Le ferite e la volontà di vivere

marzo 18, 2019 on 7:22 pm | In Astri, Astrologia, Astrologia Esoterica, Evoluzione, Olistico, Oroscopo
| No Comments


di Liz Greene
nella traduzione di Margherita Fiorello

La volontà di vivere è un grande mistero. Ogni medico che abbia
avuto esperienze di malattie incurabili, sa bene che la volontà
di vivere condiziona la salute mentale e quella fisica, e le
possibilità di sopravvivenza derivano dal desiderio di vivere del
paziente, più che dalle cure mediche. La volontà di vivere non è
necessariamente quello che diciamo di sentire; possiamo gridare a
gran voce di voler vivere, ma qualcosa dentro di noi ha nostalgia
di una “casa” più lontana, e questo sentimento può essere molto
più potente di ogni dichiarazione conscia di guarire. Alcune
persone reagiscono a questo conflitto, al dolore, alla delusione,
con una risposta creativa capace di trasformare la loro
prospettiva e le circostanze della loro vita. Altri invece,
abbandonano la speranza ed entrano in un mondo crepuscolare e
grigio, o perdono totalmente la loro voglia di vivere. Non ci
sono solo suicidi “attivi” tra quelli che hanno ceduto
interiormente, ma anche morti “accidentali”, che sebbene
inconsce, sono alimentate da un desiderio fortissimo di mettere
la parola fine a tutta la sofferenza e all’infelicità. Un
comportamento auto distruttivo non vuol dire solo il gesto ovvio
di inghiottire una bottiglietta di pillole o afferrare un
coltello per tagliarsi i polsi.

Non c’è nessuna ricetta pronta per capire perché alcuni vincono
la sfida con la vita, nonostante gli avvenimenti negativi e gli
ostacoli che debbono affrontare, mentre altri voltano le spalle
al futuro, anche se la fortuna sembra favorirli.

Per di più, perdere la voglia di vivere non vuol dire
automaticamente autodistruzione. Essa può essere espressa come
il desiderio di distruggere gli altri, come se, ad un livello
profondo ed inaccessibile, la proiezione della perdita della
speranza e della sofferenza su altri individui, dia forza e
controllo sulla propria vita. Così colui che ha perso la propria
voglia di vivere può cercare di togliere la gioia – e forse anche
la vita – agli altri, usandoli come capri espiatori che si
facciano carico della disperazione che si sente dentro.

Questo mistero può avere la sua origine, come molti altri
misteri, nel carattere di una persona, e la carta natale può
darci preziosi insights delle sue dinamiche. Come ogni polarità
della vita, noi astrologi dobbiamo studiare le polarità
rappresentate dai pianeti: speranza contro disperazione, volontà
di vivere contro perdita delle speranze, possono essere
illuminate, almeno in parte dallo studio della polarità di Sole e
Chirone.

Non credo che possiamo comprendere le dinamiche di uno di questi
pianeti senza conoscere quelle legate all’altro. Sebbene essi
non siano sempre in aspetto fra loro nella carta natale, sono
sempre presenti entrambi a formare una dinamica energetica della
personalità. Un aspetto diretto focalizza questa dinamica e
diviene un punto centrale nel viaggio individuale, ma questa
polarità è presente comunque. Tutti i pianeti fino a Saturno,
sono collegati allo sviluppo dell’Io, e sono riassunti
nell’archetipo del Sole: potremmo dire che tutti questi pianeti
“servono” il Sole come centro dell’individualità.
Ma Chirone, che compie lasua orbita tra Saturno ed i pianeti esterni,
media tematiche collettive che hanno a che vedere con la ferita personale.
A causa della sua natura, le implicazioni collettive di Chirone
riguardano qualcosa che è “inguaribile” a livello collettivo. La
natura del Sole è quella di riflettere il senso di scopo e di
significato della propria vita, e questi sono strettamente
collegati alla volontà di vivere e di divenire Se stesso. Ognuno
di questi pianeti ha bisogno dell’altro, ma se la bilancia
trabocca da una parte o dall’altra, possono intervenire delle
difficoltà psicologiche.

A seguire una lista di parole chiave che possono essere utili nel
chiarire la relazione Sole – Chirone. Mi piacerebbe esplorare
queste chiavi di lettura prima di esaminare cosa succede quando
Chirone lavora contro il Sole, e quando invece i due pianeti
lavorano assieme. Una carta- più avanti – ci potrà essere utile
per illustrare la misteriosa dinamica Sole – Chirone.

Sole
Chirone

Destino individuale
Fallimenti collettivi

Senso e significato
Disillusione

Speranza per il futuro
Mete non raggiunte

Fiducia in se stessi
Ferita ineludibile

Generosità
Amarezza e cinismo

Identità individuale
Danno fisico o psicologico

Accettazione dei propri limiti

Il potere di creare
Ricerca del significato

Capacità di giocare
Compassione

Fanciullo divino

Sole in aspetto disarmonico a Chirone
Sole in aspetto armonico a Chirone

Depressione
Saggezza

Perdita di fiducia
Accettazione di quello che non può essere cambiato

Senso di avere subito un danno permanente

Cinismo
Coraggio e tenacia

Aspettative di fallimento
Comprensione di un disegno più grande

Sentirsi un capro espiatorio
Melanconia che porta alla profondità di pensiero e di
sentimento

Desiderio di colpevolizzare gli altri

Proiezione del sentimento di inferiorità sugli altri
Dare un contributo alla felicità altrui

Perdita della voglia di vivere
Empatia

Sentirsi speciali, comprendendo i propri limiti

Entusiasmo per la vita

Il significato del Sole
Non mi dilungherò nella descrizione del significato del Sole, che
ho già trattato altrove. In breve il Sole rappresenta l’essenza
della persona – la natura divina (o se si preferisce in termini
meno spirituale la forza vitale) incarnata in forma umana per un
determinato periodo, che si esprime con una sua specifica natura
e scopo. Attraverso il Sole sperimentiamo noi stessi come unici,
speciali, nati per adempiere ad una nostra missione. Parafrasando
una frase di Charles Harvey, durante un suo seminario, il Sole
dentro di noi ci connette al macrocosmo, e ci permette di
sperimentare noi stessi come parte di qualcosa di eterno. Da
questa esperienza interiore ricaviamo non la felicità come si
intende generalmente, ma una profonda serenità e speranza che
deriva dal sentimento di vivere una vita ricca e piena di
significato. Possiamo chiamare questa esperienza “destinica
individuale”, perché il Sole riflette in noi lo scopo specifico
della nostra vita. Nella mitologia greca, Apollo fu la divinità
che dissipò l’oscurità della maledizione familiare, e liberò
l’individuo dal fardello del peccato originale.
Il senso dello scopo può liberarci dalla sensazione di
sentirci intrappolati nel passato familiare,
e darci il senso del futuro, la fede nei nostri ideali,
la convinzione che stiamo andando da qualche parte. E’ il
Sole che ci permette di liberarci dai sentimenti di inutilità e
che afferma il nostro valore inestimabile ed unico anche nelle
circostanze dolorose. La consapevolezza di un proprio destino, un
proprio significato, a sua volta, ci da fiducia in noi stessi e
convinzione della positività della vita, funzionando come una
potente energia risanatrice sul piano psichico e fisico. Se
l’espressione del Sole è bloccata, repressa o non totalmente sviluppata per
qualsiasi ragione – siano esse ferite infantili o conflitti
interiori – la persona può avere difficoltà a collegarsi con
questo “diritto” ad essere se stesso. Le difficoltà della vita
possono essere amplificate perché non c’è quel senso di essere
speciali sul quale costruire la propria vita. Il potere di creare
dipende dalla posizione del Sole nella carta, perché quando
creiamo qualcosa, stiamo trasformando una parte di noi, che
pensiamo possa dare frutto. Creatività richiede un atto di fede.
Il simbolo più antico di questo potere solare è l’immagine del
Fanciullo Divino, che personifica qualcosa di eternamente giovane
e immortale dentro di noi.

Il significato di Chirone
Nell’arte greco-romana Chirone viene sempre mostrato con un
fanciullo sulla sua groppa. Ma malgrado l’emblema della speranza
la figura di Chirone è tragica. Vale la pena ricordare il mito,
che è spesso distorto per quanto è doloroso.

Nel mito Chirone non diventa un guaritore perché è stato ferito.
Questa è una reinterpretazione ottimistica che cerca di dare un
senso al dolore, assegnandoli un preciso scopo e significato –
sviluppare la compassione e la saggezza per guarire gli altri a
causa del proprio dolore. La reinterpretazione del mito è una
valida traccia di lavoro per le proprie ferite, ma la storia di
Chirone non è altrettanto nobile. E’ gia un maestro ed un
guaritore prima di essere ferito. Si può affermare che è già
ferito, perché egli è un isolato; sebbene sia un Centauro, e
quindi una di quelle creature che simbolizzano le forze
istintuali, egli è civilizzato, e vive quindi separato dal resto
della sua gente. Chirone rappresenta in questo contesto l’animale
saggio, un potere naturale che di sua volontà ha scelto di
servire l’evoluzione e la consapevolezza umana, piuttosto che
rimanere ciecamente legato agli istinti compulsivi del regno
animale. Come gli “aiutanti animali” delle favole, Chirone volta
le spalle alla sua natura selvaggia allo scopo di servire il
disegno evolutivo che spinge avanti la vita, ma Chirone è al
momento sbagliato nel posto sbagliato. Egli è preso tra Ercole,
l’eroe solare che rappresenta la forza dell’ego umano, e gli indomati
Centauri che si è lasciato alle spalle. Mentre la battaglia
divampa, Chirone non vi prende parte, non parteggia per nessuno.
Forse a causa di questo suo ruolo di mediatore che lo priva della
sua aggressività naturale è accidentalmente ferito da una freccia
avvelenata diretta ad un altro Centauro, e la sua ferita non può
guarire, non importa quale tecnica terapeutica venga usata. Alla
fine egli si ritira nella sua cava, implorando la morte. Zeus ha
pietà di lui e Prometeo gli permette di morire in pace come ogni
altro mortale, sebbene una volta fosse stato un Dio.

