoco, è Giove ad avere la preminenza, a dare il suo imprinting; nei Pesci (Segno di Acqua, e quindi molto più sfumato, evanescente, spiritualizzato), è Nettuno a primeggiare. Si avranno comunque, anche qui, due diverse categorie di individui; i Gioviali ed i Nettuniani. Ancora come nel Sagittario, il Pesci-gioviale è imponente, massiccio, con tendenza ad ingrassare. Il Nettuniano invece, è di solito più minuto, etereo, spesso con l’aria un po’ trasognata di chi si trova in un posto per caso… Non è raro vedere, nell’uno e nell’altro tipo, una tendenza all’acquoso che, con l’età, può diventare flaccido.

Prima di iniziare l’analisi dettagliata delle caratteristiche del Segno Pesci è bene comunque ricordare che esso è opposto al Segno Vergine; in Astrologia i Segni opposti si integrano ad incastro, nel senso che uno possiede qualità e difetti, predisposizioni ed aspirazioni totalmente all’opposto (appunto!), di quello che gli sta di fronte. In teoria quindi, il Pesci E’ tutto quello che la Vergine NON E’… e viceversa.

Realista, pieno di senso pratico, con il dono della logica, la capacità di analisi e di sintesi il Segno Vergine, il quale ha anche forte manualità e facilità a districarsi nella meccanica, nell’informatica. Il Vergine è anche scettico, pragmatico, diffidente; amante dell’ordine, della catalogazione, delle solide certezze.

l Pesci è il contrario di tutto questo. Disordine, caos, abbandono all’intuizione ed alle suggestioni, alle emozioni del momento. Pronto a disperdersi in mille rivoli, a cadere nel panico se chiamato a disbrigare cose pratiche, anche le più semplici, quale pagare un conto corrente o gestire un conto in banca. Manualità zero, perché mancano pazienza e capacità di concentrazione. Progettualità caotica, senza un filo conduttore, perché il pescino è incapace di seguire un filo logico, un piano prestabilito, tali e tante sono le suggestioni che lo incantano, lo distraggono, lo ammaliano. Spesso si cava comunque egualmente dagli impicci per lampi di intuizione che hanno del prodigioso.

Astrologia ci insegna, comunque, che tali e tante sono le varianti in un Tema Natale, così diverse le interferenze, che mai si trova un appartenente ad un Segno allo stato puro. Attitudini e tendenze sono sempre modificate, esaltate od inibite dall’ ambiente nel quale il Soggetto è vissuto, dalle persone che più hanno avuto influenza su di lui, dalla educazione che gli è stata impartita e dalle vicende nelle quali è incappato da bambino; si può quindi avere, tanto per fermarci ai due Segni ora in esame, un Vergine per certi versi pasticcione ed indeciso ed un Pesci abbastanza ordinato e determinato. Ma le tendenze di base rimarranno sempre, magari sotto traccia, pronte però a manifestarsi nei momenti più impensati.

Passiamo ora alle due categorie pescine; quella gioviale e quella nettuniana. Il Pesci-Giove, pur essendo a suo modo un idealista, pronto a sacrificarsi per una causa, non disdegna per questo i piaceri terreni; è anche abbastanza realista, ben inserito nella società, e non è detto che difetti di senso pratico. Di solito conformista (la lotta, l’andare controcorrente, non sono il suo forte), egli si adegua benissimo a leggi e regole dell’ambiente in cui vive e non disprezza affatto (né perde di vista), i benefici che dall’ambiente e dalle circostanze può ricavare. Il Pesci-Giove ha di solito, nel suo Tema, un Giove e Segni di terra o fuoco molto evidenziati.

Se ha esigenze spirituali (e spesso le ha), il Pesci-Giove (così come il Pesci-Sagittario), si adegua benissimo alle direttive del Clero, e segue con partecipazione la vita della sua comunità religiosa. E’ facile trovare in questo Segno persone consacrate le quali, se non hanno forti pianeti in Segni di Fuoco, o nel Capricorno, (o in altri settori che denotino ambizione), al contrario dei “fratelli” Sagittario, spesso non mirano alle altre cariche ma possono vivere la loro spiritualità anche come umili preti di campagna; o parroci di una borgata.

In tali casi, anzi, la loro natura soccorrevole verrà molto stimolata (specie se nel Tema personale presentano pianeti in Segni di Fuoco) e li troveremo così a battersi per i dimenticati, i diseredati. Ma Pesci, ( Giove o Nettuno non importa), può essere anche don Abbondio. “Che, uno, il coraggio mica se lo può dare!”. In tal caso vi è quasi sempre forte presenza di pianeti in Segni di Acqua o Aria, oppure i pianeti combattivi (tipo Marte, Urano, molto indeboliti).

Il Pesci-Nettuno, si è già accennato, è tutt’altra cosa. Si contraddistingue quasi sempre per il suo aspetto esile, minuto o, comunque, assai poco scattante. Romantico, nostalgico, assetato di Assoluto, rincorre spesso l’Ideale, l’Illusione, rischiando di perdere il contatto con il Reale. Poco portato agli sforzi fisici e negato (si ripete), per tutte le attività pratiche, egli va sempre, più o meno coscientemente, alla ricerca di chi gli tolga le castagne dal fuoco; di solito lo trova perché, con la sua aria di cucciolo smarrito, ispira tanta, tanta tenerezza e voglia di proteggerlo. Il Pesci nettuniano, oltre ad un forte Nettuno ha, nel suo Tema, pianeti in Segni di Acqua o di Aria ed i pianeti combattivi indeboliti.

Segno doppio anche, dicevamo; esiste così un Pesci di indole gioiosa e vivace, che nell’immersione nelle cose belle della vita cerca uno sbocco alle sue intime contraddizioni; questo Pesci è di solito stimolato da Giove, tende all’edonismo e cerca di sfuggire a qualsiasi problema che possa turbare la sua olimpica serenità. Ma c’è anche il Pesci masochista ed introverso (qui domina Nettuno, sorretto da Saturno), che ripiega dolorosamente su sé stesso e tende alla sublimazione nella religiosità, nell’arte, nello studio, nella dedizione totale (fino all’annullamento personale, spesso), ad una persona o ad una causa. Questo secondo tipo di Pesci ha, spesso, un sotterraneo rifiuto alla vita e si compiace in modo morboso del Sacrificio, della Sofferenza.

C’è poi il Pesci equilibrato, sensibilissimo alle vicende del prossimo, pronto a correre ed a soccorrere alla minima richiesta di aiuto, ad impietosirsi per le altrui sofferenze, e quindi pronto ad affrontare qualsiasi sacrificio, pur di alleviarle. Il “mi fa pena” è una espressione tipica di molti appartenenti al Segno.. Su questo versante sono più presenti i Pesci Nettuniani.

Infine, una ulteriore categoria di Pesci. E’ quello inferiore, che non esce dallo stato vegetativo del pensiero perché gli manca, dentro, un nucleo abbastanza compatto attorno al quale la sua personalità possa strutturarsi: egli rimane così ancorato alla mentalità “magica”, insegue miraggi ed illusioni, progetti irrealizzabili; irresoluto e nevrotico, quando lo scontro con una realtà del tutto diversa diventa insopportabile, può diventare facile preda di tutti i tipi di droga, a partire dall’alcool. I tipi Pesci sono tra i più vulnerabili alla fuga nei “paradisi artificiali”. A questa ultima categoria appartiene anche chi, invece di fuggire nelle droghe, diventa un parassita, disprezza le regoli sociali e morali dell’ambiente in cui vive, sfrutta il prossimo o si dedica a vere e proprie attività truffaldine.

Vi è poi l’altra faccia della medaglia, il Pesce superiore, nel quale i Valori morali e spirituali prevalgono in senso assoluto ed il fondo religioso o artistico (o ambedue in contemporanea), traspare chiarissimamente. Anche qui Nettuno può prevale; può mancare il senso pratico, per una visione troppo alta della vita: ma il Soggetto vive una esistenza superiore, elevatissima, tutta imperniata su un fondo di tensione intellettuale o morale. A questa categoria appartengono i Grandi Mistici, gli Scienziati e gli Artisti Sommi (Einstein e Michelangelo, tanto per fare due esempi così!).

E’ comunque raro trovare un Pesci tutto allegria o tutta sofferenza, tutto egoismo o tutta dedizione, tutto vizio o tutta virtù. Di solito. le varie personalità convivono e si sovrappongono, si alternano, creando il carattere oscillante ed un po’ imprevedibile di tutti gli appartenenti ai Segni doppi. Spesso molto sensibile e ricettivo, (specie se nettuniano), il Pesci normale sa immedesimarsi subito negli stati d’animo e nei problemi altrui.

Compassionevole e generoso, il più delle volte, si è detto, egli è pronto a sacrificare i suoi personali interessi per aiutare chi ne ha bisogno. Ma sbaglia chi conta troppo sull’appoggio di un Pesci. Plastico ed influenzabile (a meno di forti valori di Terra nel suo Tema), il pescino è infatti in balìa di troppe suggestioni ed emozioni; può quindi capitare che pianti in asso la vecchietta aiutata fino al giorno prima, per rivolgere tutte le sue attenzioni al bambino abbandonato.

L’altruismo pescino non sempre è dettato da autentico slancio umano; spesso il tipo Pesci si sente infatti schiacciato da un oscuro senso di colpa del quale non conosce l’origine ma che lo spinge ad un atteggiamento oblativo (o penitenziale), che riscatti peccati mai commessi. Altre volte, (specie se nel Tema prevalgono valori di fuoco, soprattutto Leone), c’è un notevole esibizionismo ed il piacere di essere, comunque, al centro dell’ammirazione altrui. Questo non esclude affatto, ovvio, che un buon numero di pescini siano profondamente, autenticamente pronti a sacrificarsi per il prossimo con vera generosità.

Per la sua indecisione e per la sua pigrizia, per la paura che spesso prova verso gli impegni della vita pratica il Pesci, si è già accennato, ama circondarsi di persone che lo aiutino ad affrontare le incognite e le durezze del quotidiano. Per tal motivo, pur accettando e spesso amando momenti di solitudine, egli gradisce molto la compagnia. Gentile, delicato, morbido, sa essere ammaliatore come pochi e moltissimi annegano nei suoi profondissimi, languidi occhi. Di solito è ottimo amico, compagno di baldorie e solida spalla su cui piangere.

