Il Necrologio al Critico D’Arte

maggio 4, 2015 on 8:26 am | In Affinita' d'anima, Amici
| No Comments

di Umberto Verdirosi

umberto verdirosi

Un giorno lontano la stupidità si innamorò dell’ignoranza, si sposarono ed

ebbero un figlio, lo chiamarono Criticò. Il bimbo si fece adulto e criticò di continuo

tutto e tutti, ma sopratutto: gli artisti. Riuscì a far mettere le braghe ai

nudi di Michelangelo e si meritò un soprannome d’arte, lo chiamarono: critico

d’arte. Per gli amici: Criticò. Poi gli Dei o il Padreterno gli dettero l’immortalità,

si cibò di invidia in tutti i secoli, fu tracotante, insultante, pernicioso,

maligno. Visse e vive per criticare, per impedire, per stabilire, per sentenziare.

Carico dei cromosomi ereditati dalla madre Stupidità, non riconobbe Goya,

non riconobbe Rembrandt, non riconobbe Modigliani, non riconobbe Lautrec,

non riconobbe Van Gogh, non riconobbe nessuno; ma riconobbe sempre e in

ogni secolo solo se stesso. E c’è di più, perché ora pretende di conoscerli tutti

e ce li vuole spiegare con libri e parole!… Insomma, questo immortale riottoso

ha conquistato la terza pagina di tutti i giornali (dove si dice che si fa cultura

… ) e, sull’arte, ci scrive solo lui i suoi necrologi, perché (non ci si crede),

scriverà per l’artista solo se questo è in punto di morte… solo così arriva al suo

orgasmo letterario… a conferma, date un’occhiata ai giornali: si parla solo e

sempre di artisti defunti… il suo merito è: “Creare il mito del Morto”.

Questo antico stronzo, per dirlo con il gergo delle persone dotte (vedi Moravia

e il teatro di Dacia Maraini), imperversa, ammorba, promuove monumenti:

uno lo vedete alla stazione di Spoleto, altri nelle piazze di Milano, di

Catanzaro, di Nuoro, eccetera, ma, dei monumenti “insulto”, Roma è capitale.

Sindaci e Giunte sono cadute nell’inganno “Criticò” e ora non lo ferma nessuno,

perché monopolizza tutti i quotidiani (televisione compresa). Egli ci presenta

il suo pupillo Burri (finalmente deceduto) che riesce a far fermare il telegiornale

per essere ripreso nel suo “ gesto “ creativo: sta bucando una tela con

la fiamma ossidrica…! Ma sempre (parlando di televisione) lo vediamo raggiungere

il massimo Orgasmo letterario quando riesce a far trasmettere (via

cavo) lo Sterco d’Autore, presentato a New York, unitamente al design italiano,

dal Sommo Criticò nel 1995. E intanto i vari direttori di giornali sono molto

attenti (e di continuo), al mondo del calcio, della politica, ecc., ma degli artisti

viventi non si deve parlare, così ha sentenziato Criticò. Ci faranno sapere

che la Pivetti soffre il mal D’amore, che Scalfaro ama la Madonna, che Ronaldo

soffre di “ Miseria “e che il settimo comandamento è sempre in villeggiatura

in compagnia dei politici…! Questa la favola vera del nostro stupido tempo! E

intanto si continua a produrre armi perché si deve distruggere per poi ricostruire.

Ci saranno, in seguito, sottoscrizioni per le vedove e gli orfani bambini…

ma ora basta, dimenticavo Criticò! Se incontrate questo artista fallito, vi

prego segnalatemelo, anche se è immortale io lo ucciderò…! PASSATE PAROLA!!

Comments

comments

No Comments yet »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Leave a comment

XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

 


Entries and comments feedsfeed Valid XHTML and CSS. ^Top^
31 queries. 0,392 seconds.
Made with ♥ by Alessio
Alessio Filipponio on Linkedin

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice. maggiori informazioni

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.

Chiudi