Questa storia terribile implica uno stato di ingiustizia che è
difficile da capire per chiunque, e forse più di tutti per chi è
coinvolti in studi spirituali come l’astrologia.
Vogliamo credere che la vita è giusta, che la
bontà è premiata e la cattiveriapunita, almeno in una prossima
incarnazione se non in questa.
Ecco una creatura innocente che soffre di un errore che non è il
suo, una vittima della inevitabile battaglia tra l’evoluzione e
lo status quo, tra con sapevolezza ed istintualità. Chirone è
l’immagine di quello che dentro di noi è stato ferito ingiustamente dalla
vita, delle condizioni ineludibili che riflettono i fallimenti
della psiche collettiva che procede impacciata sulla via
evolutiva. Poiché gli uomini sono contemporaneamente eroi solari
e animali selvatici, e poiché i nostri sforzi di miglioramento
hanno prodotto spesso disastrosi risultati, abbiamo una eredità
di dolore inflitto agli altri che si ripercuote sulle generazioni
successive. I danni fisici e psicologici, le cui cause risiedono
non in un fallimento individuale o genitoriale, ma genetico o
collettivo, come l’Olocausto e la guerra del Kosovo appartengono
al regno di Chirone. In questi casi, le nostre aspirazioni
rappresentate dal Sole, rifinite e messe a fuoco tramite i
pianeti personali, e strutturati da Saturno sono scoraggiate da
Forze della vita, della storia, della società, della psiche
collettiva di cui non abbiamo controllo, e di cui non possiamo
essere responsabili. Questi scontri inevitabili con i fallimenti
collettivi ci lasciano pieni di amarezza e di cinismo. Possiamo
punire gli altri perché ci sentiamo noi stessi feriti, delusi e
senza via di scampo. O possiamo punire noi stessi. Ma possiamo
progredire malgrado tutta l’amarezza, se insistiamo nel ricercare
le risposte- anche se la risposta è che non c’è una risposta e
dobbiamo accettare i limiti della nostra esistenza.
L’accettazione è uno dei doni di Chirone ed è differente dalla
rassegnazione e dalla autocommiserazione. Il desiderio della
morte di Chirone può essere interpretato come simbolo
dell’accettazione della propria mortalità, e costituisce una
trasformazione che anche se non può guarire quello che è
inguaribile o modificare il passato, può cambiare radicalmente la
nostra visione della vita. Attraverso Chirone impariamo la
compassione di chi è ferito per chi si trova nella sua stessa
condizione.Possiamo provare una profonda empatia per chi è ferito
come noi. Ma senza la luce ed il calore del Sole, non riusciremmo
a provare quella generosità per oltrepassare la ristrettezza di
chi considera il dolore altrui come uno specchio del proprio, e
comprendere che tutti gli esseri umani condividono la stessa
ferita.

Chirone come agnello sacrificale: il ferito diventa feritore

Il processo che Chirone rappresenta si compone di molte fasi, a
cominciare dalla ferita per finire con l’accettazione della
condizione di mortale e la liberazione dalla sofferenza. Queste
fasi comprendono molti sentimenti: rabbia, furia, desiderio di
ferire gli altri, rassegnazione, autocommiserazione, sensazione
di essere una vittima altrui, ed alla fine desiderio di
comprendere il modello universale nel quale spiegare il proprio
dolore. In ognuna di queste fasi, se non riusciamo ad affrontare
quello che ci sta accadendo, possiamo irrigidirci e mostrare le
caratteristiche meno edificanti di Chirone. Dopotutto Chirone è
ferito nella sua parte animale, e gli animali non sono noti per
le loro capacità filosofiche quando sono ferite, piuttosto
tendono a mordere.

Per l’attualità dell’argomento ho scelto di studiare la relazione
Sole Chirone nella carta di Slobodan Milosevic, che quando ho
scritto l’articolo, aveva il dubbio privilegio di personificare
quanto di più abbietto nella natura umana. Non molto tempo fa, lo
stesso onore toccò ad Adolf Hitler, e senza meno nel prossimo
futuro molti avranno lo stesso onore. Se Milosevic sia
l’incarnazione del male come alcuni sostengono, o sia un essere
umano ferito insopportabilmente e perciò trasformato in una forza
distruttiva, non è una domanda a cui io possa rispondere. La
risposta a questa domanda alimenta un dibattito senza fine nelle
professioni di sostegno psicologico e solleva l’eterna
questione della volontà di distruzione intesa come innata nel
carattere o causata da un infanzia abusata e ferita. Come tutte
queste questioni, probabilmente la risposta giusta sta nel mezzo.
Studiando la carta nel contesto della situazione attuale
dell’ex-Jugoslavia, credo che si possa imparare quello che
succede se le ferite di Chirone vengono trascurate. Milosevic non
ha mai mostrato apparentemente di aver perso la voglia di vivere,
anzi sembra che voglia mantenere a tutti costi la sua posizione
anche a spese degli altri- sono gli altri che hanno perso la loro
voglia di vivere, spesso anche la loro vita.

In questa carta Chirone non è in aspetto con il Sole, ma forma
aspetti con la Luna e Plutone in Leone: tutti questi pianeti si
trovano in casa quarta, quadrati all’ascendente Toro. Il Sole è
in quinta casa nel suo segno, il Leone, e quindi è il dispositore
di Chirone. La relazione dinamica tra questi due pianeti non è
diretta, ma si esplica attraverso la polarizzazione del Sole in
Leone in quinta casa e della sua ombra simboleggiata dalla Luna
male aspettata in quarta, con la sua eredità non solo di morte e
di distruzione nella famiglia di origine, ma intesa come memoria
di dolore incisa nella psiche collettiva del quale Milosevic è
imbevuto. Molti serbi nutrono una rabbia lunga di secoli verso il
mondo musulmano dal XIII secolo, epoca dell’invasione ottomana.
La comunità musulmana è percepita come una continuazione
dell’antico oltraggio subito. La Luna in IV casa sente queste cose in
maniera personale, come se avesse succhiato queste memorie
arcaiche con il latte materno. L’oppressione del regime comunista
di Tito è rilevante qui, come il ripudio della individualità
leonina. Milosevic stesso è un comunista, ed il risultato della
doppia enfasi del Leone non può essere che la brama di potere.
Sebbene il potere possa soddisfare l’impulso del Sole di creare,
non può guarire il dolore della Luna in Leone, che brama di
essere speciale ed amata. Con un tema senza Acqua e la dura
disciplina della congiunzione Saturno Urano, quadrata al Sole ed
a Mercurio, è probabile che egli non riesca a risalire alla
radice delle sue sofferenze, perché le emozioni, specie quelle
delle vittime innocenti, sono spaventose da fronteggiare. E’
difficile vivere quando si provano dei sentimenti, ma si
sopravvive solo se si combatte: il Sole è trigono a Marte nel suo
domicilio in Ariete in dodicesima, un canale per il sogno di un
eroismo antico e collettivo. Il potere dell’aspetto tra Luna e
Chirone è proiettato all’esterno, su gente debole vista invece
come un terribile nemico. Come sempre accade come quando si
proietta una parte di sé all’esterno, Milosevic vive in una
stanza degli specchi.

Analizzare i motivi di una persona come Milosevic può essere
molto utile anche per noi. Naturalmente è facile con il senno di
poi dire ” si comporta in questa maniera perché il suo qualcosa
fa un aspetto terribile con qualcos’altro”. Questo è un gioco a
cui giocano tutti gli astrologi, specialmente quando li fa
sentire superiori. Tuttavia la congiunzione in quarta casa della
carta studiata non parla di un comportamento inevitabile, ma una
profonda ferita ancestrale, trasmessa e vissuta nella famiglia
d’origine.
Entrambi i genitori di quest’uomo si sono suicidati, fatto che ha
aggiunto una connotazione oscura a questa congiunzione. Egli ha
conosciuto la morte e l’abbandono nella sua prima infanzia, e la
sopravvivenza per lui non è mai stato un fatto scontato.
L’aspetto Chirone – Plutone è anche un aspetto generazionale come la
congiunzione Saturno – Urano e tutte e due si sono verificate
durante la Seconda Guerra Mondiale, riflettendone il caos e
l’orrore.
I bambini nati con questa doppia congiunzione, conoscono bene nel
loro sangue e nelle loro ossa, che la vita non è sicura, e
l’innocenza e la bontà non assicurano la sopravvivenza. Questo è vero
perfino per chi è nato in un ambiente relativamente protetto,
lontano dal teatro della guerra. Al di là del confine saturnino
dell’individualità, la psiche collettiva assicura che tutti
partecipino ed in qualche maniera incarnino – nel bene o nel
male – i tempi in cui si vive. Che Milosevic sia un uomo
profondamente, selvaggiamente e forse irrevocabilmente ferito non
c’è dubbio, e tutti noi conosciamo il modo con cui ha scelto di
mostrarlo. La profondità della sua ferita è proporzionale alle
ferite che ha inflitto a centinaia di migliaia di innocenti. Il
dolore di Chirone esacerbato dalla feroce lotta per la
sopravvivenza di Plutone, suggerisce in questa carta la profonda
convinzione che solo con la morte di quelli che egli crede i suoi
persecutori, la sua sopravvivenza venga assicurata.
Fortunatamente non molti lettori di questo articolo condividono
la sua opinione: è facile disprezzarlo ed anche odiarlo, ma
possiamo essere più simili a lui di quel che crediamo – in molti
aspetti che reputiamo poco importanti ma che rivelano quanto sia
difficile affrontare le proprie ferite e accettarle, piuttosto
che gioire in segreto quando gli altri a cui ci sentiamo
superiori soffrono.

