Quando qualcuno ti irrita

gennaio 18, 2019 on 5:25 pm | In Corpo-Spirito, Donne, Emozioni, Evoluzione, Olistico, Pensieri, Spirito-Corpo
| No Comments

Andiamo direttamente al punto cruciale della questione.
Quando qualcuno ci irrita, è probabilmente perché:
1) Vediamo in lui una parte di noi stessi che non ci piace. Rifiutiamo di vedere quella qualità in noi stessi e quindi non desideriamo vederla nemmeno in un altro;
2) Il modo in cui ci maltratta rispecchia perfettamente il modo in cui maltrattiamo noi stessi al nostro interno;
3) Questa persona può ricordarci qualche problema con cui siamo ancora collegati: qualcuno con cui è rimasto un “sospeso” e una situazione non risolta, qualche “limitazione” con la quale non siamo riusciti a riconciliarci;
4) Non ci permette di distorcere la verità come facciamo di solito, con questa persona non riusciamo a “raccontarcela” e non si presta al nostro gioco, non sostiene le nostre illusioni preferite e non vuole ignorare ciò che è palese;
5) Ci mostra cosa possiamo diventare in futuro e come possiamo farlo, ma non ci sentiamo pronti per fare questo salto, quindi preferiamo denigrarla con la speranza di tirarla giù e riportarla al nostro livello.
Le persone e gli avvenimenti che generiamo nella nostra vita sono come uno specchio che ci mostra le parti più importanti della nostra opportunità evolutiva sulla terra. Specchio non vuol dire che tutti quelli che incontriamo sono uguali a noi, ma che le altre persone richiamano l’attenzione su qualcosa che si trova al nostro interno.
Molti di quelli che hanno sentito parlare della Legge dello Specchio intuiscono che potrebbe essere vero, ma dopo pochi tentativi smettono di utilizzarlo perché non riescono a cogliere i nessi che si presentano nella loro vita. A volte sembra funzionare, altre invece no.
Lo specchio non si limita a riflettere ciò che siamo precisamente, ma ci mostra molto di più. Grazie a ciò che accade fuori noi possiamo scorgere la Verità su alcuni nostri processi interni.
Quando attraiamo nella nostra vita una persona con cui abbiamo molte cose in comune ci sentiamo bene e capiamo subito perché ci siamo incontrati. Le affinità ci danno una sensazione di intimità, che a sua volta generano la Sicurezza, la Protezione e la Pace, cose a cui quasi tutti anelano. In questi momenti scopriamo come siamo, notiamo nell’altro qualcosa di simile a noi, per cui proviamo Amore e Simpatia. Trattandosi di qualità che ci appartengono, l’amore che proviamo non è solo per l’altro, ma anche per noi stessi. Ci amiamo attraverso l’altro.
Quando accade diversamente, qualunque sia la situazione che ci disturba, possiamo volgere a nostro vantaggio la circostanza e non sprecarla. Possiamo cercare di capire innanzitutto quale, tra i cinque motivi sopra elencati, è quello che più ci risuona nel fastidio che proviamo per l’altro. Iniziamo a cercare quale paura sepolta, o quale dolore nascosto, o quale rabbia repressa siano stati riattivati e portati in superficie grazie a questo incontro. Cerchiamo di non sprecare subito l’occasione guardando fuori e dando colpe all’esterno. Possiamo imparare a crescere grazie a questa situazione. Altrimenti la Vita deve prendersi la briga di ricreare nuovamente la stessa situazione, per un numero infinito di volte, finché alla fine non riusciamo a capire il messaggio.