Se si chiede aiuto, anche materiale, è difficilissimo che un Pesci si tiri indietro. Nei limiti in cui gli è possibile, si renderà utile, moralmente o materialmente. A patto però, (si ripete), che l’impegno non si prolunghi troppo nel tempo. Se non ha forti valori di Terra nel suo Tema, quasi mai un Pesci ha infatti un punto di approdo definitivo; nel migliore dei casi, egli può scomparire per mesi, per poi rifarsi vivo senza dare spiegazioni. Il discorso diventa ancor più complicato quando all’amicizia si sostituisce l’amore, come più avanti vedremo.

E passiamo al lavoro. A meno di vocazioni precoci, la scelta professionale di un Pesci è spesso travagliata. Se non ha forti valori di Terra nel suo Tema, è portato a cambiare spesso opinione, ad avere interessi diversi, a seconda dell’emozione del momento. Non sempre sa dividere le velleità dalle possibilità reali e, inoltre, è per lui sempre un dramma il prendere una decisione definitiva, che precluda poi la via a tutte le altre. Spesso cambia più volte linea di studi o lavoro e, professionalmente, non è raro che si consolidi abbastanza tardi nella vita lavorativa.

Se fatica spesso per decidere quello che vuole, un Pesci sa invece benissimo quello che non vuole. Egli sopporta con molto stress una attività che richiede orari rigidi, operazioni ripetitive, precisione massima. In lotta perenne con l’orologio ed eterno ritardatario (anche qui in antitesi con la precisissima Vergine), poco allenato a concentrare la sua attenzione sui particolari, il pescino si realizza al meglio con lavori che richiedono inventiva, fantasia e contatti umani molteplici.

Lavori anche impegnativi e con richieste oblative non indifferenti. Sacrificarsi per gli altri, si è detto, non lo spaventa. In primis, quindi, le attività mediche o paramediche: Ottimo anche il campo dell’insegnamento, specie se nel Tema c’è un forte Giove. La socievolezza e la gradevolezza dei modi, la sua plasticità caratteriale, rendono spesso il Pesci molto adatto anche ad ogni lavoro in cui è previsto contatto con il pubblico.

Adattissime, si ripete anche tutte quelle attività che richiedono intuito…Non soltanto il mondo dell’Occulto, ma se il Tema è sorretto da pianeti in Segni di Terra e di aria, anche il campo delle investigazioni, sia come poliziotto che come detective privato. Poiché il dodicesimo Segno è anatomicamente legato ai piedi, molti Pesci si trovano tra chi questa parte del corpo la usa per lavorare. Dai ballerini, ai calciatori, al pedicure, al calzolaio e via di seguito. Provare per credere!

E’ ovvio elencare anche tutte le attività artistiche o che nel mondo dell’arte circolano. Dal pubblicitario, al fotografo, al costumista, allo scenografo, all’Artista vero e proprio, in qualsiasi campo; dalla musica, alla pittura, alla scultura e via dicendo.. Resa ottima anche sul piano dell’artigianato, se altre parti del Tema indicano manualità. Segno della Religiosità e della Carità, si è detto e ridetto; ed ecco molti Pesci che si dedicano alla vita mistica o alle opere caritatevoli legate ad Associazioni, Comunità, ecc. Per agire al meglio, anche in campo lavorativo il Pesci ha bisogno di avere vicino persone più concrete che lo sollevino da tutte le noie del quotidiano, se difettano nel suo Tema pianeti in Segni di Terra.

In amore, uomini e donne hanno spesso comportamenti assai diversi; il Pesci uomo è seduttore nato, affascinante, affascinato dalle situazioni incerte, indefinite. Spesso si infila in rapporti assai complicati, proprio per il gusto dell’intrigo. Non l’intrigo morboso dello Scorpione ma quello giocoso degli adolescenti che non sanno ancora bene cosa scegliere. Anche in questo settore, come in quello lavorativo, l’uomo Pesci è spesso spaventato dalla scelta, perché questa gli potrebbe precludere molte altre esperienze.

Vita sentimentale, insomma, al limite tra sogno e realtà, con rapporti multipli dai quali si libera quasi sempre con la fuga. Ovviamente, a meno di un fortissimo Saturno nel Tema, fedeltà effimera. Tuttavia, per il periodo in cui sono innamorati, i pescini sanno essere amanti insuperabili, delicati, generosi, sensibili e romanticissimi. Quando si allontanano lasciano una scia di singhiozzi, di cuori frantumati.

Molto sensuale, a meno che non gli abbiano insegnato a vivere il sesso come colpa (allora sono terribili le necessità di espiazione!), il Pesci ha bisogno anche di una forte intesa fisica, oltre che spirituale, per dare il meglio di sé. Capaci, insomma, gli appartenenti al Segno, di far sentire una donna in Paradiso! Per farla poi precipitare nell’inferno quando si dissolvono letteralmente nel nulla. Anche il Pesci più leale di solito nasconde qualche scheletrino nell’armadio, vissuto con noncurante leggerezza o con forti complessi di colpa a seconda dell’insieme del suo Tema.

Nonostante questo un uomo Pesci, se trova una moglie comprensiva ed un po’ sbadata, sa essere un buon marito, generoso e conciliante (tanto più secondo quanto ha da nascondere!). Se il legame coniugale non lo soddisfa, a seconda del suo Tema Natale egli può allontanarsi, magari all’improvviso e senza spiegazioni, come è suo solito, oppure si rassegna ad una masochistica convivenza, spesso mettendo su, nell’ombra, una relazione o varie relazioni parallele. L’uomo Pesci di solito non è maschilista, anzi si adatta benissimo ad essere aiutato e sorretto da una donna! Se le lascia gran parte del peso della casa e spesso della famiglia non è per senso di superiorità ma per pigrizia e per fuga dalle responsabilità.

La donna Pesci è spesso più passiva, nel rapporto; tende a drammatizzare l’amore, nel quale esprime l’Assoluto Dono di Sé, fino al sacrificio della vita, se necessario. (Claretta Petacci, amate fedelissima di Mussolini e che sceglie di morire per lui, con lui). Ipersensibile e troppo romantica, essa si perde spesso nel sogno, nelle illusioni, non di rado con forti colorature masochiste. Una donna Pesci è capace di inseguire per anni uomini che la sfuggono o la disprezzano. Di vivere di amori illusori, di infilarsi in situazioni senza speranza, anche.

Per quello che lei chiama amore, una pescina può arrivare a tutti gli abissi della degradazione morale e materiale. Per fortuna, questi ultimi sono casi rari e la donna Pesci è, di solito, una ottima compagna, magari incapace di tenere in ordine la casa e di stirare le camice, ma amante tenerissima e fantasiosa. Questo non esclude alcune donne Pesci degne compagne dei loro omonimi maschietti; donne infedeli cioè, con doppia o tripla vita. La loro femminilità ed arrendevolezza le rende infatti “prede” molto ambite. Le donne di pochi Segni sono corteggiate ed adorate come le pescine!.

Maschi o femmine comunque, di solito furbissimi per intuito più che per ragionamento, al momento di scegliere per la vita, così come nell’amicizia o nei rapporti di lavoro, un Pesci opta quasi sempre per un partner che supplisca alle sue carenze, che mandi avanti la baracca sul piano pratico, mentre lui (o lei) dispensa tenerezze e coccole.

Entrambi amano i bambini, sono pronti a sacrificarsi per loro e li seguono con impegno, dedizione, grande affetto. La loro fantasia li rende adorabili ai occhi dei bimbi con i quali sanno spesso condividere giuochi e fughe nel mondo dei sogni: spesso, più difficoltà a seguire i figli adolescenti perché manca il polso, manca la determinazione per arginare le inquietudini giovanili. Di conseguenza, rischi di troppo lassismo, di lasciare i ragazzi in balìa di sé stessi.

Difficile delineare la casa di un Pesci. Proprio per la plasticità del suo carattere, molto dipende dall’ambiente in cui vive e dall’educazione che ha avuto. Di certo, non vivrà in un appartamento sobrio e lineare, di quelli adorati dalle Vergini, ma riempirà tutti gli spazi possibili di ninnoli e cianfrusaglie in ordine sparso. Idem vale per il vestirsi. In ambedue i casi, non mancherà certo la fantasia. Non sempre, invece, un Pesci è campione di buon gusto.

Anche se idealista e sognatore, al Pesci piacciono molto i soldi, non per accumularli e reinvestirli, ma per spenderli allegramente. Di solito ignora quella che si chiama sana amministrazione; il denaro gli scivola dalle mani e, in un raptus, egli può arrivare a comprarsi cose inutili ma che gli piacciono moltissimo, con i soldi destinati a pagare la luce o l’affitto. Con la stessa disinvoltura può dare tutto quanto possiede a una persona che gli chiede aiuto, non ponendosi il problema di ciò che serve a sé stesso ed alla propria famiglia.

Naturalmente, mai riuscirà a chiedere la restituzione di soldi prestati o rivendicare la giusta retribuzione del proprio lavoro. Quasi sempre si annoia a seguire l’iter di una lite, di un contenzioso, perdendo con noncuranza ciò che gli spetterebbe di diritto. Se si lascia prendere dal gioco può rovinarsi. Per tutti questi motivi il tipo Pesci si appoggia spesso ad una persona, innamorato, o parente, o amico, in grado di tenere stetti i cordoni della borsa. Questo non preclude Pesci saggi amministratori, se vi sono forti valori di Terra nel Tema; ma anche il Pesce più saggio, ogni tanto si fa scappare la mano.

Temperamento linfatico, sul piano salute il Pesci ha tono vitale basso; ma se non abusa del proprio fisico, soprattutto con alcool, fumo o peggio ancora droghe, egli può vivere bene ed anche a lungo. Il suo punto più delicato, i piedi; ma è a rischio anche l’apparato respiratorio. Molto goloso, come già detto tende ad ingrassare (specie se gioviale), e ad accumulare liquidi nei tessuti. Come il suo dirimpettaio Vergine, somatizza facilmente; per lui la malattia può diventare via di fuga, rifugio dalle difficoltà, nel momento in cui esse gli diventano insostenibili.