La lotta e la sintesi

Lo psicanalista Michael Balint ha scritto che in fondo ad ogni
malattia, fisica e psicologica, c’è una ferita – una lotta od un
conflitto interiore che sembra insormontabile e che può generare
amarezza e rabbia, e la perdita della volontà di vivere. In
questa definizione non c’è nessun riferimento ad una colpa
individuale, piuttosto l’indicazione del fatto che se il
conflitto è portato al livello conscio, è possibile modificare il
corso di malattie fisiche o psichiche, o perlomeno affrontarle in
un spirito più positivo.

Se Chirone in una carta agisce contro il Sole, o ha una enfasi
maggiore, il risultato può essere la depressione, un sentimento
di aver subito un danno od una ferita permanente. Si diviene
cinici – con le parole del Mefistofele di Goethe
“sono lo spirito della negazione”.
Ci si aspetta il fallimento, ed a causa delle proprie
aspettative è molto probabile che questo arrivi davvero;
ci si sente le vittime ed i capri espiatori altrui, o si può
proiettare questi sentimenti sugli altri facendone le nostre
vittime. Se non riusciamo a riconoscere il nostro senso di
amarezza e di dolore per le ferite ancora aperte, si può
diventare arroganti e crogiolarsi in un supposto superiore
livello spirituale, guardando dall’alto in basso quelli che sono
meno evoluti di noi. Possiamo divenire intolleranti, ed anche
crudeli, verso quelli che inavvertitamente ci ricordano che siamo
stati feriti. E cosi la ferita imputridisce nell’oscurità.

Ma l’immagine classica di Chirone che porta il Fanciullo Divino
sulla sua groppa ci dice che questi due simboli antitetici
possono lavorare insieme. Nel mito Chirone è l’iniziatore dei
fanciulli – colui a cui è affidata l’educazione del giovane
principe che una volta cresciuto diverrà il re. Questa è una
immagine piena di speranze per il ruolo che quelle ferite
inguaribili possono ricoprire nello sviluppo delle persone che
dobbiamo divenire. Possiamo trovare una qualità di serenità e
saggezza, che emerge dall’accettazione di ciò che non può essere
cambiato, oppure tenacia e coraggio, e perdere quel
sentimentalismo che rende molti idealisti incapaci di realizzare
i propri progetti. Potremmo perfino cogliere un lampo del più
vasto, profondo modello – la lenta, dolorosa evoluzione della
coscienza collettiva, del quale siamo una parte e di cui dobbiamo
di vivere le responsabilità. I disastri collettivi e gli errori
non sono “loro” errori – ma appartengono a tutti noi. Possiamo
disprezzare Milosevic, e giustamente, ma ogni volta che deridiamo
una minoranza sociale, etnica o religiosa, o nell’ombra cerchiamo
di rendere la vita più difficile a quelli che ci ricordano le
nostre imperfezioni, stiamo mostrando lo stesso carattere di
colui che vituperiamo tanto.Io stessa conosco tanti uomini
politicamente corretti, che dietro le porte chiuse della loro
casa, si trasformano in tanti Adolf e Slobo con i loro partners
ed i loro figli.

La melanconia di Chirone, riscaldata dalla luce del Sole, può
significare in un tema profondità di pensiero e di sentimento, e
lo stimolo a dare un contributo per il benessere degli altri.
Possiamo provare un differente tipo di compassione – non solo per
quelli che sono stati feriti nella stessa maniera in cui siamo
stati feriti noi, ma anche per quelli che hanno vissuto una
diversa esperienza, e che malgrado tutto meritano compassione
perché siamo tutti uomini. Se si è perso un occhio, è facile
avere compassione per quelli che hanno lo stesso handicap, ed
odiare quei fortunati che vedono perfettamente. Il Sole in
aspetto con Chirone può far nascere la generosità di spirito che
tutti gli esseri umani soffrono semplicemente perché sono mortali
e soli su questa terra, ed uno specifico tipo di ferita non è più
“speciale” o meritevole di compassione piuttosto che un’altra.
Quelli che più alzano la voce nell’elevare dichiarazioni di
solidarietà verso di albanesi kossovari possono essere gli stessi
che non hanno nessuna pietà per il loro vicino gay, ebreo o
pakistano o sono abituati a maltrattare il loro cane solo per
alleviare lo stress quotidiano. Il Sole che opera assieme a
Chirone elimina l’ipocrisia nascosta nel cuore degli uomini e può
attivare la voglia di vivere – intesa non solo come cieca forza
organica, ma piuttosto come la consapevolezza di un proprio scopo
personale combinata con l’empatia per la lenta e dolorosa
battaglia verso la luce che esiste in ogni essere umano.

Sole e Chirone in aspetto diretto
Coloro che hanno il Sole in aspetto diretto a Chirone sanno ad un
livello profondo come l’ingiustizia della vita possa danneggiare
lo spirito; e se sono capaci di raccogliere la sfida della
combinazione di questi due pianeti, possono dedicare la loro
considerevole energia e forza per fare del mondo un posto
migliore. Ci sono molte persone famose con questo aspetto che
possono fornirci un esempio: qualunque raccolta di dati può
servire allo scopo. Ma piuttosto che servirmi di questi esempi mi
piacerebbe fermarmi su due persone che conosco, entrambe mie
clienti che hanno nel loro tema una congiunzione Sole – Chirone a
rappresentare una ferita di cui essi soffrono. Uno di essi,
inoltre costituisce il tipo di soluzione creativa che l’aspetto
può offrire.

La prima è una donna con questa congiunzione in nona casa in
Capricorno, che ha sperimentato la sua ferita nella sfera
religiosa (come ci si poteva aspettare dall’interessamento della
nona casa), essendo nata in una famiglia di ebrei ortodossi di
cui molti membri sono stati uccisi durante l’Olocausto.Essa ha
ereditato una profonda amarezza e una sfiducia nelle persone e
nella vita, basata solo parzialmente sulle sue esperienze, ma
anche la percezione di essere una vittima di un mondo ostile.
Questa ferita è stata esacerbata anche dal sentimento di
inferiorità delle donne coltivato dalla religione ebraica,
evidenziato in alcuni tabù che riguardano il corpo. Queste
esperienze (vissute o meno in prima persona) dell’ingiustizia
della vita hanno creato in questa donna l’amarezza ed il veleno,
e l’apparente irremovibile convinzione che lei non valesse nulla.
Come conseguenza essa si puniva attraverso il mangiare
compulsivamente e impegnarsi in relazioni distruttive.
L’identificazione con la vittima sacrificale, l’oppressione di un feroce
persecutore interno, il senso dell’inadeguatezza del proprio
corpo, erano state le aree in cui ha lavorato con uno
psicoterapeuta per anni. Ha combattuto per molto tempo per
trovare una “cura” per il suo Chirone ferito, e sperimentare il
rispetto e l’amore per la propria persona rappresentato dal Sole.
Eppure attaccarsi alla propria esperienza di vittima può essere
un modo per sentirsi speciali. E’ il linguaggio di un Sole
segreto, non riconosciuto, inconscio – che se espresso in una
maniera luminosa – può fornire non solo la guarigione alle
proprie ferite, ma generare il riconoscimento della propria
cecità nel non comprendere l’importanza dell’alleviare le ferite
altrui per guarire anche le proprie. Questa donna ha percorso una
lunga strada, ma la sua innata freddezza, la sua perseveranza e
la sua mancanza di sentimentalità si sono trasformate non solo
nelle sue risorse più grandi per la guarigione, ma anche nei più
grandi doni che essa ha potuto offrire a coloro che soffrivano,
come lei stessa un tempo, di disordini alimentari.

Il secondo esempio è quella di uno scrittore fallito, un uomo che
per tutta la vita ha sognato di pubblicare delle storie, ma che
ogni volta “si è sparato ad un piede”scrivendo materiale
impubblicabile. Egli ha il Sole congiunto Chirone in Leone in
quinta casa. Il suo modo di scrivere è molto raffinato, e non ha
nessun blocco creativo, ma ogni volta che scrive qualcosa è
troppo lungo, troppo corto, troppo denso, troppo incomprensibile,
od i temi che sceglie non sono politicamente corretti od
offendono alcune minoranze di cui l’editore teme il giudizio.
Dietro questi fallimenti c’è l’auto sabotaggio, e dietro l’auto
sabotaggio c’è la convinzione di non valere abbastanza, di essere
sciocco ed inarticolato, che se stamperà qualcosa sarà criticato,
deriso e giudicato come privo di valore. A tutt’oggi non è stato
capace di utilizzare i suggerimenti che la lettura del suo tema
ha saputo dare e non ha pienamente compreso la natura della sua
ferita. Il fanciullo divino che vive dentro di lui è stato
ferito dall’ambiente sociale ed educativo della sua prima
infanzia che ha sentito la sua vivida immaginazione come
minacciosa, e la sua intensa concentrazione ed espressione di se
stesso come egoistica. Per quel che ne so, i suoi genitori non
sono particolarmente colpevoli; hanno fatto degli errori come ne
fanno tutti i genitori, e non sono peggiori di tanti altri. Ma
il sistema educativo in cui quest’uomo è stato inserito ha fatto
del suo meglio per trasformare il fanciullo divino in un automa
socialmente accettabile. Molte persone sperimentano questo tipo
di pressioni e di frustrazioni, ma quelle con la congiunzione
Sole – Chirone in Leone possono essere particolarmente sensibili,
e quindi più facilmente ferite dalla ristrettezza e dalla paura
dell’originalità che si riscontra nelle istituzioni educative,
che il più delle volte tendono a soffocare lo spirito creativo
che professano di voler incoraggiare. La vita, come Chirone sa
bene, può essere ingiusta.