Quando ci rendiamo conto che qualcuno ci sta facendo soffrire, iniziamo allora ad essere grati a quella persona in quanto sta fungendo da nostro insegnante. Essendo esattamente quello che è, ha pigiato un pulsante nel nostro subconscio attivandone il processo e la guarigione. Questo non vuol dire che dobbiamo perdonare, abbassarci e umiliarci davanti coloro che fanno quello che vogliono con noi, ma semplicemente restare Coscienti e Consapevoli di quello che stiamo creando, poiché lo stiamo facendo solo ai fini della nostra Evoluzione, e questo si chiama Amore. È chiaro che è un Amore in “bassa consapevolezza” poiché usiamo la sofferenza per generare un Risveglio e unaTrasformazione (quando saremo pronti a Evolvere nella Gioia, anche questo cambierà).
Rivestendo l’altro con un ruolo da “Maestro di dolore” nei nostri confronti, possiamo fare un passo in più verso la nostra Libertà. Dobbiamo capire che nessuno può ferirci veramente attraverso ciò che dice o ciò che fa. Noi siamo già pieni di ferite, provenienti dalla nostra fanciullezza, adolescenza e ancora oltre. Abbiamo numerosi lividi sulla pelle, talvolta invisibili e quindi inconsapevoli. Quando qualcuno passa e si avvicina, ci tocca o ci abbraccia, anche quell’Amore può far male. Ma il dolore che stiamo provando non viene da quell’Amore, piuttosto dalle ferite e dai lividi che ci portiamo dietro nelle nostre relazioni. L’altro è un Faro che ci indica dove dobbiamo portare la nostra coscienza per migliorare, per andare avanti, per essere ancora più liberi. Siamo sempre legittimati a lasciar andare qualcuno, soprattutto quando sentiamo che la soglia del dolore ha superato il tetto massimo.
La relazione con l’altro è un territorio molto delicato perché andiamo incontro alle persone riempiendoci di aspettative. Siamo incapaci di vivere uno stato di Libertà anticipata dall’altro. Niente può fare un’altra persona per noi se siamo ancora incapaci di generare una Felicità e una Gioia che prescindano da qualsiasi relazione. Chi non vuole capire questo passaggio sarà tutta la vita un mendicante d’Amore.
L’altro non ci darà la Felicità che stiamo aspettando da sempre, semplicemente perché la Felicità, per natura, nasce da dentro e non da fuori. L’altro non è il carnefice e il responsabile delle nostre sofferenze, perché esso sta solo risvegliando, con il suo atteggiamento, qualcosa che è già sepolto al nostro interno e che chiede di essere guarito.
I nostri traumi e le nostre sofferenze relazionali sono atavici, sono karmici, sono molto antichi. Abbiamo tanto da tirare fuori, non sprechiamo più le preziose occasioni spegnendo il fuoco della nostra consapevolezza e generando le dinamiche “Vittima e Carnefice”. Ognuno è carnefice e vittima di se stesso, è una legge universale.
Facciamo risplendere la Luce dell’Anima che siamo e integriamo, attraverso l’Amore, ogni parte di noi stessi che non ci piace nel nostro Cuore. Iniziamo poi a trasformare questa parte in nuova Consapevolezza. Lasciamo andare con Gioia chi ci ha permesso di fare questo salto Evolutivo, e facciamolo con gratitudine e con molto rispetto. Non esiste ricetta migliore di questa.