Aquario – Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali

Gennaio 29, 2019 on 11:03 am | In Amici, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Donne, Emozioni, Evoluzione, Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali di Gabriella Leopizzi, Oroscopo, Pratica Astrologica, Segni zodiacali
| No Comments

di Gabriella Leopizzi

Prima di iniziare l’esame del penultimo Segno zodiacale, un chiarimento sul nome che, di solito, ingenera confusione; molto spesso infatti, si dice e si scrive aquario, e si pensa ad un Segno d’acqua mentre invece, come vedremo subito, il suo elemento è l’Aria; forse per tal motivo o forse soltanto per semplice tradizione, il nome esatto del Segno zodiacale è Aquario, dalla sua radice latina (Aquarius). Stabilito questo, andiamo oltre.
Undicesimo e penultimo Segno dello Zodiaco, si diceva; di Aria, Fisso, Aquario va dal 21 gennaio al 19 febbraio, con due giorni di fluttuazione all’inizio ed alla fine, a seconda degli anni. Quelli di Aria (Gemelli, Bilancia, Aquario), sono Segni di Astrazione, di Pensiero, di Idee e, per questo motivo, distaccati da passioni, emozioni, vibrazioni del sentimento; idealisti e sognatori quindi, portati ad immaginare più che a realizzare, abbastanza in difficoltà a gestire sia il lato emotivo che quello pratico della vita.
Questo non significa certo che tutti gli appartenenti ai tre Segni siano insensibili e con la testa tra le nuvole, perché in ogni Tema natale, oltre al Segno in cui si trova il Sole, sono tanti i fattori che compongono la personalità nella sua interezza; è comunque indubbio che chi ha il proprio Quadro astrale fortemente influenzato da Segni di Aria non si lascia coinvolgere emotivamente con facilità, né gli riesce agevole affrontare la parte materiale dell’esistenza.
Sempre a proposito di Segni di Aria, mentre Gemelli è l’aria frizzante della primavera e Bilancia quella languida dell’autunno, l’Aria acquariana è quella rarefatta dell’alta montagna, calda con il sole ma con possibilità di diventare gelida appena il sole scompare.. Si vedrà poi il perché di questo simbolismo.
I Segni Fissi (Toro, Leone, Aquario) simboleggiano, in positivo, affidabilità, fermezza di idee, capacità a mantenere gli impegni presi ed a condurre a termine le attività iniziate; concentrazione anche, e tendenza a guardare lontano, ad impegnarsi per costruire qualcosa di solido per il futuro. Al negativo, il Segno Fisso porta ostinazione, rigidità di idee, incapacità di adeguarsi al nuovo ed al diverso, con conseguente conservatorismo ad oltranza.
Il Cerchio dello Zodiaco, nella versione Placido (attualmente la più usata), è diviso in dodici Segni. Sei nella parte inferiore e sei in quella superiore. La demarcazione tra il primo ed il secondo gruppo è delimitata dalla Linea Ascendente che divide a metà esatta il cerchio, partendo da 0° Ariete sino a 0° Bilancia, in senso antiorario.
Linea che non è un semplice tratto di penna, ma una frontiera ben precisa tra due mondi; all’inizio del Segno Ariete avviene infatti il Solstizio di primavera… Il 21 marzo, ore del giorno e della notte si equiparano ed inizia la fase ascendente del Sole; ogni giorno un pizzico di luce e di calore in più, sino al Solstizio di Estate che vede il giorno più lungo e la notte più corta dell’anno. In Natura è l’apoteosi del mondo fisico; odori, sapori e colori sono nella loro massima espressione.

Le piante si caricano di fiori e frutti e gli animali si accoppiano, partoriscono; gli uomini si liberano dei vestiti, per quanto la cultura del tempo e dei luoghi consente loro, e tendono a passare la maggior parte delle ore all’aperto. Sotto il Segno Vergine si hanno le prime avvisaglie dell’autunno; il caldo e la luce diminuiscono ogni giorno un pò, sbiadiscono pian piano i colori, si annacquano odori e sapori.
Ogni giorno è un filino più corto del precedente. Il 21 settembre siamo all’Equinozio di Autunno; la temperatura si abbassa, lentamente ma inesorabilmente; le piante rinsecchiscono, molti animali vanno in letargo ed anche l’uomo si “rattrappisce” fisicamente: è infatti costretto a coprirsi sempre di più ed a passare sempre più ore al chiuso.
C’è più tempo per pensare, per meditare, per progettare, perché non si è più coinvolti nelle mille incombenze della stagione fertile; si sono infatti ormai costruiti i ricoveri per riparasi dalle intemperie (sotto i Segni Toro e Cancro), e si sono ammucchiate le provviste per sopravvivere durante i mesi di gelo (sotto il Segno Vergine). Si sono anche intrecciati con il prossimo legami di convenienza (Gemelli), o affetto (Cancro-Leone); si sono stabilite Leggi e Regole per una civile convivenza (Bilancia); per tutti questi motivi la vita è comunque meno oberata e più protetta e si può guardare oltre la pura sopravvivenza (Segno Sagittario).
Si è già visto che i Segni di Aria simboleggiano non solo il mondo delle Idee, delle Progettazioni, dei Castelli in aria a volte; ma la loro principale caratteristica è la necessità di rapporti con il prossimo. Come l’Elemento che li rappresenta, i tre Segni di Aria tendono infatti ad espandersi, ad occupare tutto il territorio all’intorno. Gli appartenenti a tale Elemento, esistono in quanto possono relazionare con gli altri. La solitudine e la vita monotona possono schiantare alla base la loro personalità.
A meno di fortissime controindicazioni di ciascun Tema personale insomma, un appartenente ad un Segno di Aria si spegne se non ha il continuo raffronto, lo scambio con gli i propri simili. Così come il Leone (suo Segno opposto), è IO SONO, e gli Altri tutti ai suoi piedi, altrettanto l’Io acquariano rischia di volatilizzarsi se non vi sono gli Altri a fargli da sponda. Un Aquario (così come i suoi ”confratelli” Gemelli e Bilancia), ha bisogno dell’Altro, per rispecchiarsi, prima ancora che per raffrontarsi; con il rischio forte di esserne dipendente, di adeguarsi alle idee del gruppo per non essere emarginato.
Al Segno Aquario, molto più complesso, ricco di risvolti di quanto in generale non si dica, sono legati diversi Miti, tutti egualmente significativi. C’è quello di Decaulione, Re di Tessaglia, e di sua moglie Pirra, che ricalca, pari pari, la storia di Noè. Infatti Giove, irritato dall’empietà del genere umano, decide di distruggerlo con un diluvio. Ma Prometeo, padre di Decaulione, avverte il figlio di tale decisione e gli consiglia di costruirsi una barca per salvare sé e la sua sposa.
Finita l’apocalisse, la barca si posa sul Monte Parnaso; dopo i riti di ringraziamento a Giove, si chiede all’Oracolo come ripopolare la terra. Viene suggerito ai due di camminare gettandosi pietre dietro le spalle; dalle pietre gettate da Decaulione nascono nuovi uomini, da quelle di Pirra nuove donne. Umanità nuova e redenta perché nata da un Sacrificio e da una richiesta di Perdono. Aquario simboleggia quindi, in primis, l’Uomo Nuovo, che azzera il Passato ed i suoi errori e si proietta verso un Futuro completamente nuovo, diverso.
Si diceva, nell’Introduzione, che siamo da poco entrati nell’Era dell’Aquario. Molte profezie parlano di una immane catastrofe che scoppierà in tale periodo (ma si tratta di 2000 anni!), e distruggerà gran parte del genere umano (l’energia atomica?); i pochi sopravvissuti, dopo millenni di scannamenti e sopraffazioni, daranno il via ad una nuova Era di pace e fratellanza.
Che sono poi, Pace e Fratellanza, il messaggio che parte dal Segno Aquario; dal Mito di Decaulione e Pirra. E’ infatti significativo che i due, dopo aver passato le terribili prove del diluvio, pensino a ripopolare la terra, a ridiventare NOI, Gruppo, che cerca di riprendere una strada nuova e diversa da quella fallimentare precedente. Ma dai risultati ottenuti negli ultimo millenni, non pare ci siamo ancora riusciti.
Il secondo Mito è quello di Efesto (Vulcano per i Romani) il quale, brutto e deforme, viene rifiutato e gettato sulla terra dalla madre Era. Salvato dalle Ninfe e portato a Lemmo, Efesto si fa ammirare, per la sua geniale inventiva e la sua magistrale manualità. Nonostante la sua bruttezza riesce a conquistare Venere che però poi lo tradisce con il bellissimo Marte. Per scoprirli in fragrante, Efesto costruisce un marchingegno che intrappola i due sul loro letto, d’amore. Gli Dei intercedono per la liberazione dei due fredifraghi e allo stesso tempo, affascinati dalle capacità inventive di Efesto, benché egli sia orrendo e sciancato lo accolgono tra i bellissimi dell’Olimpo.
Efesto simboleggia l’inventiva e l’abilità acquariane nel destreggiarsi con i mezzi meccanici e ancor più (lo si è potuto scoprire da poco per ovvii motivi), con l’informatica e le discipline spaziali: ma altra simbologia di Efesto accolto nell’Olimpo, è l’ingegnarsi di Aquario a guardare ancora “oltre” il Sagittario, il quale ha fatto ormai conoscere la Terra anche nei suoi angoli più reconditi ed inospitali. Infatti proprio a cavallo tra la fine dell’Era dei Pesci e l’inizio di quella dell’Aquario,(la Processione degli Equinozi è in senso antiorario), si è dato il via agli studi ed alla messa in pratica della esplorazione dello spazio.
Terzo Mito legato al Segno è quello di Saturno; ma non il Saturno Signore del Capricorno, rigido e crudele che evira il padre Urano e divora i propri figli. Qui c’è una figura nuova del Dio con la falce, detronizzato dal figlio Giove e mandato in esilio in una landa sperduta. Reso saggio ed umano dalla sofferenza e dalla solitudine, il Saturno di Aquario insegna agli abitanti dell’isola l’agricoltura e, con il lavoro pianificato, intelligente, li rende ricchi, felici. Questo nuovo Saturno sa inoltre regnare con tanta saggezza ed accortezza che il suo periodo di regno verrà chiamato l’ “Età dell’Oro”. Anche in questo Mito sono sottolineati la Saggezza. l’Altruismo e la Rinascita dopo una Espiazione.
L’ideogramma del Segno sono due righe ondulate parallele ( ); questo, unito al nome del Segno induce, come detto all’inizio, alla confusione che le linee ondulate siano delle onde ed aquario, di conseguenza, un Segno di Acqua: in realtà tali onde stanno ad indicare l’energia dell’Aria. Le onde che propagano il suono e la luce e che, nei tempi moderni, sono state utilizzate per le comunicazione. Due onde sta a simboleggiare la duplicità del creato: la linea superiore simboleggia lo Spirito, (il Creatore), e quella inferiore l’Intelletto (la Creatura). Lo Spirito, troppo rarefatto, per realizzarsi ed esprimersi deve interagire con la Materia.