Gli aspetti tra il Sole e Chirone non garantiscono una soluzione
su un piatto d’argento. Sono molti quelli che non riescono a
trovare una propria strada. Eppure anche se provocatori, questi
contatti planetari possono fornire una speciale capacità di
portare le proprie ferite a livello conscio, ed insegnare questa
consapevolezza agli altri. Sono gli aspetti disarmonici fra
questi due pianeti che aiutarono Jung (Sole in Leone quadrato a
Chirone in Ariete) a formulare una psicologia del collettivo e
Dane Rudhyar (Sole in Ariete opposto a Chirone in Bilancia) a
creare la sua astrologia centrata sulla persona, come strumento
per la comprensione e l’illuminazione, piuttosto che come mera
divinazione. Senza dubbio entrambi questi uomini hanno sofferto,
ed entrambi in qualche occasione hanno mostrato il lato
spiacevole di questo Centauro (certo io non avrei sposato
nessuno dei due!). Ma essi hanno imparato a trasformare le
proprie ferite in creatività, ed a partecipare del suo carisma
dell’insegnamento e della guarigione. Come ci sono arrivati? E
noi come possiamo scegliere di diventare un Milosevic in erba, o
invece il sentiero che favorisce la volontà di vivere?

Come siamo arrivati a qui?
La casa ed il segno nel quale si trova Chirone ci dicono dove e
come la vita ci ha ferito; questo è il posto, non importa quanto
sia necessario
scavare a fondo, dove si può scoprire che il
“peccato originale” è nel gap tra realtà ed ideale, e nella
constatazione dell’umana fragilità. Potremmo trovarci nella
condizione di farci strada faticosamente nella vita, ma se
riusciamo a non affondare nell’amarezza, che ci rende corrotti
nel corpo e nello spirito, potremmo trasformare la rabbia di
Chirone nella ricerca della comprensione di cosa si trova al di
la dell’identificazione con la vittima o con il persecutore.
Questa comprensione può richiedere una più ampia visione della
vita, l’essere addentrati lungo un cammino spirituale. Dovremmo
essere capaci di comprendere che non sempre i buoni arrivano su
un cavallo bianco mentre i cattivi su un cavallo nero, e che a
volte la gente buona può soffrire ingiustamente mentre i cattivi
vivono e muoiono nei loro letti, in condizioni agiate e sicuri
della loro condizione. Nella vita di tutti i giorni, Chirone e
Walt Disney non sono dei buoni compagni di letto.

Come arrivare a questa comprensione? Come si può imparare a
perdonare ed a tollerare in maniera genuina, senza che il
compiacimento derivante dal porgi l’altra guancia nasconda una
profonda rabbia inconscia? Chirone ha bisogno del Sole per questo
compito. Il Sole ha il potere di affermare la specialità della
persona, e questo solo può fornire l’antidoto al veleno della
autocommiserazione. La casa ed il segno in cui il Sole si trova
alla nascita riflettono quello che abbiamo bisogno di diventare,
se vogliamo sentirci realmente vivi. Se abbiamo il Sole in
Ariete in quinta casa e stiamo passando la vita dedicandola agli
altri ed autopunendoci, c’è qualcosa che non sta funzionando, e
questa slealtà verso le nostre parti più profonde, al Se, può
incoraggiar la rabbia di Chirone, piuttosto che la sua
comprensione. Se il Sole è in Sagittario, in prima casa e se ci
affanniamo a far finta che non desideriamo essere notati da
nessuno, allora qualcosa non sta funzionando come dovrebbe. Se
abbiamo il Sole in Toro in decima casa, e affermiamo che la
sicurezza materiale ed il riconoscimento sociale delle nostre
capacità non ci interessa, qualcosa non sta funzionando. Se
abbiamo il Sole in dodicesima casa in Cancro e facciamo finta che
non crediamo in nessuna dimensione spirituale, mistica ed
invisibile della vita, qualcosa non sta funzionando. Penso che la
domanda da porsi sia se il Sole stia brillando nelle nostre vite,
se siamo realmente noi stessi, se abbiamo paura di essere
lasciati soli e per questo stiamo facendo finta di essere quello
che non siamo. Alla stessa maniera abbiamo bisogno di affrontare
Chirone e domandare a noi stessi qual è la natura della nostra
ferita, come ci ha ferito la vita, e chi incolpare per il dolore
che sentiamo lancinante. Che cosa posso fare per compensare
questa ferita, negarla, indugiare in essa, proiettarla sugli
altri? In quale settore della vita mi sento vittima degli altri e
dove carnefice, e dove cerco di convincermi di non avere nessuna
ferita? Dove saboto la mia vita o mi autodistruggo a causa della
mia amarezza? Affinché il Sole e Chirone possano lavorare
assieme, abbiamo bisogno di prendere coscienza di entrambi. C’è
una alchimia profonda e misteriosa fra questi pianeti, che se
lavora per noi piuttosto che contro di noi, riesce a tirare fuori
tutta la nostra forza di vivere, non solo per noi, ma anche per
la collettività di cui facciamo parte. L’alienazione e la
sofferenza rappresentate da Chirone trattengono il Sole da
divenire arrogante ed insensibile; il calore e la gioia di vivere
del Sole allontana Chirone dalla disperazione. Come con tutti gli
altri fattori della carta natale, il livello d’evoluzione di
queste dimensioni della nostra anima dipendono da quanto siamo
consci della realtà che abita dentro di noi. Questa non è un
rimedio, una cura per vivere. La vita ci farà ancora del male, in
un modo o nell’altro, e le ferite di Chirone, anche se ci siamo
rappacificati con questo pianeta, inevitabilmente ci porteranno
via un po’ della nostra innocenza. La voglia di vivere non si
fonda sulla convinzione che la vita sia tutta rosa e fiori, che
tutto ciò di cui abbiamo bisogno è l’amore, e una madre – padre –
Dio ci ricompenserà se saremo buoni. La vita è costellata da
qualcosa di più reale ed è necessario il realismo quanto la
visione e la fede, se alla fine vogliamo sentire che abbiamo
utilizzato il grande dono della vita che ci è stato dato nel modo
migliore possibile.

Quando qualcuno ti irrita

gennaio 18, 2019 on 5:25 pm | In Corpo-Spirito, Donne, Emozioni, Evoluzione, Olistico, Pensieri, Spirito-Corpo
| No Comments

Andiamo direttamente al punto cruciale della questione.
Quando qualcuno ci irrita, è probabilmente perché:
1) Vediamo in lui una parte di noi stessi che non ci piace. Rifiutiamo di vedere quella qualità in noi stessi e quindi non desideriamo vederla nemmeno in un altro;
2) Il modo in cui ci maltratta rispecchia perfettamente il modo in cui maltrattiamo noi stessi al nostro interno;
3) Questa persona può ricordarci qualche problema con cui siamo ancora collegati: qualcuno con cui è rimasto un “sospeso” e una situazione non risolta, qualche “limitazione” con la quale non siamo riusciti a riconciliarci;
4) Non ci permette di distorcere la verità come facciamo di solito, con questa persona non riusciamo a “raccontarcela” e non si presta al nostro gioco, non sostiene le nostre illusioni preferite e non vuole ignorare ciò che è palese;
5) Ci mostra cosa possiamo diventare in futuro e come possiamo farlo, ma non ci sentiamo pronti per fare questo salto, quindi preferiamo denigrarla con la speranza di tirarla giù e riportarla al nostro livello.
Le persone e gli avvenimenti che generiamo nella nostra vita sono come uno specchio che ci mostra le parti più importanti della nostra opportunità evolutiva sulla terra. Specchio non vuol dire che tutti quelli che incontriamo sono uguali a noi, ma che le altre persone richiamano l’attenzione su qualcosa che si trova al nostro interno.
Molti di quelli che hanno sentito parlare della Legge dello Specchio intuiscono che potrebbe essere vero, ma dopo pochi tentativi smettono di utilizzarlo perché non riescono a cogliere i nessi che si presentano nella loro vita. A volte sembra funzionare, altre invece no.
Lo specchio non si limita a riflettere ciò che siamo precisamente, ma ci mostra molto di più. Grazie a ciò che accade fuori noi possiamo scorgere la Verità su alcuni nostri processi interni.
Quando attraiamo nella nostra vita una persona con cui abbiamo molte cose in comune ci sentiamo bene e capiamo subito perché ci siamo incontrati. Le affinità ci danno una sensazione di intimità, che a sua volta generano la Sicurezza, la Protezione e la Pace, cose a cui quasi tutti anelano. In questi momenti scopriamo come siamo, notiamo nell’altro qualcosa di simile a noi, per cui proviamo Amore e Simpatia. Trattandosi di qualità che ci appartengono, l’amore che proviamo non è solo per l’altro, ma anche per noi stessi. Ci amiamo attraverso l’altro.
Quando accade diversamente, qualunque sia la situazione che ci disturba, possiamo volgere a nostro vantaggio la circostanza e non sprecarla. Possiamo cercare di capire innanzitutto quale, tra i cinque motivi sopra elencati, è quello che più ci risuona nel fastidio che proviamo per l’altro. Iniziamo a cercare quale paura sepolta, o quale dolore nascosto, o quale rabbia repressa siano stati riattivati e portati in superficie grazie a questo incontro. Cerchiamo di non sprecare subito l’occasione guardando fuori e dando colpe all’esterno. Possiamo imparare a crescere grazie a questa situazione. Altrimenti la Vita deve prendersi la briga di ricreare nuovamente la stessa situazione, per un numero infinito di volte, finché alla fine non riusciamo a capire il messaggio.
Quando ci rendiamo conto che qualcuno ci sta facendo soffrire, iniziamo allora ad essere grati a quella persona in quanto sta fungendo da nostro insegnante. Essendo esattamente quello che è, ha pigiato un pulsante nel nostro subconscio attivandone il processo e la guarigione. Questo non vuol dire che dobbiamo perdonare, abbassarci e umiliarci davanti coloro che fanno quello che vogliono con noi, ma semplicemente restare Coscienti e Consapevoli di quello che stiamo creando, poiché lo stiamo facendo solo ai fini della nostra Evoluzione, e questo si chiama Amore. È chiaro che è un Amore in “bassa consapevolezza” poiché usiamo la sofferenza per generare un Risveglio e unaTrasformazione (quando saremo pronti a Evolvere nella Gioia, anche questo cambierà).
Rivestendo l’altro con un ruolo da “Maestro di dolore” nei nostri confronti, possiamo fare un passo in più verso la nostra Libertà. Dobbiamo capire che nessuno può ferirci veramente attraverso ciò che dice o ciò che fa. Noi siamo già pieni di ferite, provenienti dalla nostra fanciullezza, adolescenza e ancora oltre. Abbiamo numerosi lividi sulla pelle, talvolta invisibili e quindi inconsapevoli. Quando qualcuno passa e si avvicina, ci tocca o ci abbraccia, anche quell’Amore può far male. Ma il dolore che stiamo provando non viene da quell’Amore, piuttosto dalle ferite e dai lividi che ci portiamo dietro nelle nostre relazioni. L’altro è un Faro che ci indica dove dobbiamo portare la nostra coscienza per migliorare, per andare avanti, per essere ancora più liberi. Siamo sempre legittimati a lasciar andare qualcuno, soprattutto quando sentiamo che la soglia del dolore ha superato il tetto massimo.
La relazione con l’altro è un territorio molto delicato perché andiamo incontro alle persone riempiendoci di aspettative. Siamo incapaci di vivere uno stato di Libertà anticipata dall’altro. Niente può fare un’altra persona per noi se siamo ancora incapaci di generare una Felicità e una Gioia che prescindano da qualsiasi relazione. Chi non vuole capire questo passaggio sarà tutta la vita un mendicante d’Amore.
L’altro non ci darà la Felicità che stiamo aspettando da sempre, semplicemente perché la Felicità, per natura, nasce da dentro e non da fuori. L’altro non è il carnefice e il responsabile delle nostre sofferenze, perché esso sta solo risvegliando, con il suo atteggiamento, qualcosa che è già sepolto al nostro interno e che chiede di essere guarito.
I nostri traumi e le nostre sofferenze relazionali sono atavici, sono karmici, sono molto antichi. Abbiamo tanto da tirare fuori, non sprechiamo più le preziose occasioni spegnendo il fuoco della nostra consapevolezza e generando le dinamiche “Vittima e Carnefice”. Ognuno è carnefice e vittima di se stesso, è una legge universale.
Facciamo risplendere la Luce dell’Anima che siamo e integriamo, attraverso l’Amore, ogni parte di noi stessi che non ci piace nel nostro Cuore. Iniziamo poi a trasformare questa parte in nuova Consapevolezza. Lasciamo andare con Gioia chi ci ha permesso di fare questo salto Evolutivo, e facciamolo con gratitudine e con molto rispetto. Non esiste ricetta migliore di questa.