Andrea Zurlini
Fonte: http://www.crescitaspirituale.it/2015/03/quando-qualcuno-ci-irrita-vuol-dire-che/
 

Buone Feste 2018

dicembre 21, 2018 on 7:23 pm | In Affinita' d'anima, Amore, Cose carine, Emozioni, Evoluzione, Pensieri, Voglia di cambiare
| No Comments

Auguri di vero cuore a tutti e di pace, pace, pace…….nel mondo e nelle vostre case

Astromamme

maggio 15, 2018 on 5:29 am | In Amore, Astrologia, Cose carine, Donne, Emozioni, Evoluzione, Miei Articoli, Pensieri
| No Comments

di Emanuela Badiali

Qual è la mamma migliore dello Zodiaco??? Sicuramente essere genitori è il mestiere più difficile ed ognuna segue il suo istinto, ma anche le sue paure e le sue insicurezze. Ma la mamma migliore è quella che rispetta il proprio figlio, che sa che è un bambino, ma anche una persona. La mamma migliore è quella che cerca di capire cosa desidera il suo bambino, in cosa è portato, e che lo accompagna ricordandosi sempre che lui è il suo, ma non è uguale a lei. La mamma migliore è calore e protezione prima, ma poi sa lasciare andare la sua creatura. La mamma migliore è sempre pronta ad ascoltare ed è sempre un punto di riferimento, ma rispetta il carattere del bambino. E ha le qualità migliori del femminile: intuito, dolcezza, sensibilità e quella grande forza d’animo che solo le mamme hanno.

Abbiate pazienza con i vostri figli di Fuoco: Ariete, Leone e Sagittario sono i più energetici delle Zodiaco e disposti a tutto per farsi notare. Siate sempre ferme e allo stesso tempo dolci con loro, che sono dei generosi, naturalmente disposti a contraccambiare per affetto, ma che hanno bisogno di un po’ di disciplina.

Continua a leggere Astromamme…

Settimo Raggio: “l’Amore tramite il Rituale, l’Ordine e la Sintesi” di colore Indaco/Violetto

aprile 19, 2018 on 4:50 am | In Affinita' d'anima, Amici, Amore, Astri, Astrologia, Astrologia Esoterica, Corpo-Spirito, Donne, Emozioni, Evoluzione, Olistico, Pensieri, Spirito-Corpo, Tratto da.......
| No Comments

Questo pezzo mi è stato indicato da Angela Angarola

Secondo la teoria dei Sette Raggi lo scopo del nostro Sistema Solare è lo svelarsi della coscienza a tutti i livelli, mentre lo scopo dell’umanità, sia individualmente che collettivamente, è la rivelazione della realtà dell’Anima, l’Amore che sta al centro di tutte le forme e manifestazioni di Vita.

I Sette Raggi e dei loro Sotto-Raggi funzionano nel nostro Sistema Solare attraverso il Secondo Raggio mettendo a nostra disposizione la sua energia di Amore/Saggezza modificata e qualificata.

Il cielo come visto dalla terra è di colore indaco.

Considerando che il colore del Secondo Raggio è indaco del nostro Sistema Solare.

L’energia del Primo Raggio del nostro Sistema solare: “la Volontà ed il potere di amare” è di colore Indaco/Scarlatto

Nello stesso modo il colore del Secondo Raggio: “l’Energia essenziale dell’Amore” è indaco/Indaco;

Il Terzo Raggio: “ l’Espressione attiva ed intelligette dell’Amore” è Indaco/Verde;

Il Quarto Raggio: il nostro pianeta Terra sotto l’influsso del Quarto Raggio “l’Amore espresso tramite la fusione degli opposti” di colore Indaco/giallo.

Probabilmente la presenza del vero colore del Secondo Raggio ci offre una mano protettiva e soccorrevole mentre ci dibattiamo nei conflitti che sembrano caratterizzare la nostra ricerca di armoni a livello umano e terrestre .

Il Quinto Raggio: “l’Amore espresso tramite la Conoscenza Concreta e la Scienza” di colore Indaco/Arancio;

Il Sesto Raggio: “l’Amore espresso tramite la Devozione e l’Idealismo” di colore Indaco/Blu-Rosa;

e infine, il Settimo Raggio: “l’Amore tramite il Rituale, l’Ordine e la Sintesi” di colore Indaco/Violetto

– “Astrologia Centrata sull’Anima” di Alan Oken –

Fiaba dell’Energie

marzo 21, 2018 on 2:00 am | In Affinita' d'anima, Amore, Bellezza, Cose carine, Emozioni, Evoluzione, Miei Articoli, Pensieri, Poesia
| 2 Comments