E’ interessante notare come tutti e tre i Segni di Aria abbiano due righe parallele; tutti e tre tendono, infatti, a vivere nell’astratto, a perdersi nelle Idee. La linea inferiore sta sempre a ricordare, sottolineiamolo ancora, che c’è bisogno di una piattaforma, di qualcosa che tenga ancorato alla Terra, se queste Idee si vogliono realizzare. In una icona più complessa il Segno aquario viene simboleggiato da una fanciulla o da un giovinetto che versa acqua da un’anfora: ricordo di un altro Mito legato al Segno; quello di Ganimede ed Ebe, coppieri degli dei; il liquido versato dall’anfora simboleggia la Saggezza e l’Intelligenza, donate a chi ha sete di sapere.
Sul piano dell’evoluzione umana aquario simboleggia in primis la possibilità dell’Uomo, liberato da tutti i bisogni primari, di fare delle scelte autonome in base a sue precise esigenze. L’umanità scopre il valore dell’Amicizia, della collaborazione per interessi comuni che non sono né di lucro né di altra utilità materiale, ma di affinità elettive.
Pianeta dominante del Segno è stato fino al 1781 il Saturno rigenerato di cui si diceva prima; in quell’anno di fine secolo, con l’aiuto dei nuovi potenti telescopi, è stato scoperto Urano, il primo dei tre pianeti trans saturnini. Qualche anno dopo tale scoperta (nel 1793), scoppia la Rivoluzione Francese che polverizza tutto un ordine di cose andate avanti per millenni (la Monarchia, le Caste sociali), e dà il via ad un assetto completamente nuovo nella Società occidentale. Successivi studi di moltissimi astrologhi, portano alla conclusione che proprio Urano è, nella sua essenza e nelle sue manifestazioni, pianeta strettamente legato ad aquario, tanto da diventarne il principale sovrintendente, mettendo Saturno in sottordine.
Proprio l’accoppiata Saturno – Urano in questo Segno complicato, simboleggia un’altra figura mitologica ad esso abbinata; quella di Giano bifronte; una faccia rivolta al passato (Saturno), ed una al Futuro (Urano). Sicchè non è affatto vero che tutti gli acquariani siano progressisti e proiettati nel domani; vi sono anche quelli (con un forte Saturno e peso di Segni di Terra-Acqua nel Tema), che stentano a guardare avanti come il loro Segno vorrebbe. E ve ne sono altri ancora che si lacerano tra il rimpianto del passato ed il pressante richiamo ad andare “oltre”. Ma procediamo per gradi nella descrizione delle caratteristiche psicologiche di aquario.
Aquario è opposto al Leone si è detto; e per la legge che vede in ciascun Segno Astrologico il contrario esatto di quello che gli sta di fronte, nasce la contrapposizione dell’esaltazione massima dell’IO (Leone), con la fusione nel Noi; aquario, appunto. Il Culto della Personalità contrapposto alla forza della collaborazione, dell’aiuto reciproco, del considerarsi tutti alla pari, con eguali diritti, doveri e dignità. Libertè, Egalitè e Fraternitè è stato il motto dell’acquariana Rivoluzione Francese dopo aver abbattuto il Re Leone e la sua corte di privilegiati.
Una delle doti principali del tipo aquario è quindi il sentirsi esattamente alla pari con gli altri. Lo snobismo gli è sconosciuto, come gli è sconosciuto il timore riverenziale per i ricchi e potenti… Egli può dare indifferentemente la sua amicizia al re o al barbone; la linea di demarcazione è considerare i propri simili degni della sua attenzione per qualità morali, lati del carattere, interessi comuni. Un aquario non può legarsi a ricchi e potenti per servilismo (ce ne saranno, ma sono eccezioni), perché in tal caso i benefici del “tutore” richiedono obbedienza, sottomissione. E l’anelito primo di ogni acquariano è la Libertà!

Libero in senso fisico ma anche mentale vuol essere, un aquario; per tal motivo se ne infischia di tradizioni, usi e costumi del suo ambiente: egli, se uraniano, non ha interesse per il passato ma guarda sempre al futuro e non è raro il caso di un appartenente al Segno che, all’improvviso, taglia i ponti con tutto quello che è il suo mondo per andarsene alla ventura, nemmeno lui sa verso dove. Parte, spesso, armato soltanto della sua curiosità e del suo ottimismo. Oppure può cambiare improvvisamente lavoro, magari per un altro che gli dà meno guadagni ma lo gratifica di più.
O, ancora, tagliare di colpo un legame, una amicizia, un matrimonio, se sente messa in pericolo la sua libertà o se gli interessi comuni sono esauriti, almeno per lui. In quest’ultimo caso, non avendo (quasi sempre), molte remore morali sui sentimenti del prossimo, un acquariano può agire con crudele indifferenza verso quanto l’altro può sentire, provare, soffrire: le spiegazioni lo infastidiscono, le rivendicazioni e le lacrime lo irritano per cui non è raro veder sparire nel nulla un aquario, fino a poco prima legatissimo o innamoratissimo. Va da sé che gli atteggiamenti cambiano a seconda della struttura del Tema personale, ma non è raro, nel tipo aquario, l’atteggiamento su descritto.
Un aquario è e sarà sempre poco assimilabile dal contesto in cui vive, del quale accetta a malapena le regole essenziali di civile convivenza; se poi i pianeti del suo Tema Natale sono eccessivamente stimolati, egli può diventare un eccentrico incapace di inserirsi in una vita con una parvenza di normalità. Non è raro trovare Acquari ribelli rivoluzionari, o provocatori che si divertono a sconcertare i benpensanti con il loro modo di agire e di vestire. Al contrario della conformista Bilancia che si appiattisce ed assume mille volti per adeguarsi, essere accettata e piacere a tutti, un aquario, ancor più di un Gemelli, può essere il Giullare di Corte che si fa beffe di quanto gli altri dicono, pensano, vorrebbero da lui.
Una piccola curiosità astronomica; quando gli astronomi sono riusciti a calcolare con precisione l’orbita di Urano attorno al Sole, si sono accorti che essa non è ellittica come quella di tutti gli altri pianeti; il suo percorso è invece un giro strano, “eccentrico”, quasi al di fuori di tutte le leggi fisiche. Ancora un’altra curiosità; parecchi Acquari, o personalità fortemente influenzate da Urano, sono mancine!
Si è già detto che se non ha nel suo Tema personale peso forte dell’Elemento Terra, aquario è un grande idealista che tende a guardare il prossimo nella sua luce migliore, considerando tutti buoni e degni di fiducia; di conseguenza, frequenti le delusioni, a volte cocentissime. Anche se tradito, a patto che non abbia peso di Scorpione o di altri Segni rancorosi nel proprio Tema, un aquario è però incapace di serbar rancore e meno che mai di vendicarsi.
Spesso, neanche le ricorrenti delusioni servono a renderlo più cauto e solo con l’età matura (ma non sempre!), un acquariano impara ad essere più accorto. La visione del prossimo cambia se un aquario è saturnino; si avrà allora, molto spesso, una tendenza a mostrare il volto amichevole tipico del Segno, che nasconde però la sfiducia ed il sospetto propri del pianeta; ovvio che questa seconda categoria sarà molto meno esposta a delusioni; anzi, tenderà a darne, quando si toglierà la maschera. In un saturnino sarà insomma molto meno accentuato il senso dell’amicizia; ma quando un amico verrà scelto, per un aquario – Saturno sarà per sempre. Lo stesso, e lo vedremo tra un po’, non si può dire degli aquario – Urano.