Andrea Zurlini
Fonte: http://www.crescitaspirituale.it/2015/03/quando-qualcuno-ci-irrita-vuol-dire-che/
 

Buone Feste 2018

dicembre 21, 2018 on 7:23 pm | In Affinita' d'anima, Amore, Cose carine, Emozioni, Evoluzione, Pensieri, Voglia di cambiare
| No Comments

Auguri di vero cuore a tutti e di pace, pace, pace…….nel mondo e nelle vostre case

Toro – Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali

maggio 18, 2018 on 9:58 am | In Amici, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Donne, Emozioni, Evoluzione, Mito e Psicologia dei Segni Zodiacali di Gabriella Leopizzi, Oroscopo, Pratica Astrologica, Segni zodiacali
| No Comments

di Gabriella Leopizzi 

Secondo nella Ruota Zodiacale, il Toro è Segno di Terra, Fisso, e va dal 20 aprile al 20 maggio, con i soliti due giorni di fluttuazione, all’inizio ed alla fine. I Segni Fissi e di Terra tendono ad impostare radici profonde sia con l’ambiente, sia con le persone. C’è quindi fedeltà e tendenza a mantenere lo status quo; cambiamenti e rinnovamenti sono guardati con diffidenza, se non con vera e propria ostilità. Il passato, le tradizioni, il rispetto per usi e costumi delle proprie genti sono vissuti come preziose eredità da difendere a tutti i costi. Esigenza di andare al fondo delle cose, fermezza, costanza e pazienza, per portare sempre a termine quanto iniziato, qualsiasi sia il prezzo da pagare per tener fede ai propri impegni. Oltre al Toro, sono Segni di Terra la Vergine (Terra inaridita dopo il raccolto), e Capricorno (Terra gelata dell’inverno, sotto la quale, però, si prepara a germogliare il seme nuovo).

La Terra del Toro, invece, è quella grassa e ricca di humus della primavera; Terra rigenerata dal dissolvimento organico dell’autunno e dal lungo sonno invernale. Nutriti da questa Terra, i germogli spuntati sotto il Segno Ariete diventano turgide foglie, fiori splendenti e succulenti frutti; le femmine, ingravidate dal maschio Ariete, partoriscono. Manifestazioni, tutte, che sottolineano come il nome Toro non simboleggia, sotto questo Segno, l’animale maschio, bensì la Vacca Sacra, feconda e fecondata. Toro è, insomma, il Principio Femminile, così come Ariete è il Principio Maschile. Il simbolismo di questo Segno è tra i più antichi, e si rifà al culto della Dea-Madre; Madre -Terra, che tutti nutre da vivi e tutti accoglie da morti. Culto presente in ogni Religione e che, nel Cattolicesimo, si è trasfigurato nella venerazione di Maria, Vergine e Madre.

Nella Mitologia egiziana il Segno Toro era simboleggiato da Osiride ed Iside; il bue Api, consacrato al Sole – Osiride, portava tra le corna la Mezzaluna – Iside. Anche nel Pantheon indù, Shiva sta a cavallo di un toro che porta una mezzaluna tra le corna. L’ideogramma del Segno () è formato, appunto, da un cerchio (Sole=Maschile) e da un semicerchio che lo sormonta (falce di Luna=Femminile).

Ai suoi primordi la creatura umana era impegnata, tal quale a tutti gli altri esseri viventi, ad affrontare la durissima lotta per la sopravvivenza; cercare il cibo, ripararsi dal freddo (o dal caldo) e dai mille pericoli dell’ambiente, assorbivano tutto il suo tempo e le sue energie: anche la sessualità era vissuta come fatto puramente biologico, di piacere immediato e di riproduzione della specie. Con il passare del tempo l’uomo si distacca dagli animali, si affina, si organizza, affronta le necessità materiali con sempre maggiore consapevolezza; ed il Segno Toro simboleggia, tra le altre cose, il passaggio dalla sopravvivenza per merito di caccia, pesca e bacche, all’elaborazione dell’agricoltura e dell’addomesticamento e allevamento del bestiame: non più dipendere dal caso, dalla fortuna, ma piegare la Natura ai propri voleri e bisogni.

Segno femminile, il Toro, si è detto; agli albori della civiltà, l’agricoltura e la cura del bestiame domestico era affidata proprio alle donne, mentre gli uomini continuavano caccia e pesca ed erano impegnati nella difesa del territorio. Il Segno Toro simboleggia anche l’inizio della proprietà privata ed il raggruppamento di individui in clan familiari, con tutti i membri dedicati ad una unica attività; i più furbi, intraprendenti ed in grado di contare sulla collaborazione di parecchi parenti, cominciarono ad accaparrarsi le terre più fertili, ad allevare e selezionare il bestiame. E fino all’affermarsi dell’era industriale, famiglie potenti erano quelle dei grandi latifondisti ed i proprietari di grandi mandrie. Il Segno Toro, di conseguenza, simboleggia principalmente il lato economico della Società.

L’evoluzione continua, il pensiero si affina ancora; l’uomo impara a pensare anche in termini astratti, a prestare ascolto ad altre esigenze che non siano quelle prettamente materiali. Ma questo salto di qualità porta al conflitto interiore che il tipo Ariete non conosce; conflitto tra il bisogno prepotente di assecondare al massimo i richiami (fortissimi) della carne e consapevolezza che questo può portare alla rovina fisica ed alla paralisi spirituale. A tale presa di coscienza, a tale lotta interna si riferiscono i due grandi Miti legati al Segno. Miti identici, pur nella loro diversità formale. Teseo ed il Minotauro, Mithra e la sua lotta con il Toro.

Minosse, Re di Creta, ha imprigionato nei sotterranei del palazzo, (costruiti a labirinto in modo che sia quasi impossibile uscirne), un Toro mostruoso e sanguinario che esige periodicamente un tributo di giovani da divorare: Teseo scosso dal terrore dei fanciulli destinati al sacrificio e dal dolore dei loro parenti, affronta ed uccide il Mostro. Riesce nella sua impresa con la protezione di Venere e con l’aiuto della figlia del Re Arianna la quale, innamorata di lui, gli offre un gomitolo magico che, dipanato durante il cammino, gli permetterà poi di ritrovare la via di uscita dal labirinto. Come molti eroi mitologici, una volta raggiunto il suo scopo Teseo abbandona Arianna; ma questa è un’altra storia.

Eroe greco Teseo, mentre Mithra ha origini orientali ed entra nel culto occidentale molto più tardi acquistando largo seguito soprattutto nel mondo romano; per Mithra, simbolo del Sole, l’imperatore Aureliano proclamò la Festa del Sole Invicto, il 25 dicembre, giorno poi dedicato al Natale. Non semplice sovrapposizione di una festa cristiana su una pagana ma simbolismi che si incontrano e si intrecciano; molti studiosi vedono nel culto del Dio Mithra, diffuso a Roma un po’ prima del Cristianesimo, quasi una anticipazione della figura del Cristo. Tornando al Mito, anche Mithra lotta con un terribile Toro e ne esce vittorioso.