Dedicato a Marco……

C’era una volta sulla Terra due ENERGIE. Una era rossa e l’altra castana, ma avevano la stessa luce verde davanti; avevano fatto delle esperienze che erano durate svariati anni in due posti diversi, avevano parlato e scambiato la loro energia con delle altre, ma questo non le rendeva contente in quel tempo.
Nessuno dei due sapeva dell’esistenza dell’altra e non lo immaginava neppure, sentivano solo che qualcosa a loro mancava, ma non sapevano esattamente cosa.
C’erano dei collegamenti sulla Terra e fu il caso a metterli in contatto.
Ci fu uno scambio molto breve, ma che diede delle sensazioni di nostalgia all’energia rossa, come per la mancanza di qualcuno già suo.
I contatti continuarono e si intensificarono e l’energie cominciarono a sognare e a fantasticare. Si continuò per un po’ di tempo così, si inviavano parole scritte che accarezzavano le menti, ma non c’era nessun contatto fisico tra loro.
Ebbero modo di parlarsi e apprezzarono molto i suoni che producevano le loro voci.
Erano suoni morbidi che accarezzavano ulteriormente le menti reciprocamente.
Suoni di una bellezza straordinaria: Si mise in moto L’UDITO dell’energie.
Decisero di incontrarsi incuriosite dallo scambio dei sogni e dai suoni dolci delle parole.
Concordarono l’incontro un pomeriggio d’estate in una località tra le loro e andarono l’uno incontro all’altra.
C’era tanto sole quel giorno e l’energia rossa non riuscì subito a vedere l’altra, poi avvicinandosi si mise in moto LA VISTA delle energie.
Fu bellissimo guardarsi e l’energie ne furono felici.
L’energia castana porse una mano e l’energia rossa avvicinò la sua e la toccò e si mise in moto IL TATTO dell’energie.

Continua a leggere Fiaba dell’Energie…

Anche l’astrologa ha i suoi transiti

marzo 14, 2018 on 8:08 am | In Astri, Astrologia, Astropsicologia, Corpo-Spirito, Emozioni, Evoluzione, Miei Articoli, Pensieri, Per sorridere
| No Comments

copertina anni 50

Saturno in prima opposto al Sole, Urano in sesta quadrato alla Luna, Nettuno in quarta quadrato a Mercurio come a dire ottimismo, fiducia, calma e pazienza, chiarezza di idee e sicurezza nelle scelte…..tutto condito da fluidita’ e facilita’ nel fare le cose e portare a termine i progetti……ce ne avessi uno di questi….tutto rema contro, ma l’astrologia è perfetta e dice vedi….con questi transiti vale la pena che ti incazzi?? Che poi ieri avevi pure la luna quadrata alla tua???La famosa luna storta??…..lascia andare….lo Zodiaco è una ruota, tutto passa e fluisce….anche l’Ego!!!!

AHHH….Saggia Signora Astrologia, chi ti conosce ti ama… 

8 marzo 2018

marzo 8, 2018 on 8:25 am | In Affinita' d'anima, Amore, Cose carine, Donne, Emozioni, Evoluzione, Pensieri, Uomini, Voglia di cambiare
| No Comments

 

Auguri a tutte le donne
Ricordatevi che siete la parte migliore del pianeta
Abbiate rispetto per voi e tenete care le vostre sorelle amiche donne
Insegnate come madri ai vostri figli l’amore per le donne
Pretendete quello che meritate dai vostri uomini
Abbiate fiducia delle vostre possibilita’….che sono immense
Rammentatevi della vostra bellezza che è, che era, e che rimane se rimarrete luminose nell’anima
Vi abbraccio tutte amiche di vecchia data, amiche nuove, amiche virtuali, amiche che non conosco
Io adoro le donne perché sono esseri veramente magici sulla Terra
Passate una felice giornata e festeggiate amando, amandovi!!! Con affetto. Manu’ 

Pagina successiva »


Entries and comments feedsfeed Valid XHTML and CSS. ^Top^
38 queries. 0,813 seconds.
Made with ♥ by Alessio
Alessio Filipponio on Linkedin

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Chiudi