Proprio perché perso nel suo mondo di Idee, sogni ed utopie, come si è già accennato all’inizio, proprio perché la realtà gli sembra troppo piccola e meschina a confronto del suo vastissimo orizzonte mentale, se non è saturnino o, soprattutto, se non è “agganciato” da pianeti in Segni di Terra nel suo Tema un aquario si perde, nell’itinerario della vita quotidiana. Bisogno estremo di un punto di riferimento che, il più delle volte, si ripete, è il suo prossimo. I mitici Amici che egli “ama” più di ogni cosa al mondo. A meno di forti controindicazioni nel suo Tema, un aquario antepone gli amici alla famiglia e, spesso, anche ai rapporti sentimentali.
La dannazione di chi frequenta un aquario uraniano è così quella di doverla sempre dividere con il Gruppo; egli tende a fare tutto non in tandem, ma in tre, quattro, cinque… Trascinandosi insomma sempre dietro gli altri, o andando a rimorchio degli altri, a seconda se sia un capo o un gregario. Le Comuni, i Figli dei Fiori sono il suo Mito. Tra i molti egli si amalgama, si mimetizza, nascondendo molto bene quello che, si è detto, è forse, il suo handicap più grande, sia egli saturnino o acquariano; la freddezza emotiva. La difficoltà a coinvolgersi emotivamente può evidenziare in un aquario uno dei suoi difetti più antipatici; l’opportunismo.
L’amore acquariano, sia di amicizia che di coppia. è infatti particolare; a meno di pianeti in Segni di Fuoco e di Acqua nel suo Tema, un Acquariano, uraniano o saturnino che sia, tende ad essere amico di tutti, a sentire e predicare l’amore universale, ma poi trova difficoltà a volte insormontabili nel contatto diretto…Tende all’intercambiabilità; amicissimo di tutti insomma ma poi, alla fine, di nessuno in particolare. Il faccia a faccia spesso lo imbarazza; gli risulta spesso difficilissimo coinvolgersi veramente nei sentimenti, nelle emozioni e nelle problematiche altrui.
Per tal motivo, se volete divertirvi, passare serate scoppiettanti, o vacanze indimenticabili, fidatevi completamente di un Aquario. Non cercatelo se avete bisogno di consigli, se avete un dolore che vi attanaglia, se siete in una situazione complicata. Salvo eccezioni, l’intuito e la capacità di percepire il dolore altrui non gli sono congeniali. Portato poi a sognare (e quindi a sfuggire alla realtà), a costruire castelli in aria, non saprà certo consigliare soluzioni pratiche a difficoltà materiali.
Ma mentre l’amico caro si dibatte nella solitudine o nella miseria senza che egli se ne accorga, la sua “universalità” spinge magari un aquario ad impegnarsi per raccogliere fondi per i bambini brasiliani o le vedove del Bangladesh. Ma se un aquario ha la fortuna di aver raggruppati nel Suo Tema personale l’apertura al prossimo del suo Segno, il calore di pianeti in Segni di Fuoco e la sensibilità di Segni di Acqua, avrete trovato un TESORO!
In caso contrario rassegnatevi e … non fidatevi troppo. Vi è infatti una particolare categoria di Acquari (più uraniani che saturnini), che proprio perché incapace di coinvolgersi sul piano emotivo, non riesce a vedere l’utilità dei rapporti con il prossimo se non come supporto dei suoi personali bisogni. Se non si ha bisogno di compagni, perché cercare qualcuno? Non illudetevi se certi Acquari vi cercano all’improvviso; non è per sapere come state o se avete bisogno di qualcosa.
Sarebbe più realista sorvolare tutti i convenevoli e chiedergli direttamente. “Cosa ti serve?” – Infatti, dopo i convenevoli ( a volte senza nemmeno quelli), arriva puntuale la richiesta. E non c’è in loro imbarazzo se non si facevano vivi da un anno, se sono spariti all’improvviso senza spiegazioni o sono partiti tre anni prima senza neanche avvertirvi. Se avete una nuova amicizia aquario, che ancora non conoscete bene, siate preparati ad avere anche sorprese di questo genere. E buon per voi (e per lui!), se sorprese non ve ne saranno!
La freddezza e la capacità di distacco da passioni ed emozioni di certi tipi acquariani, se da un lato possono ferire il prossimo, dal lato opposto sono preziosissimi supporti a professioni a volte difficili, dove occorre freddezza e sangue freddo. Un aquario con forte componente Scorpione /o viceversa) è, per esempio, l’optimum per un dentista, un chirurgo. Un aquario uraniano o saturnino va benissimo anche per un addetto alle Unità di Crisi che accorrono in caso di disgrazie, di eventi disastrosi, dove è indispensabile non lasciarsi travolgere dall’emotività, neanche davanti alle scene le più strazianti.
Ottima, per gli appartenenti al Segno, anche la militanza nei Servizi Sociali, dove si devono gestire altre difficilissime emergenze, stavolta individuali, senza lasciarsi trascinare dall’emozione o prendere dall’affetto. Specie in quest’ultima attività capita spesso che Acquari dedicatisi con tutta l’anima ad una persona da aiutare, finita l’emergenza ed il loro raggio di competenze, guardino la stessa come una perfetta estranea, disinteressandosi totalmente degli ulteriori sviluppi della situazione, per correre dietro ad uno nuovo “caso pietoso”. Anche nel campo infermieristico, medico o paramedico è facile trovare Acquari. Ovviamente, tra i medici, molti quelli che scelgono medicine alternative.
Altro vastissimo campo di azione acquariano (Efesto insegna), è quello della manualità, dell’inventiva, della creatività.. Versatili al massimo, gli Acquari possono dare il meglio in una infinità di settori, che qui è inutile elencare. Il campo dell’informatica fa il pieno, così come quello degli studi spaziali. Molta attrattiva anche per l’aeronautica e, spesso, la matematica (specie se saturnini). E lo stesso si può dire di tutte quelle attività che richiedono contatto con il pubblico o si occupino di far divertire la gente. Dall’addetto alle pubbliche relazioni alla guida turistica, al gestore di locali, al portiere di albergo e via di seguito; dall’organizzatore di tour, o di safari, all’intrattenitore nelle crociere, al mimo, al ballerino di ritmi moderni.
Va da sé che un aquario DOC arriccerà spesso il naso ad ascoltare musica classica (nonostante l’acquariano Mozart), ed andrà in sollucchero per il jazz o per tutte le musiche sperimentali. Idem dicasi per tutte le altre Arti, dove il classico lo attirerà poco, a meno che non si tratti di un aquario – Saturno cui riesce difficile guardare avanti. Ma anche un aquario-Saturno non amerà Verdi o Respighi e presterà orecchio a musica molto più sofisticata, rarefatta. Curioso e portato a sperimentare tutto ciò che è insolito, l’acquariano è attratto moltissimo anche dal paranormale. Difficile trovare un appartenente al Segno che non creda nella Astrologia, nei dischi volanti, negli alieni. Che non si appassioni ai romanzi o ai films di fantascienza. Non è difficile trovare anche acquariani con doti paranormali.
La versatilità, l’apertura mentale, l’inventiva e la capacità di rottura con schemi vecchi, aprono insomma una possibilità lavorativa pressoché infinita per il tipo aquario, che è anche capace di inventarsi attività nuove, molto spesso con ottimo successo… La sua facilità a socializzare lo rende ottimo come socio e come collaboratore; e anche capo inflessibile, esigente, se è un saturnino ed ha carisma: ma per dare il meglio di sé un acquariano deve essere libero, avere vasto campo di azione; obbligarlo ad attività routinarie, in posti chiusi, o costringerlo all’immobilismo di una scrivania (a meno che non abbia davanti un computer!), significa ucciderlo.

Dicevamo prima degli amici. La dipendenza da loro è tale che anche innamoratissimo (secondo le sue possibilità, ovvio), quasi sempre un aquario cercherà di trascinare il partner nella sua comitiva. Alla cenetta a due preferirà le allegre tavolate, alla passeggiata romantica, magari al chiaro di luna (che gli è indifferente), le gaie brigate. Se vi struggete di amore per lui, egli vi guarderà come foste un alieno; tenderà a trasportare il tutto sul piano dell’amicizia amorosa. Pretenderà, ma ricambierà di egual moneta, libertà di azione e di pensiero.
Uomo o donna che sia, un aquario può scomparire senza dare spiegazioni e ricomparire senza nemmeno chiederne. Di solito non soffre di gelosia, non giudica e non pontifica (a meno che non sia saturnino!). Se non ha controindicazioni forti nel Tema, tiepidini anche gli slanci erotici: quel che riesce a stimolare di più gli appartenenti al Segno è il gioco intellettuale, la novità, la stranezza. Indifferente ai valori morali, gli stanno bene tutte le varianti del giuoco erotico, senza alcuna limitazione. Se limitazioni vi sono, per educazione troppo rigida o per credo religioso, si avranno Acquari nevrotici.
Forse è per questo motivo che scoppiano spesso attrazioni fatali tra Acquari e Scorpioni; la disponibilità alla “sperimentazione” è la stessa, e la leggerezza, la difficoltà a coinvolgersi veramente del tipo aquario, può stemperare, sdrammatizzare, la cupa, divorante passionalità scorpionica. La stessa attrazione può scoppiare tra aquario e Leone perché il distacco emotivo del primo viene sollecitato e coinvolto dalla passione leonina. Ma qualsiasi partner voglia “tenersi” un aquario lo deve soprattutto incastrare in un sottilissimo giuoco di complicità. Dare e non dare, nascondere e scoprire, in una specie di caccia al tesoro. Sentimentalmente “preso”, l’acquariano tende a fare l’errore suo più frequente. Idealizzare e prendersi della solenni delusioni!
Le cose cambiano se aquario è saturnino. Si avrà allora attaccamento, lealtà data e pretesa, forse anche fedeltà. Assai meno curiosità in campo erotico, con tendenza al distacco non solo dalle passioni ma anche dall’erotismo, specie se sperimentale: c’è poi tutta una gamma di Acquari romantici, innamorati, appassionati, a seconda della struttura personale di ogni Tema.
Come Vergine, Gemelli e Sagittario l’uomo aquario non è affatto maschilista e tende a vedere, a trattare la donna come sua pari; dà la stessa libertà che pretende per sé, a meno che non abbia Luna o Venere in Segni fortemente conservatori. La donna aquario è il prototipo della donna moderna; libera, indipendente, emancipata, per niente attratta dal ruolo di sposa e madre esemplare. Essa cercherà di realizzarsi nel lavoro o, nei casi più rari (di solito se saturnina), trovandosi un marito ricco e occupatissimo (o vecchissimo). Così come il suo compagno di segno, non ritiene importante il matrimonio, non ama la casa e sopporta pochissimo i bambini piccoli che tolgono libertà ed hanno bisogno di quelle coccole che non un aquario a volte non sa dare e spesso non ritiene necessario ricevere.
Quando si sposano, se trovano il partner giusto, uomini e donne aquario quasi sempre tendono a formare una famiglia fondata sulla reciproca tolleranza, spesso sulla complicità. Sono quasi sempre buoni genitori che lasciano molta libertà ai figli, non li assillano con rimbrotti, ansie o iperprotettività. Possono invece cadere nel difetto opposto di seguirli poco, di poco interessarsi alle loro problematiche, alle loro esigenze emotive e psicologiche. Se l’incanto d’amore si rompe, di solito un aquario non fa troppi drammi e tende subito a guardare altrove bravissimo, anche, nel mantenere rapporti per lo meno civili con il/la partner. Si possono allora avere i matrimoni “ aperti”, per il bene dei figli o per interessi comuni; oppure si va alla separazione senza troppi drammi e remore.
Amando poco la casa, è raro che un aquario dedichi ad essa molte cure; spesso, arredamenti spartani ipermoderni, se non si tratta di un saturnino che andrà più sul classico. Banditi ninnoli, tendaggi e cose superflue. Banditi troppi colori; di solito si va sul monocromatico o sui contrasti netti. Molti divani, o cuscini, o comunque posti a sedere, per allegre riunioni: magari, pezzi strani, raccolti in chissà quale mercatino. I Saturnini tendono più al collezionismo, ma strano, inconsueto. Tipo Renzo Arbore, con una Venere fortemente uranizzata, che colleziona pezzi Kitch di plastica!
Anche il vestire non gode di particolari cure. Se non sono decisamente eccentrici (specie le donne), sono comunque sul vestirsi a caso, sul mettere quel che ci si trova tra le mani la mattina, appena svegli. Acquariani sono senz’altro i capelli blu o verdi, i piercing, le borchie. Acquariane sono le teste rapate, in antitesi con le selvagge chiome leonine. Un aquario con il senso dell’eleganza, sarà comunque elegante a modo suo, con un tocco di originalità, di inusualità che lo contraddistingua da tutti gli altri.
Meraviglia che un tipo idealista e sognatore quale è di solito aquario, si riveli poi spesso molto attaccato ai soldi. Anche qui l’antitesi con lo spendaccione Leone e, forse, l’avarizia di sentimenti che si riversa anche sull’avarizia vera e propria riguardo al denaro. Ovviamente gli Acquari saturnini sono i più stretti di borsa; difficile che facciano prestiti, anche di fronte ai più reali, impellenti bisogni di parenti od amici. In compenso, soltanto se sono proprio disperati chiedono aiuto; odiano infatti i debiti tal quale ai prestiti. Ma per la tendenza a d idealizzare, possono essere facilmente raggirati da persone disoneste. Di solito non sono buoni investitori e si limitano a tenere in banca i loro averi.
Sul piano fisico, il Segno aquario corrisponde all’apparato circolatorio ed al sistema nervoso: polsi e caviglie fragili, con tendenza alle distorsioni ed alle fratture. Forse anche perché è legato a Saturno, pianeta della longevità, aquario porta spesso vita lunga; una “stranezza” che potete verificare; non è infatti raro che un aquario o chi ha un forte Urano nel proprio Tema, viva 84 anni esatti, che poi è l’esatto periodo di un giro di Urano attorno al Sole. Facile per un aquario con forti dissonanti nel proprio Quadro, essere vittima di incidenti a ripetizione, o di morire in modo improvviso e/o violento ( armi da fuoco o taglio, aereo o macchina, infarto, ictus).