Pianeta dominante del Segno è Venere simbolo (assieme alla Luna) del Femminile così come Marte (pianeta di Ariete), è simbolo del maschile: ma la Venere del Toro non è la dea adolescente che emerge dalla spuma del mare, bensì la Venere donna, dai vasti fianchi e dai seni abbondanti: la Grande Madre, appunto, fatta per generare, nutrire, accudire. A questo punto viene da chiedersi come mai si accomuni il Segno Toro alla femminilità, alla maternità, all’accudimento e, assieme, alla furia distruttrice del Minotauro o del toro di Mithra…Lo abbiamo accennato prima, ma piegheremo più avanti in dettaglio il perché.

Per il momento si sottolinea come basti una sola parola per descrivere la psicologia taurina: sensualità. Tutti i Segni di primavera estate, dall’Ariete al Leone,(Gemelli escluso), esaltati dal Sole che dopo il Solstizio di Primavera aumenta di giorno in giorno luce e calore, sono fortemente fisici, carnali, ricettivi al massimo alle stimolazioni materiali. Sensuali, appunto! E per sensualità non si intende soltanto sesso ma la capacità di godere appieno delle gioie dei sensi, dal buon cibo, al poltrire al fresco su un’amaca, al perdersi dentro la bellezza di un panorama, al profumo delle piante, o nel calore avvolgente di una amicizia; oppure nello stordimento di un amore. Ecco, il Toro vive tutto questo alla intensità massima.

Sin da piccolo il tipo Toro (così come quello Cancro), dimostra attaccamento grandissimo alla madre, alla casa, alla famiglia; attaccamento che, se non trova validi motivi di emancipazione, può cristallizzarsi, con gravi disturbi della personalità in età matura: non dimentichiamo che fu il Toro Freud a parlare per primo di Complesso di Edipo! Più o meno emancipato, il tipo Toro, maschio o femmina che sia tende, come già detto, al calore umano, alla disponibilità, al proteggere, al nutrire, ad assumersi carichi più o meno pesanti per alleviare la vita di coloro che ama; i bambini, i cuccioli di qualsiasi specie e tutti coloro che per qualsiasi motivo sono in condizione di debolezza, di inferiorità, toccano le sue corde più sensibili.

I suoi doni non sono però disinteressati; estremamente possessivo e geloso, un Toro tende sempre a comportarsi come figlio unico, e cerca di assorbire tutte le attenzioni delle persone cui vuol bene; gli affetti familiari lo gratificano tanto che il Toro (ancora come il Cancro), non sente molto il bisogno di contatti con l’esterno. Sarà quindi il bimbo preso dalla disperazione se lasciato all’asilo, l’adolescente che alle allegre brigate preferisce la sua stanza dove si rintana volentieri ad ascoltare musica, leggere, dipingere o far tante altre cose che la sua mente molto fertile gli suggerisce; mente fertile ma non sempre agile: la pigrizia, (uno dei maggiori difetti taurini), limita la prontezza di riflessi, la capacità di prendere occasioni al volo: il conservatorismo lo frena nel tentare strade nuove, e se nel Quadro non vi sono stimoli forti di fantasia o di curiosità (pianeti in Segni di Acqua o di Aria, o peso notevole del Segno. Acquario, del Pianeta Urano in particolar modo), oltre che un conformismo paralizzante, egli rischia una certa opacità mentale.

Alta è la manualità ed è facile trovare Tori abilissimi nel bricolage o nella manutenzione della casa, del giardino, dell’orto. Adulti, la donna Toro sta volentierissimo a casa e non disdegna affatto i lavori domestici, dando il meglio di sé nella cura dei figli ed in cucina; l’uomo Toro, da parte sua, essendo tra i meno maschilisti dello Zodiaco, se ve ne è bisogno si sostituisce con molta naturalezza alla donna in tutte le faccende di casa e nella cura dei figli; in ogni uomo Toro c’è molto spesso un “mammo”, assai apprezzato dalla prole.

Se un Toro raramente cerca gli altri, al di fuori dei familiari, viene spesso cercato perché, con il suo fare pacato, disponibile e generoso ispira sicurezza e fiducia; ma la sua disponibilità sul piano materiale, non sempre si accompagna, come prima accennato, a finezza psicologica. Disponibilissimo a capire ed aiutare chi cerca un tetto, un lavoro, un piatto di minestra, il tipo Toro non sempre riesce a comprendere le sofferenze morali di chi gli vive o gli passa accanto. Il suo carattere placido, in grande armonia con il ritmo della natura, la sua visione positiva della vita, faticano ad entrare in sintonia con contorsioni o macerazioni mentali; ma anche quando non ne comprende (o condivide) i motivi, un Toro fa del tutto per essere comunque vicino a chi soffre. In cambio vorrebbe la stessa disponibilità e lealtà e rimane molto ferito se si sente tradito o strumentalizzato: come già detto, le sue amicizie sono pochissime, selezionate e sempre le stesse, magari dall’asilo fino ai 90 anni! Più apertura all’esterno se nel Tema Natale di un Toro vi è peso forte di pianeti in Segni di Aria (Gemelli, Bilancia o Acquario).

Poco portato alle amicizie, il tipo Toro è invece molto attratto dalle Istituzioni, quali la Chiesa, le Forze dell’Ordine, la Legge, ecc: verso tutto quanto, insomma, è baluardo di una Società forte, stabile, duratura. Il suo mondo ideale è infatti quello di ogni giorno identico al precedente, in un rassicurante tran tran; niente può gettare un Toro in crisi di ansia o di vero e proprio panico, come le novità, i cambiamenti, le decisioni improvvise: anche per tale motivo, a meno che non abbia forti valori Gemelli-Sagittario nel proprio Tema, il Toro non ama viaggiare. L’attaccamento alle Istituzioni può esasperare le tendenze conservatrici tipiche del Segno e portare certi Toro ad atteggiamenti fortemente reazionari sia di destra (Hitler), che di sinistra (Marx); o spingerli ad una fanatica osservanza di precetti religiosi. La rigidità taurina diventa facilmente ostinazione che niente e nessuno, nemmeno la più lampante evidenza, riescono a smuovere (ancora Hitler, negli ultimi mesi di guerra).

Il temperamento placido, la mancanza di prontezza di riflessi per controbattere o reagire, il bisogno di armonia attorno a sé, fanno del tipo Toro (assieme a quello Bilancia), uno dei più pacifici ed accondiscendenti dell’intero Zodiaco; ma mentre il Bilancia è un freddo che mai si accende più di tanto, il Toro è sanguigno, passionale ed ingoia molti rospi, in silenzio, ma soffrendo, pur di non creare conflittualità: ingoia ingoia, quando la misura è colma egli straripa, magari nel modo e nel momento meno opportuni. Tanto più è stata repressa, con altrettanta violenza la rabbia del Toro esplode cieca, furibonda, a tratti devastante, proprio come quella dell’animale infuriato. Ed ecco la simbologia del Mito: un Toro che perde il controllo può diventare distruttivo al massimo! Tanto per fare un esempio, estremo ma significativo, Toro era Rina Fort, protagonista di uno dei più spaventosi casi di cronaca nera dell’immediato ultimo dopoguerra; abbandonata dall’amante che la aveva a lungo ingannata e sfruttata, la Fort gli massacrò a sprangate la moglie ed i tre piccolissimi figli. Lasciando da parte questi orrori e tornando ai Toro normali, una volta ristabilita la calma, si può contare su un altro lungo periodo tranquillo, anche perché di solito un Toro non serba rancore, non cerca vendette.

Si diceva all’inizio della sensualità elevata al grado massimo nei Toro; sensualità come capacità di godere fino al limite estremo di tutti i piaceri della vita, sesso compreso: accanto allo Scorpione, dirimpettaio e speculare, il Toro è, nella Ruota dello Zodiaco, il Segno più sensibile e vulnerabile ai piaceri della carne. Ma tanto lo Scorpione è cerebrale, contorto, alla continua ricerca di stimoli sempre nuovi e sempre più elaborati per accendere i sensi, altrettanto il Toro è semplice, solare, lineare; la carne chiama in maniera così chiara e forte che non c’è bisogno di stimoli supplettivi. Gli si può rimproverare proprio la mancanza di fantasia anche se, in campo sesso, egli è molto più elaborato e “poetico” dello sbrigativo Ariete. Segno materno, avvolgente, non è raro che i Tori arricchiscano il semplice e puro atto sessuale, con tanta tenerezza, tanto avvolgente calore umano.

E si riprende il discorso del Minotauro e del Toro di Mithra che come già detto sembrano, a prima vista, così poco consoni ad un Segno placido, mite, pacifico quale è il Toro; ma si diceva delle rabbie taurine, che possono essere devastanti, estremamente distruttive: tutti i Tori avvertono, più o meno coscientemente, la potenza della loro libido, ed il pericolo che, una volta allentati i freni, essa non sia più governabile, controllabile. Oltre alla paura di perdere il controllo, c’è in ogni Toro, in maniera più o meno cosciente a seconda dell’intelligenza e dell’evoluzione interiore, il conflitto tra un materialismo logico, ateo, (il suo essere Segno di Terra), ed una idealismo misticheggiante che ha origine nella sensibilità estrema degli appartenenti al Segno, alla bellezza ed all’armonia della Natura, alla loro eccezionale sensibilità ai suoni, ai colori ed agli odori che essa offre a chi sa comprendere (Venere dominante, Dea della Bellezza e dell’Armonia).

Può sembrare incredibile vedendo il tipo Toro dall’esterno, quasi sempre immerso nel quotidiano, nel prosaico; eppure in ogni Toro evoluto sorge ad un certo punto il dilemma se è da prendere in considerazione la materia così come appare, o valga la pena di andare “oltre”, verso “Qualcosa” che tanta bellezza ed armonia sembra suggerire esistere, al di là delle apparenze. A seconda del grado di sensibilità, di intelligenza, di cultura, di educazione, i Tori si dividono in due categorie; quelli che da tale conflitto non sono affatto sfiorati e si abbandonano totalmente al materiale (gli autoindulgenti), e quelli che il conflitto stesso lo vivono in tutta la sua drammaticità (gli autorepressi).