Capricorno – Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali

Gennaio 3, 2019 on 11:17 am | In Amici, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Donne, Emozioni, Evoluzione, Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali di Gabriella Leopizzi, Oroscopo, Pratica Astrologica, Segni zodiacali
| No Comments

di Gabriella Leopizzi


Capricorno è il decimo Segno dello Zodiaco; doppio, di Terra, Cardinale, esso va dal 21 dicembre al 21 gennaio, con i soliti due giorni di fluttuazione all’inizio ed alla fine, a seconda degli anni: Segni Cardinali (Ariete, Cancro, Bilancia e Capricorno), sono quelli che aprono le stagioni ed ospitano i due Solstizi ed i due Equinozi dell’anno. Chi nasce sotto un Segno Cardinale tende a FARE, ad iniziare nuove imprese, ad intraprendere nuove strade, in modo attivo, (attraverso l’agire, (Ariete e Capricorno), o in modo passivo, attraverso l’ideazione, il fantasticare (Cancro e Bilancia).

I Segni doppi danno personalità complesse, quasi due individui che si sovrappongono e si contrastano: i Segni di Terra danno tenacia, senso pratico, e razionalità: altra loro caratteristica è la “fissità” e gli individui fortemente segnati dagli stessi, sono di solito conservatori, assai poco malleabili nelle loro convinzioni ed abbastanza materialisti. I nato sotto il Segno Capricorno, oltre ad avere due personalità sovrapposte (che fra poco esploreremo), sono considerati “doppi”anche in quanto, tendono periodicamente a cambiar pelle, a vedere le cose con occhi diversi ed a comportarsi in diverso modo da prima; succede un po’ a tutti, con il passar degli anni e l’accumularsi dell’esperienza, ma i Capricorno possono arrivare a svolte di pensiero e di vita di 360 gradi.

Si è detto, nella descrizione dei Segni precedenti, come quelli di primavera-estate simboleggino la priorità della Carne sul Pensiero, sulla Spiritualità; il Sole, infatti, con la sua luce ed il suo calore, risveglia al massimo impulsi, desideri, istinti… Tanto più la sua luce ed il suo calore diminuiscono, altrettanto la carnalità viene rattrappita (parecchi animali vanno addirittura in letargo, le piante si disseccano), permettendo così al mondo interiore (razionale e spirituale), di esprimersi senza mediazioni e vincoli.

Appena il Sole entra nel Segno Capricorno, avviene il Solstizio di inverno; la notte del 21 dicembre è la più lunga dell’anno. Il Capricorno simboleggia quindi. come appena detto, l’astrazione massima, il distacco supremo da istinti e passioni. Sin dai tempi più antichi il Capricorno veniva infatti chiamato “la Porta dello Spirito”, indicato come la tappa ultima della Reincarnazione. Per l’identico motivo, a livello esoterico ed astrologico, il Capricorno simboleggia la tappa ultima del ciclo evolutivo, il passaggio dalla Forma alla Sostanza. Sotto il Segno Capricorno, nel mondo cristiano viene celebrato il Natale; ricorrenza non storica (ignota la data di nascita di Cristo), ma simbolica; tal quale il Solstizio d’inverno indica la notte più lunga dell’anno che precede la lenta rivincita della luce, fino all’apoteosi del Solstizio d’estate (Giorno più lungo dell’anno), altrettanto l’arrivo del Cristo è vittoria della Luce della Verità dopo le tenebre morali e le degradazioni materiali del paganesimo.

Piccola nota storica; Natale il 25 e non il 21 dicembre, perché in tale data, sotto l’Impero Romano, si festeggiava il Sole Invicto; e chi, più di Cristo, può simboleggiare il Sole che porta la Vita? I due simboli coincidono perfettamente, ed il Natale non è quindi, come rozzamente cercano di spiegare alcuni, soltanto la sovrapposizione di una festa cristiana ad una pagana. Il Solstizio d’inverno, del resto, sin dai primordi della civiltà, è sempre stato legato a grandi feste ed a riti propiziatori, proprio per il giro di boa tra buio e gelo invernali e la luce, il calore che, di lì poco, avrebbe portato la primavera…

Passando alla Mitologia, il Capricorno è un animale fantastico, Capra nella parte superiore, Pesce in quella inferiore; Terra (Capra) e Pesce (Acqua); Inconscio (Acqua) e Cosciente (Terra), legati a filo doppio: equilibrio perfetto se i due elementi hanno eguale peso nel Tema di nascita, squilibrio se uno prevale troppo sull’altro, come si vedrà più avanti. Al Segno sono legati vari Miti; c’è quello di Giove che, per onorare la capra Amaltea, sua nutrice, la trasformò nella Costellazione del Capricorno; e c’è quello di Pan (Bacco), che si trastullava sulle rive del Nilo con alcuni compagni, quando comparve il dio Tifone intenzionato a divorarli. Per salvarsi, Pan si tramutò in capra, ma non sembrandogli l’idea abbastanza sicura, si gettò nell’acqua per trasformarsi in pesce; il fondale era però basso e la parte non coperta dall’acqua rimase capra. Per punire la sua vigliaccheria, Zeus lo condannò a restare in eterno sotto le spoglie assunte nel momento del pericolo.

Poiché però il pianeta del Capricorno è Saturno e tutte le caratteristiche psicologiche degli appartenenti al Segno sono saturnine, il Mito che più corrisponde al Segno stesso è quello di Cronos (Saturno), che evira il padre Urano e mangia i propri figli perché gli è stato predetto che uno di loro lo spodesterà; sarà Giove, salvato con uno stratagemma dalla madre, a mandare il padre in esilio. In questo Mito non si trova traccia di pesci ma solo un accenno al mare, dove Saturno getta i genitali recisi Urano che riemergeranno tramutati in Venere: e c’è, nel Mito, un’altra trasformazione; quella di Saturno stesso che da duro, implacabile tiranno, divoratore dei suoi stessi figli, con l’esilio diventa illuminato Maestro di vita. Nei Tarocchi, a Saturno ed al Capricorno viene associato L’Eremita.

Graficamente il Capricorno viene rappresentato o come Capra-Pesce o con un simbolo strano, quasi indecifrabili, in varie versioni, la più usata delle quali () ricorda, alla lontana, un animale dalla coda di pesce attorcigliata.

Prima di iniziare la descrizione psicologica dei Capricorno, si ricorda ancora una volta come l’Astrologia occidentale sia strettissimamente legata al ciclo della Natura nel mondo mediterraneo; in tale regione, come prima accennato, a metà dicembre tutto è gelido, immobile, disseccato; gli uccelli che hanno potuto sono emigrati e gli animali che non vanno in letargo devono accontentarsi dell’indispensabile, per sopravvivere; stesso atteggiamento per gli uomini antichissimi che non disponevano certo di comfort, tranne il riparo di una grotta o una capanna e l’incerto calore di un falò.

Tutto dà l’idea di un mondo morto, pietrificato; e freddezza, distacco, pessimismo, incapacità ad esprimere sentimenti ed emozioni, sono da sempre le accuse fatte ai Capricorno.Sin da piccolissimo, il bimbo Capricorno (così come il bimbo Scorpione), vede la realtà in modo del tutto diverso dai coetanei, in modo diverso si comporta.; è saggio, assennato, autosufficiente, tendente al giuoco solitario, egli guarda tutto e tutti con una profondità che mette a disagio e, spesso, blocca affettuosità e coccole, riservate di solito ai bimbi. Chi supera tale disagio ed azzarda una carezza, vede quasi sempre il piccolo Capricorno ritrarsi quasi infastidito.