Autoindulgente sarà il tipo Toro con troppi pianeti in Segni di Acqua o Fuoco e con un forte peso del pianeta Giove; per lui gli stimoli materiali, sessuali ma anche di gola, di attaccamento alle comodità, ai piaceri materiali, al denaro, saranno talmente forti da travolgerlo. Ingordigia in tutti sensi, fino all’autodistruzione fisica e, spesso, anche morale, a volte mentale. In questo caso il toro travolge e spesso uccide sia Teseo che Mithra. Il Tipo Toro autorepresso (brutta parola per indicare la capacità di autodominio) si riconosce invece dalla presenza di molti pianeti in Segni di Terra o di Aria e da un Saturno molto forte; in questi casi, assai più spiccata è l’intelligenza, assai più acuta la percezione di non dover oltrepassare certi limiti, se non si vuole essere travolti e distrutti: la forza, la potenza di passioni ed istinti vengono allora imbrigliati, convogliati verso attività a volte altamente creative o, se la repressione è troppo forte, in distruttive nevrosi.

Il Toro autoindulgente è stato spesso un bimbo troppo viziato o troppo abbandonato a sé stesso; quello autorepresso ha avuto o una educazione equilibrata o, nei casi estremi, educazione rigida, castrante, colpevolizzante. Tra gli autorepressi è più facile trovare le donne, per tradizione le più controllate, penalizzate, criticate in campo sociale. Se la repressione è troppo violenta, si è già accennato, i Tori possono essere quasi spersonalizzati, avvolti in una specie di anoressia mentale e sentimentale; oppure diventare duri, spietati, egoisti ed intolleranti, estremamente conservatori, maniacalmente routinari e spesso attaccati al denaro in maniera ossessiva.

E’ sempre per tale conflitto, quando è vissuto in maniera costruttiva, che molti sono gli artisti (in special modo musicisti, cantanti e pittori), appartenenti a questo Segno; ma anche quando non vi sono potenzialità artistiche, il lavoro o lo studio sono ottime valvole di sfogo. Spesso la distinzione tra Tori autoindulgenti ed autorepressi si manifesta anche sul piano fisico; si ha così il Toro classico, tarchiato e in carne (o decisamente obeso), dal tipico collo grosso e corto, taurino, appunto, (autoindulgente), ed il Toro alto e snello, a volte filiforme, un po’ emaciato (autorepresso): ovviamente tra questi due casi limite esiste un vasto gruppo di tipi intermedi, misti, un po’ autoindulgenti ed un po’ autorepressi.

Gli affetti familiari, si diceva all’inizio, sono al primo posto nei valori di un Toro; abituato a costruire sulla roccia, con bisogno estremo di stabilità, sicurezza, portato a cercare cose che devono durare “per sempre”, è difficile trovare in amore un Toro “farfallone”; maschio o femmina che sia, egli tende subito a cercare la persona giusta per metter su famiglia. Naturalmente timido, riservato e cauto, è poco incline ai colpi di fulmine, a meno di forti controindicazioni nel suo Tema; il suo amore si sviluppa quindi lentamente, in mezzo a mille verifiche (tra le quali, spesso, non manca quella della situazione economica del probabile partner) e mille cautele. La riuscita o meno di una unione sentimentale per un Toro, maschio o femmina che sia, dipende da quanto egli abbia superato il rapporto con la madre; soprattutto il Toro maschio ha bisogno di diverse relazioni (tutte prese molto sul serio), prima che tale legame si allenti ed il soggetto maturi emotivamente: accade a volte che, sempre il Toro maschio, si sposi proprio con lo scopo (quasi sempre inconscio), di ristabilire un rapporto con la madre per qualsiasi motivo interrotto prima di evolversi; ma in tali casi il legame è destinato a fallire, se e quando il complesso di Edipo viene superato.

Comunque vadano le cose, una volta approvato dalla ragione, l’amore può diventare tenacissimo, in special modo se il Toro è del tipo autorepresso e quindi abituato all’autodisciplina dei sentimenti. Il tipo autoindulgente può abbandonarsi a mille passioni o a rapporti prettamente carnali ma raramente rinuncerà ad un legame particolare (per amore o per interesse) con il quale metter su famiglia: l’innamoramento è uno dei casi in cui il tipo Toro “fissato”, quasi ipnotizzato dall’oggetto della propria passione, può perdere il controllo dei sentimenti. Quando il rogo iniziale si attenua, rimane quasi sempre un sentimento di possessività assoluta, di gelosia spesso irrazionale: se non è del tipo autoindulgente, il Toro quasi sempre è fedelissimo e anche se il matrimonio si rivela un fallimento tende a sopportare oltre ogni logica pur di non separarsi; se a separarsi è costretto, le ferite nel suo animo sono devastanti, in particolar modo se vi sono figli.

Procreare è vissuto dai Toro quasi come una missione ed una grande fattoria piena di bambini, oltre che di animali, di piante da coltivare, rimane il suo sogno più grande; la casa ideale del Toro è infatti rustica, comoda, funzionale, preferibilmente in mezzo alla natura o, almeno, con un giardino; stanza principale la cucina, con un grande tavolo attorno al quale riunire il più spesso possibile una grande famiglia patriarcale e i pochi cari amici. Sacre le Feste tradizionali, Natale e Pasqua in testa, con rigorosa osservanza di tutte le tradizioni che ad esse si legano. Oltre che mangiare ai Tori maschi e femmine piace molto cucinare ed è facile trovare tra gli appartenenti al Segno degli ottimi cuochi. Nella casa di un Toro si trova sempre qualcosa di buono da mettere a tavola per improvvisare uno spuntino, un pranzo, una cena; il suo frigorifero sarà sempre fornitissimo non di cose sofisticate ma di buoni, vecchi cibi genuini. Ovviamente tale atteggiamento verso il cibo, il “nutrire” è via via sempre più sviluppato tanto più si attraversa tutta la gamma tra i Toro autrepressi e quelli autoindulgenti. Al Segno Toro, non a caso, è associata l’oralità: e molti appartenenti al Segno, o con forte peso del Segno stesso nel proprio Tema, hanno bellissime bocche carnose.

Della donne Toro si è in parte detto; si può qui aggiungere che esse nascono (così come le Cancro), per fare le mogli e le madri e molto spesso hanno fisico matronale. Se una Toro lavora (a meno che non sia una artista), più che per amore della carriera lo fa o perché è obbligata per sopravvivere o per aumentare il benessere della famiglia. Ma, potendo scegliere, quasi sempre essa, più che impegnarsi in una carriera, cercherà di legarsi ad un compagno che dia sicurezza materiale e morale tali da permetterle di dedicarsi tutta a lui, ai loro figli ed alla casa. L’uomo Toro (a meno di forti controindicazioni del Tema), non cercherà certo la donna emancipata e carrierista ma una compagna materna, rassicurante, accogliente; così come per i Cancro insomma, anche per i Toro vi è sempre il più o meno inconscio desiderio di ristabilire con la propria donna il mai veramente risolto legame con la madre.

Maschi e femmine, i Tori sono di solito ottimi genitori, capaci di affrontare qualsiasi sacrificio per il benessere dei figli; sanno anche essere teneri, affettuosi, incrollabile punto di appoggio per ogni crisi, per ogni sperdimento. Possono però eccedere in protettività, dare educazione troppo tradizionalista, interessarsi soprattutto del benessere materiale dei figli, ignorando o sottovalutando necessità interiori. Rischio di attaccamento morboso, fino alla vera e propria gelosia, verso i figli che, più o meno inconsciamente, tentano di tener legati a sé il più a lungo possibile.

Scarsissimo il senso dell’ eleganza; quel che interessa di più a un Toro, maschio o femmina, è la comodità; se potesse andrebbe in giro soltanto con tute e scarpe da ginnastica. Negli uomini, predilezione per il velluto a coste, per le camice a quadrettoni, per tutto quanto faceva parte dell’abbigliamento del vecchio gentiluomo di campagna. Sul piano psicologico, nullo il senso dell’umorismo, a meno di fortissimi valori Gemelli nel Tema.

Naturalmente, preferenza per i lavori calmi, tranquilli, che non richiedano troppi cambiamenti o spostamenti; poiché non è competitivo, non è irrequieto, né esibizionista, un Toro va benissimo per tutti i lavori di equipe e per quelli impiegatizi; per molti di loro anno dopo anno dietro lo stesso tavolino, con accanto gli stessi colleghi, è il massimo dell’appagamento e non è quindi raro trovare appartenenti al Segno nella burocrazia. Per la loro creatività possono diventare degli ottimi artigiani, falegnami in particolare, visto che il legno li attrae moltissimo. Molti Toro, si è già detto, nel mondo dell’Arte, della musica in particolare; dagli orchestrali, ai coristi, ai grandi solisti, direttori d’orchestra ecc. ecc. Molti i Tori pittori, dilettanti e professionisti, ed i Toro fotografi o comunque appassionati al mondo delle immagini, dal cinema alla Tv e similari.

L’amore per gli animali può portarli verso l’allevamento, la veterinaria e via di seguito; l’altrettanto forte passione per la natura, verso il giardinaggio, la agricoltura e qualsiasi altra attività richieda vita all’aria aperta. Adattissimi ai Toro anche tutti i lavori che riguardano i bambini e, spesso, anche la cura degli anziani. Ovviamente abbondano i Tori in campo ristorazione! La ricerca di stabilità fa amare ai Tori il mattone ed anche in campo edilizio, dal muratore, al decoratore, al mobiliere, al costruttore, è facile trovare Toro.