Raramente egli sa abbandonarsi a giuochi spensierati e rischia quindi quasi sempre per isolarsi o rimanere isolato; eppure, nel loro intimo, i Capricorno vorrebbero la compagnia; ma la solitudine viene accettata come inevitabile compagna e non se ne lamentano perché l’altra metà di loro la vuole, la cerca, la pretende (Segno doppio!). La maledizione di molti Capricorno è il saper benissimo tradurre in parole i pensieri e di rimanere bloccati quando si tratta di esprimere sentimenti, emozioni; anzi, più è emozionato, “preso”, più il Capricorno si rinchiude in ermetici mutismi. Prigioniero di sé stesso, spera che qualcuno abbia la voglia e la forza di bucare la sua corazza ed entrare in comunicazione con lui. Cosa non facilissima, perché la corazza è assai spessa!

Chiusure e difficoltà a comunicare derivano, oltre che da ritegno e timidezza, anche dal ricordo di tutte le ferite subite nell’infanzia per il suo atteggiamento scostante, enigmatico e sin troppo responsabile, che oltre a privarlo di tenerezze e coccole, lo ha spesso costretto ad addossarsi (o a vedersi addossate), responsabilità e pesi familiari troppo grandi per i suoi anni. Raramente un Capricorno ha avuto una infanzia felice; nel migliore dei casi, si è sentito non protetto e non amato abbastanza ed ha capito prestissimo di dover provvedere da solo a se stesso. Figura centrale amatissima ma spesso irraggiungibile, la madre. A questo conflitto dolorosissimo si rapporta la figura mitologica capra-pesce: fatta per vivere in zone solitarie ed impervie, la capra; tenerissimo, vulnerabile il pesce. Sbattuta sugli scogli, trascinata tra le rocce dalla parte Capra che tende ad arrampicarsi sempre più in alto, quella Pesce si ferisce, si piaga, arriva all’età adulta con una serie tale di cicatrici da essere ridotta, a volte, ad un impenetrabile callo.

A questo punto è bene fare dei distinguo; se nel Tema Natale di un Capricorno si notano troppi pianeti in Segni di Aria o di Terra, meglio stare alla larga. Prevale la parte Capra e si tratta quindi di individui aridi, freddi, a volte spietatamente crudeli non per sadismo, come può accadere ad uno Scorpione, ma per pura, semplice, totale insensibilità a sentimenti ed emozioni. Se c’è discreta presenza, sempre nel Tema, di pianeti in Segni di Acqua o di Fuoco, si può rispolverare il proverbio “sotto la neve, pane” e pensare, come avviene in natura, al seme nascosto sotto la coltre gelata che germoglierà e fiorirà a tempo debito; sono questi i Capricorno che pian piano prendono coscienza e cambiano in meglio, così come il pene reciso di Urano si trasformò in Venere ed il crudele tiranno Saturno in benefattore, dopo le amarezze dell’esilio. Un peso eccessivo del pianeta Saturno nel Tema natale, complicherà sempre le cose, aumentando cattiveria ed insensibilità, o bloccando ancora di più la capacità di esternarsi emotivamente. Una forte presenza del pianeta Giove o dei Segni Gemelli – Sagittario – Acquario, renderà il Capricorno molto più loquace ed aperto all’esterno.

Oltre che dalla forte difficoltà ad esprimere il proprio mondo emotivo, i Capricorno sono accomunati dall’ambizione; per raggiungere il massimo nei settori che gli sono propri, gli appartenenti al Segno sono disposti ad ogni sacrificio, ad ogni rinuncia,compresa, (ancora una volta), la castrazione del mondo affettivo. Di nuovo torna la Capra che si sente a suo agio solo sulle più alte vette e non tiene affatto conto di quella Pesce che si sbrindella sulle rocce. Questo atteggiamento vale sia se le ambizioni sono intellettuali (i grandi studiosi sempre alla ricerca di nuovo Sapere), spirituali (ricerca del massimo perfezionamento interiore), materiali (raggiungimento di alte cariche o di successo massimo sul piano lavorativo ed economico).

Spietato con sé stesso, il Capricorno pretende altrettanto dal prossimo; difficilissimo, per lui, comprendere, immedesimarsi nelle difficoltà o debolezze dì chi condivide la sua vita o il suo lavoro: questo sia per un esasperato senso del dovere, sia perché gli difettano intuito e “pietas” nei confronti dei suoi simili, a meno che il Tema non contenga peso notevole di pianeti in Segni di Acqua o Fuoco: per tali motivi, anche se sa essere leale, discreto, fedele, difficile trovare in lui un punto d’appoggio nei momenti di difficoltà morali. Più facile un sostegno sul piano materiale nonostante (a meno di forte peso dei pianeti in Segni di Acqua o Fuoco), la generosità non sia tra le massime qualità Capricorno. Con tali presupposti, pochissime o inesistenti le amicizie, spesso difficili i rapporti sentimentali; alle difficoltà a darsi ed a dare, si deve aggiungere una diffidenza quasi insormontabile, un autoconvincimento di dover contare soltanto sulle proprie forze. Se si trova in difficoltà un Capricorno tende quindi a risolvere tutto da solo, per i motivi suddetti ma, anche per calcolo, per non trovarsi poi nell’obbligo di ricambiare, “di nessuno ho bisogno e da nessuno voglio niente”, è la più tipica frase degli appartenenti a questo difficilissimo Segno.

E pochissimo un Capricorno pretende anche sul piano materiale; frugalità è il suo motto e, spesso, quella che viene chiamata tirchieria, è per un Capricorno semplice mancanza di esigenze, oltre lo stretto necessario. Molto austera, a volte spartana, può essere la sua casa, quasi sempre con mobili tradizionali: ma se le condizioni glielo permettono, non mancheranno certo pezzi d’antiquariato. Non è raro trovare in casa di un Capricorno angoli dedicati al collezionismo dei più svariati oggetti. Molto austero è anche il suo modo di vestire; colori scuri e tagli classici anche per le donne che, spesso, pare abbiano paura di esprimere la propria femminilità, a meno di indicazioni particolari nel Quadro. Frugalità (e spesso monotonia) non risparmiano il cibo, ritenuto non un piacere ma solo una indispensabile necessità di sopravvivenza.

Frustrato nei rapporti umani, assai poco interessato al divertimento, al Capricorno rimangono aperte soltanto le strade dello studio, del lavoro o dell’intimo perfezionamento interiore; le prime due attività non escludono, in contemporanea, la terza,se si tratta di Capricorno spiritualmente evoluto. Mai chiedere ad un Capricorno di sacrificare la propria necessità di scalata, qualsiasi sia la controproposta. Le donne Capricorno che si dedicano unicamente alla famiglia, lo fanno o perché costrette (e con grandi frustrazioni), o perché gratificate dai successi del marito. Se invece lavorano, le Capricorno sono carrieriste spietate tal quale gli uomini.

Ovviamente, donne o uomini, nel mondo lavorativo i Capricorno si dannano per raggiungere i posti più prestigiosi: poiché sono macchine da lavoro, spesso si caricano di responsabilità pazzesche, tendono ad accentrare, ad escludere collaborazioni; è raro siano buoni colleghi, appunto perché tendono alla competizione ed alla supremazia. A loro si addice molto più una attività indipendente, oppure di leadership su un team. Pur con ottima predisposizione alla matematica, alle scienze esatte, ai lavori minuziosi di pazienza e di grande attenzione, il Capricorno può svolgere al meglio qualsiasi attività tranne (salvo casi particolari), quelle che richiedono doti di socievolezza, di coinvolgimento umano o di stretto contatto con il prossimo. Se per qualsiasi motivo un Capricorno non può realizzarsi sul lavoro o non può soddisfare le propria ambizioni, rischia di ammalarsi seriamente sul piano nervoso o fisico.

Sul lavoro e nella vita, il Capricorno è avversario da temere, difficilissimo da battere, sia per la determinazione di carattere, sia per l’estrema preparazione nei campi in cui si cimenta. Poiché gli interessa soprattutto il potere per il potere, non ama mettersi in mostra e, se gli è possibile, agisce volentieri da uomo-ombra, da burattinaio che tira le fila da dietro le quinte: prototipo tra i più evidenti di Capricorno e Giulio Andreotti. Tale modo di agire rende a poco a poco la vita di molti appartenenti al Segno un deserto di affetti veri. Ma, è stato già detto, anche se mostra di detestarla un Capricorno ha però bisogno di avere gente attorno e pur di ottenerla, spesso ricorre al denaro; sotto forma di regali o, mancando di fantasia e di voglia di perder tempo, dando proprio soldi … “Così il regalo te lo scegli di tuo gusto”…

In amore, quasi sempre esclusi i colpi di fulmine. La partenza è lenta e l’amore deve essere approvato dalla ragione; non è raro che sulle scelte amorose pesi anche il calcolo economico e sociale. Sospettoso e diffidente, con una grande paura di essere respinto, il Capricorno fatica molto sia a concretizzare i propri sentimenti, sia ad esprimersi. Una volta iniziata la relazione, mai aspettarsi da un appartenente al Segno (a meno di forti controindicazioni nel suo Tema), carinerie, tenerezze e coccole così spontanee in tanti innamorati di altri Segni; a lui (o a lei), dimostrare il proprio attaccamento con la lealtà e la fedeltà è già tantissimo! Il che è vero, ma provate a far capire loro che non basta, in un amore? Disponibile ad accettare (se guidato), i giuochi d’amore in privatissimo, mai azzardare la minima affettuosità in pubblico! Come minimo vi trapasserà una raggelante occhiata! Se nel Tema Natale si trovano pianeti in Segni Acqua-Fuoco, il Capricorno, una volta preso il via, può sorprendere con una sessualità travolgente e fantasiosa: in caso contrario, tutto l’eros sarà trasferito sul lavoro, sull’affermazione sociale o sulla realizzazione delle proprie ambizioni, quali altre siano.

Tendono a metter su famiglia e, in genere, sono bravi coniugi, bravi genitori, nel senso che si sforzano di dare il meglio ai propri cari, almeno sul piano materiale; ovviamente stentano a dare affettuosità e calore che, in genere, non hanno ricevuto da piccini. Spesso sono esigenti, severi, (a tratti inflessibili) con coniuge e figli e non è raro che la loro casa si trasformi in una specie di caserma: tenderanno, padre o madre, a stare molto fuori casa per lavoro e si preoccuperanno più della resa scolastica, dell’organizzazione del tempo, del selezionare le loro amicizie, che dei travagli interiori, delle esigenze vere, intime dei figli; in genere poco amanti dei bambini, i Capricorno tendono a trattarli prestissimo come piccoli adulti. Ovvia, anche in questo settore, tutta una gamma di atteggiamenti e sfumature, a seconda della composizione del Tema natale.