La tendenza a dare, a rendersi utili, può farne degli ottimi operatori nel campo sanitario, dal medico, all’infermiere, al fisioterapista… Molti gli economisti, gli addetti alla Borsa e a tutto quanto riguarda il mondo dei soldi. Se nel Tema di nascita al Toro si trovano associati pianeti in Segni fortemente ambiziosi, tipo Leone o Capricorno, sorgono forti conflitti interiori tra la pigrizia taurina e la vocazione ad emergere del lato ambizioso; conflitti che spesso sono la base di carriere folgoranti perché l’ambizione è sostenuta dalla tenacia e dall’impressionante resistenza alla fatica del lato Toro costretto, malgrado tutto, a muoversi in fretta e bene, per rendere il massimo possibile; in tali casi però, tutto viene pagato con un surplus di ansia del lato Toro obbligato a vincere pigrizia e tendenza all’immobilismo. Se è datore di lavoro, un Toro può essere estremamente esigente con i dipendenti e se le cose non vanno come lui pretende può diventare intollerante, a tratti spietato, tirannico; raramente ammette discussioni e giustificazioni. Oppure tenderà ad essere paternalista, ad immedesimarsi nel ruolo di pater familiae anche con i suoi sottoposti.

Tornando alle caratteristiche del Segno, l’oculatezza con la quale un Toro amministra il denaro gli ha dato la fama di avaro; tale nomea è in parte vera, molti Arpagone hanno forti valori Toro nel proprio Tema. Nella maggioranza dei casi però, il rapporto del Toro con il denaro non è di tendenza all’accumulo ma di preoccupazione per il futuro. Poiché, si è detto, l’aspirazione maggiore degli appartenenti al Segno è la comodità, la soddisfazione dei propri bisogni materiali, la paura di dover fare a meno di tutto questo per mancanza di soldi li terrorizza; come li terrorizza l’idea che siano i propri cari a trovarsi in stato di necessità. Toro non avaro, quindi, ma risparmiatore, formichina che pensa alle provviste per l’inverno. Bando alle spese inutili, al superfluo, ma in una casa Toro mai mancherà il necessario.

L’immobilismo del Segno impedisce qualsiasi speculazione in campo economico; un Toro mai giocherà in borsa o cercherà di far fruttare i propri risparmi in maniera meno che ortodossa. Investimento preferito, il mattone: è quindi abbastanza frequente trovare Tori con diverse proprietà immobiliari. Se si è Toro o si hanno pianeti importanti nel Segno, ben appoggiati essi indicano sicurezza economica, mal messi avvertono invece di fare attenzione in tale settore; in questo ultimo caso si dovranno infatti affrontare, nel corso della vita, ricorrenti prove sul piano economico; per quale motivo, lo dirà l’insieme del Tema personale.

Sul piano Salute il Toro, assieme al Capricorno, e il Segno più longevo e il meno esposto alle malattie; sul piano fisico, come l’Ariete simboleggia le ossa del cranio, il Toro rappresenta tutte le parti molli contenute nella scatola cranica e dintorni; cervello, occhi, bocca, gola. Saranno quindi questi gli organi più esposti ad eventuali malattie od incidenti. Ma, si è detto, la sua forte fibra e la tendenza verso le cose naturali, genuine, il suo amore per la vita all’aria aperta, rendono il Toro molto resistente: il discorso non vale, ovvio, per i Tori troppo autoindulgenti e che quindi eccedono nella ricerca di piaceri.

Astromamme

maggio 15, 2018 on 5:29 am | In Amore, Astrologia, Cose carine, Donne, Emozioni, Evoluzione, Miei Articoli, Pensieri
| No Comments

di Emanuela Badiali

Qual è la mamma migliore dello Zodiaco??? Sicuramente essere genitori è il mestiere più difficile ed ognuna segue il suo istinto, ma anche le sue paure e le sue insicurezze. Ma la mamma migliore è quella che rispetta il proprio figlio, che sa che è un bambino, ma anche una persona. La mamma migliore è quella che cerca di capire cosa desidera il suo bambino, in cosa è portato, e che lo accompagna ricordandosi sempre che lui è il suo, ma non è uguale a lei. La mamma migliore è calore e protezione prima, ma poi sa lasciare andare la sua creatura. La mamma migliore è sempre pronta ad ascoltare ed è sempre un punto di riferimento, ma rispetta il carattere del bambino. E ha le qualità migliori del femminile: intuito, dolcezza, sensibilità e quella grande forza d’animo che solo le mamme hanno.

Abbiate pazienza con i vostri figli di Fuoco: Ariete, Leone e Sagittario sono i più energetici delle Zodiaco e disposti a tutto per farsi notare. Siate sempre ferme e allo stesso tempo dolci con loro, che sono dei generosi, naturalmente disposti a contraccambiare per affetto, ma che hanno bisogno di un po’ di disciplina.

Continua a leggere Astromamme…

Gli empatici: il loro lato oscuro

maggio 2, 2018 on 8:13 am | In Affinita' d'anima, Amore, Astri, Astrologia, Astropsicologia, Buono a sapersi, Consulto, Donne, Emozioni, Evoluzione, Oroscopo, Segni zodiacali, Voglia di cambiare
| No Comments

Gli empatici sono in genere conosciuti come i guaritori del mondo. Sono le persone i cui sensi sono intensificati e amplificati, sono degli individui che non solo vedono e sentono le diverse energie del mondo, ma che in realtà le sperimentano su loro stessi.
Coloro che non sono empatici potrebbero pensare che questa capacità di sentire ciò che gli altri provano sia un dono, ma se si riesce a convincere un empatico a parlarci del ‘suo dono’, potrebbe confidarci che non è sempre un cielo stellato. Anche se è consapevole di avere una qualità importante, egli potrebbe confessarti che è un peso, molte volte quasi insostenibile.
Molte persone si affidano a loro per avere supporto e comprensione. Gli empatici conquistano quasi sempre la fiducia degli altri, perché fanno sì che le persone si sentano al sicuro. E mentre l’empatico è in grado di gestire le emozioni degli altri, allo stesso tempo le sperimenta su di sè e tutto questo, puo’ portare a stress e crolli emotivi.
Il lato oscuro di un essere empatico si presenta sotto forma di due voci contrastanti, che gli parlano quasi costantemente all’interno della sua testa. Esso puo’ costantemente sentire sia il bene che il male, il negativo e il positivo, al punto di esserne sopraffatto, nel caso in cui non sia in equilibrio e ben schermato da cio’ che attira.
Gli empatici sono più sensibili alle energie negative della vita. La loro intensa capacità di sentire non può allontanarsi dai mali profondi che esistono nel mondo. La loro profonda comprensione di quello che esiste e opera nel mondo è sufficiente per confonderli e rattristarli. Per questo molto spesso,tendono ad essere malinconici, l’eozione che li domina, infatti è la tristezza.
Il lato oscuro di essere un empatico è costantemente esausto e affaticato dalle energie che vengono assorbite. Nonostante questo è capace di osservare in silenzio, riconoscere e sentire.
Gli empatici vogliono essere amati così come tutte le altre persone, ed accettati per quello che sono. Ma, è la loro generosità e gentilezza che spesso li vede essere sfruttati da parte di coloro che vogliono solo prendere e mai dare. Gli empatici sono ‘donatori’ e ricettori, loro sono pronti a mostrare gentilezza a chi ne ha più bisogno in ogni momento.
Il lato oscuro di essere un empatico è che spesso si mette in secondo piano per il bene degli altri. Un abbandono che costruisce nel corso degli anni, fino ad arrivare alla conseguente necessità di andare alla ricerca della propria anima, ancora una volta, un bisogno che sentiamo solo quando ci sentiamo completamente persi.
È per questo che tiene sempre una piccola parte di sè stesso a riparo dal resto del mondo. Mantendo una sorta di barriera difensiva per necessità.
Il lato oscuro di essere un empatico è la guerra che vive da sempre dentro di sè. La guerra che intraprende contro la tristezza e il buio, che cerca sempre di sollevare la sua ripugnante testa per portarlo all’auto-distruzione.
L’unico modo per combattere tutto questo e saper distinguere tra emozioni autentiche ed energie emotive false, che lo invadono dall’esterno. Gli empatici hanno bisogno di persone che possano comprendere chi sono e cosa vivono.
Essi devono essere in grado di abbassare il muro che hanno costruito intorno a loro, ed imparare ad esprimere i sentimenti che provano, in modo che la loro dote possa fare del bene anche nella loro vita.
In caso contrario, gli empatici sono destinati a combattere una guerra dentro loro stessi, che non finirà mai.

Fonte: http://it.anahera.news/empatia-oscurita/

Ovvio che una qualita’ che un buona astrologa/o deve avere è l’empatia proprio perchè il nostro lavoro è molto molto delicato, ha a che fare con le sofferenze delle persone.

Ti voglio bene

aprile 27, 2018 on 6:55 am | In Amici, Amore, Cose carine, Donne, Emozioni, Evoluzione, Poesia
| No Comments
ARMADOU LAMINE SALL
poeta senegalese

Non so di quale paese tu sia
né qual è il nome che porti con orgoglio
non so di quale terra lontana tu sia figlio
di quale ospitalità tu abbia goduto
non so di quale madre né di quale padre
vorresti tanto abbracciare il volto
non so di quale sogno sei l’eterno guardiano
di quale solitudine tu sia l’ostaggio
non so di quale orizzonte i tuoi sguardi delineino dei cammini
nè di quale amore tu soffra l’abbandono
non so per quale donna per quale uomo
il tuo cuore intrecci tanti soli
non so di quale ricordo tu sia il prigioniero
di quale prigione tu sia l’abitante
non so di quale destino tu sia il portatore
nè di quale futuro tu sia il morto
non so per quale cielo
per quale Dio
non so per quale Principe
per quale Libertà
non so per quale Amore
tu sia Colomba ed Aquila di fuoco
resta il fatto che ti vorrei dire
TI VOGLIO BENE

Pagina successiva »


Entries and comments feedsfeed Valid XHTML and CSS. ^Top^
38 queries. 0,648 seconds.
Made with ♥ by Alessio
Alessio Filipponio on Linkedin

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Chiudi