Dei suoi rapporti con il denaro si è in parte detto; di solito non gli piace spendere non perché sia avaro ma perché, pessimista nato, dal futuro si aspetta sempre le peggiori cose; avere un buon conto in banca, poi, rassicura il Capricorno sul suo valore sociale. Nonostante questo però, in generale non si nega quanto ritiene necessario e non lo nega ai propri cari: per la sua capacità di dedizione al lavoro, a meno di gravi problemi caratteriali o grosse avversità del destino, è raro trovare un Capricorno proprio povero. Il suo benessere tende ad aumentare con gli anni.

Fortemente repressi, gli appartenenti a questo Segno difficile, tendono a cali di salute nervosa o fisica; questo non impedisce loro di essere, assieme al Toro), tra i Segni più longevi e mentalmente attivi fino a tardissima età. In Astrologia il Segno simboleggia lo scheletro in generale e la spina dorsale in particolare; problemi alle ossa possono quindi essere ricorrenti. Con l’età tendono ad incurvare la schiena. Un vecchio con la “gobbetta” è sicuramente marchiato dal Capricorno. Anche qui, Andreotti insegna!

Ma l’Astrologo va pagato???

Maggio 21, 2018 on 8:47 am | In Astri, Astrologia, Astropsicologia, Buono a sapersi, Consulto Astrologico, Miei Articoli, Pratica Astrologica
| 1 Comment

taoblu.jpg

Mi è capitato di parlare con dei colleghi astrologi.
Molti mi raccontano la stessa cosa. Anche a me succede e credo che sia
proporzionale alla fama. Le persone ti contattano, magari ti fanno i complimenti
per il tuo lavoro. Leggono i tuoi articoli, i tuoi libri, con l’occasione del
Natale ti fanno gli auguri e poi ti pongono una domanda sull’amore, sul lavoro,
sul figlio che non studia. Come dice un mio stimatissimo collega, che si
riconoscerà perché abbiamo avuto uno scambio a proposito, ti fanno 15 domande
tutte insieme.
Ma non accennano minimamente a chiederti se chiedi un compenso per il tuo
lavoro, come chiunque fornisce un servizio o una prestazione. Forse non
immaginano che per poter da una risposta devi inserire dati nel programma del
computer, stampare grafici e ragionare un poco sulla traduzione simbolica
astrologica per rispondere con cognizione di causa, sempre che..tu sei talmente
bravo ed esperto, da riuscire a dare una risposta immediata.
Io oggi ho questa capacità, ma mi sono anche fatta 40 anni di esperienza e
studio dell’astrologia. Prima non era cosi; riprendevo i miei appunti di anni di
corsi e studi per vedere se la mia interpretazione era corretta o se mi stavo
sbagliando, cercavo di trovare altri spunti di maggiore comprensione, perché
comunque il simbolismo è vastissimo. Passavo le ore a scrivere tutti i miei
collegamenti e le mie idee per dare il massimo.
Mi stupisce l’atteggiamento delle persone. Non capisco se ci provano (come
diciamo noi a Roma) o se pensano che l’astrologa è naturalmente una crocerossina
o non ha una vita sua e conti da pagare?
Io lo dico che sono un’astrologa e riconosco il mio ruolo, ma se chiamo
l’idraulico o compro il pane o vado in farmacia immagino che quello che chiederò
al negoziante naturalmente lo pagherò. Il pane non è gratis e tremo come
tutti per il costo…, se devo chiamare l’idraulico. E se mi chiede sotto i 100
euro per guardare un termosifone, mi ritengo sotto un transito planetario
favoloso. Mi è giust’appunto successo a dicembre.
Mi stupisce che le persone si rivolgono a te, come che tu non abbia altro da
fare. Senza considerare se in quel momento posso o semplicemente se.. in quel
momento voglio. E’ sempre scontato che tu debba rispondere, che sei lì, che non
aspetti altro. Le persone non si rendono conto che, come tu ti poni..gli altri
ti rispondono.
Ognuno ha l’astrologo che merita, e anche noi astrologi abbiamo i clienti che
meritiamo. Questa è una frase che nel nostro ambiente…si sente spesso!
Io per esempio sono molto umana (anche se a volte vorrei trascenderla questa
materia!) e come tutti ho un verso. Mi piacerebbe essere presa per il verso
giusto e con i giusti modi. Non ho problemi a dire che se sento che la persona
non è disposta a mettersi in discussione, se non vuole fare autocritica e crede
che tutto sia esterno a lei..preferisco evitare quel lavoro.
Intendo sempre onorare l’astrologia, è qualcosa di molto serio per me.
Ho bisogno almeno di sentire un piccolo dubbio, che la persona di sente in
crisi, ma vuole un cambiamento, la volontà di impegnarsi. Se non è cosi, so che
vanificherebbe il mio lavoro e che non mi seguirebbe nei concetti.
Per me gli astri indicano, ma non determinano assolutamente.
E se percepisco che mi si crede una veggente divento superoccupata e preferisco
rinunciare.
Uso sempre l’intuito che mi ha quasi sempre aiutato, e va benissimo cosi.

Continua a leggere Ma l’Astrologo va pagato???…

Gli empatici: il loro lato oscuro

Maggio 2, 2018 on 8:13 am | In Affinita' d'anima, Amore, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Buono a sapersi, Consulto Astrologico, Donne, Emozioni, Evoluzione, Oroscopo, Segni zodiacali, Voglia di cambiare
| No Comments

Gli empatici sono in genere conosciuti come i guaritori del mondo. Sono le persone i cui sensi sono intensificati e amplificati, sono degli individui che non solo vedono e sentono le diverse energie del mondo, ma che in realtà le sperimentano su loro stessi.
Coloro che non sono empatici potrebbero pensare che questa capacità di sentire ciò che gli altri provano sia un dono, ma se si riesce a convincere un empatico a parlarci del ‘suo dono’, potrebbe confidarci che non è sempre un cielo stellato. Anche se è consapevole di avere una qualità importante, egli potrebbe confessarti che è un peso, molte volte quasi insostenibile.
Molte persone si affidano a loro per avere supporto e comprensione. Gli empatici conquistano quasi sempre la fiducia degli altri, perché fanno sì che le persone si sentano al sicuro. E mentre l’empatico è in grado di gestire le emozioni degli altri, allo stesso tempo le sperimenta su di sè e tutto questo, puo’ portare a stress e crolli emotivi.
Il lato oscuro di un essere empatico si presenta sotto forma di due voci contrastanti, che gli parlano quasi costantemente all’interno della sua testa. Esso puo’ costantemente sentire sia il bene che il male, il negativo e il positivo, al punto di esserne sopraffatto, nel caso in cui non sia in equilibrio e ben schermato da cio’ che attira.
Gli empatici sono più sensibili alle energie negative della vita. La loro intensa capacità di sentire non può allontanarsi dai mali profondi che esistono nel mondo. La loro profonda comprensione di quello che esiste e opera nel mondo è sufficiente per confonderli e rattristarli. Per questo molto spesso,tendono ad essere malinconici, l’eozione che li domina, infatti è la tristezza.
Il lato oscuro di essere un empatico è costantemente esausto e affaticato dalle energie che vengono assorbite. Nonostante questo è capace di osservare in silenzio, riconoscere e sentire.
Gli empatici vogliono essere amati così come tutte le altre persone, ed accettati per quello che sono. Ma, è la loro generosità e gentilezza che spesso li vede essere sfruttati da parte di coloro che vogliono solo prendere e mai dare. Gli empatici sono ‘donatori’ e ricettori, loro sono pronti a mostrare gentilezza a chi ne ha più bisogno in ogni momento.
Il lato oscuro di essere un empatico è che spesso si mette in secondo piano per il bene degli altri. Un abbandono che costruisce nel corso degli anni, fino ad arrivare alla conseguente necessità di andare alla ricerca della propria anima, ancora una volta, un bisogno che sentiamo solo quando ci sentiamo completamente persi.
È per questo che tiene sempre una piccola parte di sè stesso a riparo dal resto del mondo. Mantendo una sorta di barriera difensiva per necessità.
Il lato oscuro di essere un empatico è la guerra che vive da sempre dentro di sè. La guerra che intraprende contro la tristezza e il buio, che cerca sempre di sollevare la sua ripugnante testa per portarlo all’auto-distruzione.
L’unico modo per combattere tutto questo e saper distinguere tra emozioni autentiche ed energie emotive false, che lo invadono dall’esterno. Gli empatici hanno bisogno di persone che possano comprendere chi sono e cosa vivono.
Essi devono essere in grado di abbassare il muro che hanno costruito intorno a loro, ed imparare ad esprimere i sentimenti che provano, in modo che la loro dote possa fare del bene anche nella loro vita.
In caso contrario, gli empatici sono destinati a combattere una guerra dentro loro stessi, che non finirà mai.

Fonte: http://it.anahera.news/empatia-oscurita/

Ovvio che una qualita’ che un buona astrologa/o deve avere è l’empatia proprio perchè il nostro lavoro è molto molto delicato, ha a che fare con le sofferenze delle persone.

Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali

Aprile 6, 2018 on 6:03 am | In Affinita' d'anima, Amici, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Donne, Emozioni, Evoluzione, Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali di Gabriella Leopizzi, Oroscopo, Pratica Astrologica
| No Comments

di Gabriella Leopizzi

 

Gabriella non c’è piu’ in un corpo fisico. Era ed è una mia cara amica. Ha tutta la vita combattuto con la sofferenza dei suoi problemi di salute, ma questo non le ha impedito di dedicarsi all’astrologia e all’arte. Io le ero affezionata e conoscendola bene sono sicura che sara’ contentissima anche da lassu’….di leggere dal mio sito…quello che lei aveva scritto e che io non voglio vada perso.  Ciao Gabriella, io ti abbraccio adesso….

« Pagina precedentePagina successiva »


Entries and comments feedsfeed Valid XHTML and CSS. ^Top^
31 queries. 1,042 seconds.
Made with ♥ by Alessio
Alessio Filipponio on Linkedin

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Chiudi